Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

Dichiarazione di conformità per ricambio

L'iter relativo alla marcatura CE e problemi connessi.

Moderatore: Foto UtenteGuerra

0
voti

[1] Dichiarazione di conformità per ricambio

Messaggioda Foto Utenteboiler » 6 nov 2017, 9:11

Ciao a tutti

Abbiamo un apparecchio che vendiamo e che ha la sua dichiarazione di conformità.
All'interno di questo apparecchio (bisogna aprirlo per accedervi) c'è un modulo che può essere sostituito dal cliente stesso. Quando vendiamo questo modulo, dobbiamo allegare una dichiarazione di conformità anche per lui o, visto che va usato solo all'interno di un apparecchio che ha le sue certificazioni, vale la dichiarazione di conformità dell'apparecchio stesso?

Saluti, Boiler
Avatar utente
Foto Utenteboiler
11,6k 3 6 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1953
Iscritto il: 9 nov 2011, 11:27

1
voti

[2] Re: Dichiarazione di conformità per ricambio

Messaggioda Foto UtenteMike » 6 nov 2017, 10:52

Dipende quali sono le direttive applicabili al prodotto. Se si applica solo la direttiva BT allora non c'è alcun obbligo di rilasciare la dichiarazione di conformità (che va archiviata con la documentazione tecnica) ma solo la marcatura CE e lo stesso vale per il ricambio se rientra nel campo di applicazione. Diverso è il caso se il prodotto rientra nella direttiva macchine e quindi dal tipo di ricambio.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
46,7k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 13412
Iscritto il: 1 ott 2004, 17:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[3] Re: Dichiarazione di conformità per ricambio

Messaggioda Foto Utenteboiler » 6 nov 2017, 12:15

Mike ha scritto:Dipende quali sono le direttive applicabili al prodotto.

L'apparecchio è a bassisima tensione (12 V), ma visto che monta un transceiver va applicata la Radio Equipment Directive (2014/53/EU) che a sua volta richiede la 2014/35/EU.
Inoltre, ovviamente, la compatibilità elettromagnetica.

Se dovessimo rilasciare una dichiarazione di conformità anche per il modulo, dovremmo testarlo separatamente. E dubito che passerebbe per esempio il test di burst (EN 61000-4-4), dato che è stato progettato per lavorare con l'alimentazione interna (pulita) dell'apparecchio principale.

quindi dal tipo di ricambio.

È un sensore ottico, se dovessimo venderlo come prodotto a sè stante, l'unica norma che sarebbe applicabile sarebbe quella per la compatibilità elettromagnetica.

Boiler
Avatar utente
Foto Utenteboiler
11,6k 3 6 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1953
Iscritto il: 9 nov 2011, 11:27

0
voti

[4] Re: Dichiarazione di conformità per ricambio

Messaggioda Foto UtenteMike » 6 nov 2017, 12:40

boiler ha scritto:L'apparecchio è a bassisima tensione (12 V), ma visto che monta un transceiver va applicata la Radio Equipment Directive (2014/53/EU) che a sua volta richiede la 2014/35/EU.
Inoltre, ovviamente, la compatibilità elettromagnetica.

Ok, non rientra nella Direttiva BT (tensione inferiore a 50V in ca e 75 V in cc). Per cui marcatura CE solo per la RED e forse la EMC perché a memoria gli apparecchi radiotrasmittenti sono esclusi. Non conosco la direttiva RED per cui non so se obbliga la consegna della Dichiarazione di Conformità o è sufficiente la marcatura CE.
boiler ha scritto:Se dovessimo rilasciare una dichiarazione di conformità anche per il modulo, dovremmo testarlo separatamente. E dubito che passerebbe per esempio il test di burst (EN 61000-4-4), dato che è stato progettato per lavorare con l'alimentazione interna (pulita) dell'apparecchio principale.

E' un componente per cui per la EMC vale quella dell'apparecchiatura in cui è assemblato.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
46,7k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 13412
Iscritto il: 1 ott 2004, 17:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[5] Re: Dichiarazione di conformità per ricambio

Messaggioda Foto Utenteboiler » 6 nov 2017, 12:49

Mike ha scritto:Ok, non rientra nella Direttiva BT (tensione inferiore a 50V in ca e 75 V in cc).

Quando è richiesta la RED, la BT va automaticamente fatta, indipendentemente dalla tensione.

non so se obbliga la consegna della Dichiarazione di Conformità

È richiesta dalla categoria di apparecchio (strumento di misura).

E' un componente per cui per la EMC vale quella dell'apparecchiatura in cui è assemblato.

Ottimo, grazie :ok:
Avatar utente
Foto Utenteboiler
11,6k 3 6 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1953
Iscritto il: 9 nov 2011, 11:27

0
voti

[6] Re: Dichiarazione di conformità per ricambio

Messaggioda Foto UtenteMike » 6 nov 2017, 17:57

boiler ha scritto:Quando è richiesta la RED, la BT va automaticamente fatta, indipendentemente dalla tensione.

