Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

Carica banco di condensatori

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteDirtyDeeds, Foto Utentecarloc, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ

0
voti

[21] Re: Carica banco di condensatori

Messaggioda Foto Utenteedomar » 13 nov 2017, 23:16

No, nessuna bibliografia. la tensione a cui facevo riferimento è comunque quella al secondario del trasformatore... L'assorbimento six step a questo punto credo sia realizzabile solo a monte del ponte a diodi visto che i chopper sono unidirezionali in corrente e non potrebbero gestire il tratto con corrente negativa.. è corretto?

sai darmi qualche spunto..? lo schema ti sembra coerente?
Avatar utente
Foto Utenteedomar
30 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 91
Iscritto il: 9 lug 2013, 16:12

0
voti

[22] Re: Carica banco di condensatori

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 14 nov 2017, 9:57

Ho una curiosità:

Ti occupi di elettronica di piccola o grande potenza (elettrotecnica) ?
A cosa serve il "coso" che stai studiando ?
Dallo schizzo l'alimentazione del trasformatore pare trifase, quindi assorbirà almeno 3 kW, se no l'alimentazione sarebbe semplicemente monofare 230 Vac.
Forse tu lavorando solo sulla carta, non te ne rendi conto.
Quanto è grosso ? un alimentatore di un PC o un vagone ferroviario?
Se è grosso, sarà una tesi compilativa ? , se piccolo, sperimentale, realizzerai un prototipo ?
O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
4.437 2 6 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1437
Iscritto il: 9 lug 2015, 15:58
Località: Torino

0
voti

[23] Re: Carica banco di condensatori

Messaggioda Foto Utenteedomar » 14 nov 2017, 19:23

Ok, dimenticate tutto quello che ho scritto fino ad ora... Oggi ho chiesto alcuni chiarimenti su cosa si intendesse per assorbimento six step, e, come pensavo, era quello a monte del ponte a diodi... Così facendo le cose iniziano a tornare....

Schermata 2017-11-14 alle 19.08.52.png


Schermata 2017-11-14 alle 19.09.10.png


Se guardiamo il ponte a diodi, conducono sempre le fasi corrispondenti alla tensione di fase massima e a quella minima e, in particolare, se la fase k è quella con la tensione di fase più alta conduce il diodo alto, se è quella con la tensione di fase più bassa conduce il diodo basso.
Se la corrente assorbita dal secondario del trasformatore è in fase con la tensione di fase e ha l'andamento "stile six step" la corrente in uscita dal ponte raddrizzatore è una costante! Quindi la struttura con i due soli chopper consente di realizzare tale assorbimento di corrente e i componenti a semiconduttore di ciascun chopper sono orientati in modo corretto, visto che devono gestire quel verso di corrente.

A questo punto, l'obiettivo del calcolo è il ripple picco-picco di carica dei condensatori.
Conosciamo le grandezze di ingresso (corrente Iu costante e tensione Vu "inviluppata", cioè con andamento di un coseno tra -30° e +30° che si ripete ogni 60°) e sappiamo che le tensioni ai capi dei condensatori sono tutte uguali tra loro.
Come già detto la tensione in ingresso non solo varia in ogni sestante come un coseno ma può assumere valore di picco variabile tra 6*radice(2) e 7.2*radice(2).

Poiché la tensione ai capi dei due condensatori collegati ai chopper devono essere le stesse, così come le correnti (con segno opposto) i duty cycle dei due chopper devono coincidere.
Ho ricavato a questo punto l'espressione del duty cycle e quella delle correnti MEDIE iniettate ai nodi del condensatore più in alto (trascurando l'induttanza a monte dei chopper):
Schermata 2017-11-14 alle 19.08.24.png


Adesso, per calcolare il ripple picco-picco di carica devo integrare la corrente del condensatore in alto. Tale corrente è corretto dire che coincide con le sole componenti alternative della differenza i1-i2 di cui ho già calcolato i valori medi?
Avatar utente
Foto Utenteedomar
30 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 91
Iscritto il: 9 lug 2013, 16:12

1
voti

[24] Re: Carica banco di condensatori

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 14 nov 2017, 21:25

edomar ha scritto:devo integrare la corrente del condensatore

Se non definisci il carico resistivo, la tensione del condensatore sale
illimitatamente (almeno fìino al valore della tensione inversa del diodo...)
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
50,6k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 15670
Iscritto il: 25 ott 2005, 8:58
Località: MILANO

0
voti

[25] Re: Carica banco di condensatori

Messaggioda Foto Utenteedomar » 14 nov 2017, 21:31

Ha ragione però io non ho un carico resistito a quei capi, questo è solo il sistema di alimentazione del banco di condensatori di un inverter multilivello! Sto supponendo che la tensione in ciascun condensatore tramite opportuna modulazione sia arrivata al valore desiderato (medio) di 2.5 kV
Avatar utente
Foto Utenteedomar
30 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 91
Iscritto il: 9 lug 2013, 16:12

0
voti

[26] Re: Carica banco di condensatori

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 14 nov 2017, 21:39

Cioè è previsto un regolatore che azzeri il PPM
quando si raggiunge la tensione voluta?
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
50,6k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 15670
Iscritto il: 25 ott 2005, 8:58
Località: MILANO

0
voti

[27] Re: Carica banco di condensatori

Messaggioda Foto Utenteedomar » 14 nov 2017, 21:44

Non so bene come si realizzerà la modulazione dei due chopper, comunque ci sarà ai morsetti dello stadio finale un motore asincrono
Avatar utente
Foto Utenteedomar
30 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 91
Iscritto il: 9 lug 2013, 16:12

1
voti

[28] Re: Carica banco di condensatori

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 14 nov 2017, 22:40

Quei circuiti non sono chopper, perché non parzializzano
la tensione d'ingresso, ma per la carica del condensatore
sfruttano l' estratensione del del'induttore.


edomar ha scritto: stadio finale un motore asincrono

:?:
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
50,6k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 15670
Iscritto il: 25 ott 2005, 8:58
Località: MILANO

0
voti

[29] Re: Carica banco di condensatori

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 15 nov 2017, 7:32

perché i due induttori dello schizzo hanno il pallino ? Sono forse accoppiati fra loro?
I due IGBJT sono uno a canale N e l'altro a canale P ? Se si, correggi il simbolo di uno dei due.
Ma poi come funziona ? a cosa servono gli altri 2 condensatori?
Una risposta alle precedenti domande?
O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
4.437 2 6 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1437
Iscritto il: 9 lug 2015, 15:58
Località: Torino

Precedente

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 25 ospiti