Ah, pensavo che fosse un rimando alla parte di sicurezza elettrica e si applicasse solo se rientrava nel campo di applicazione.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
46,7k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 13412
Iscritto il: 1 ott 2004, 17:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[7] Re: Dichiarazione di conformità per ricambio

Messaggioda Foto UtenteSerTom » 8 nov 2017, 8:37

Nel titolo parli di ricambi ... ma nel testo parli di modulo sostituibile (opzionale quindi ?); non è la stessa cosa.
Nelle parti di ricambio (che in genere non possono avere nessuna funzione finita) non è necessaria la Dichiarazione e la marcatura CE. Sugli accessori (che possono avere una funzione finita, vedi modulo radio) dipende.
Si può considerare l'apparecchio nel suo insieme ... ed allora l'accessorio non è marcato CE perché lo diventa una volta integrato.
Oppure lo si può considerare come elemento a se, con una funzione finita e quindi "pre-certificato".
Cosa intendo per pre-certificato. Che può essere identificato, dichiarato e marcato CE come elemento singolo, ma ci poi lo incorpora deve seguire le istruzioni del produttore o certificare l'apparecchio finito anche per la parte pre-certificata. Dipende anche da come le 2 parti si integrano.
L'ultima RED ha parecchio incasinato la situazione prendendo possesso di interi apparecchi anche se solo incorporano una piccolissima (ed insignificante) parte radio.
La situazione non è ancora del tutto chiara.
L'importante è che in un modo o nell'altro, le verifiche siano fatte ed il prodotto finito sia conforme.

Bye O_/ Ser.Tom
Avatar utente
Foto UtenteSerTom
3.473 1 4 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1572
Iscritto il: 18 mag 2012, 8:57

0
voti

[8] Re: Dichiarazione di conformità per ricambio

Messaggioda Foto Utenteboiler » 8 nov 2017, 9:23

SerTom ha scritto:Nel titolo parli di ricambi ... ma nel testo parli di modulo sostituibile (opzionale quindi ?); non è la stessa cosa.

Senza il modulo installato, l'apparecchio è un costosissimo fermacarte :mrgreen:
No no, non è opzionale.

Nelle parti di ricambio (che in genere non possono avere nessuna funzione finita)

Cosa si intende per funzione finita?

La situazione è questa:
- il ricambio ha l'aspetto di un prodotto finito. Per intenderci, non è nudo come lo è per esempio una barretta di RAM, ma ha il suo chassis di acciaio inox
- viene collegato all'apparecchio principale con un cavo standard M12 e fissato con due viti
- l'interfaccia è modbus, ma non è documentata pubblicamente
- è funzionale di suo (se gli si dà corrente inizia a campionare dati ed elaborarli)
- fornisce i dati solo su richiesta del master (l'apparecchio principale)

Insomma, se sono un cliente smanettone e ho voglia di buttar via un paio di giorni di reverse engineering posso usare il ricambio anche da solo sul tavolo così com'è. Però non è l'uso che noi pubbliciziamo, consigliamo o documentiamo.

Siamo a posto così o vale la pena di scrivere nel manuale del ricambio che è concepito solo per l'uso nell'apparecchio principale?

Boiler
Avatar utente
Foto Utenteboiler
11,6k 3 6 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1953
Iscritto il: 9 nov 2011, 11:27

1
voti

[9] Re: Dichiarazione di conformità per ricambio

Messaggioda Foto UtenteSerTom » 9 nov 2017, 8:36

Ma questo oggetto, al di fuori del contesto in cui viene inserto (di serie, sul prodotto "padre") può avere una sua funzionalità ? Ovvero, se qualcuno lo acquista, seguendo la normale prassi (se ha una spina l'attacca alla presa) e seguendo le indicazioni fornite sulle istruzioni (e senza fare nessun reverse ...) riesce ad ottenere la funzionalità per la quale il prodotto è realizzato ?

E' un modem GSM/GPRS/3G, ci metto la SIM, lo alimento a 5 V ed ottengo una connessione WiFi = prodotto finito = Dichiarazione SI

E' un modulo GSM/GPRS/3G che ha si una connessione per la SIM ma la devo realizzare separatamente, che ha si il connettore per l'alimentazione, ma la devo collegare appositamente a 3,6V. Ha si il WiFi ma ci devo aggiungere l'antenna ... insomma da solo non fa un bel tubo = oggetto senza funzioni finite = Dichiarazione NO

Pre-certificazione = eventualmente si; se si forniscono le informazioni per ottenere un prodotto funzionante e finito, in questo modo, chi ci aggiunge quel che manca ... (ed ottiene un altro prodotto che include le funzionalità del modulo) se che il modulo di suo è a posto e deve verificare solo il circostante.

Bye O_/ Ser.Tom
Avatar utente
Foto UtenteSerTom
3.473 1 4 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1572
Iscritto il: 18 mag 2012, 8:57


Torna a Direttiva Macchine

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti