Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

salvavita che salta in continuazione

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utente6367, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto UtenteMike, Foto Utentesebago

0
voti

[1] salvavita che salta in continuazione

Messaggioda Foto Utentecandestefa » 2 dic 2007, 21:36

per favore, vorrei sapere perché mi salta il salvavita(interruttore differenziale),anche due volte al giorno anche quando sono accesi solo due frigo e qualche lampadario o dopo 1/2 ora che è accesa la lavatrice o il forno
grazie
Avatar utente
Foto Utentecandestefa
0 2
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 30 nov 2007, 19:55

0
voti

[2] Re: salvavita che salta in continuazione

Messaggioda Foto Utentedep » 2 dic 2007, 22:33

ciao
sicuramente ci sarà un buon motivo per staccare...generalmente si tratta si un dispersione di corrente...per cui ti consiglierei di provrare a staccare tutti gli elettrodomestici,dal frigo alla televisione o dalla lavatrice al forno elettrico per esempio...
poi inizia ad alimentare uno per volta i vari elettrodomestici..e nota se si stacca il differenziale o salvavita...se dovesse succedere vuol dire che c'è qualcosa che non va all'interno dell'elettrodomestico che provoca dei corti oppure magari nella presa di aimentazione dove vai a collegare si provocano tali effetti!

prova a vedere...comunque se non altro il differenziale è in un buono stato!! :mrgreen:
ciao
é un mondo difficile!!!!!!!!!
Avatar utente
Foto Utentedep
0 2 5
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 317
Iscritto il: 11 mag 2007, 10:03

0
voti

[3] Re: salvavita che salta in continuazione

Messaggioda Foto Utente6367 » 2 dic 2007, 23:13

sicuramente ci sarà un buon motivo per staccare...generalmente si tratta si un dispersione di corrente...


ma... molto spesso i differenziali da 30mA soffrono di scatti intempestivi...
Avatar utente
Foto Utente6367
5.145 4 6 11
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3288
Iscritto il: 8 set 2005, 23:00

0
voti

[4] Re: salvavita che salta in continuazione

Messaggioda Foto Utenteelettro » 3 dic 2007, 20:12

Esistono differenziali (salvavita) che sono esenti da disturbi sulla linea elettrica...
La ABB ne produce una serie denominata DDA...
Avatar utente
Foto Utenteelettro
671 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2502
Iscritto il: 9 mar 2005, 18:23

0
voti

[5] Re: salvavita che salta in continuazione

Messaggioda Foto Utente6367 » 4 dic 2007, 0:03

Esistono differenziali (salvavita) che sono esenti da disturbi sulla linea elettrica...
La ABB ne produce una serie denominata DDA...


Per la verità DDA nel catalogo ABB indica tutti i blocchi differenziali....
Quelli esenti da disturbi si chiamano AP-R.
Nle catalogo BTicino si choiamano HPI, per Merlin Gerin SI, etc etc
Avatar utente
Foto Utente6367
5.145 4 6 11
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3288
Iscritto il: 8 set 2005, 23:00

0
voti

[6] Re: salvavita che salta in continuazione

Messaggioda Foto UtenteSaxo8v » 5 dic 2007, 11:38

Secondo me nel tuo caso non si tratta di disturbi della rete, ma di dispersioni e basta. Scagionerei la TV (a meno che tu non abbia la versione metal con carcassa in acciaio zincato di solito sono apparecchia a doppio isolamento che non hanno neanche terra->non faranno mai scattare il differenziale) e mi concentrerei sulla lavatrice in primis. Spesso tra acqua e vari avvolgimenti qualche mA va fuori...

Piccolo dubbio: ma il salvavita scatta indebitamente per disturbi che arrivano dalla rete, o per disturbi (correnti vaganti o di guasto) che da terra si richiudono attraverso il neutro? Se fosse vera la seconda ipotesi, non è che è solo una bella trovata pubblicitaria per propinare interruttori che correggono un falso problema?

Già che ci siamo: sovrapponete le curve tempo-corrente di sicurezza e di intervento di un salvavita (le caratteristiche standard), noterete almeno 2 piccoli punti scoperti...
Avatar utente
Foto UtenteSaxo8v
0 1
 
Messaggi: 10
Iscritto il: 5 dic 2007, 11:25

0
voti

[7] Re: salvavita che salta in continuazione

Messaggioda Foto Utenteelettro » 5 dic 2007, 13:33

E' bene ricordare che gli elettrodomestici hanno nella maggior parte dei casi, dei dispositivi antidisturbo all'ingresso dell'alimentazione che, in condizioni particolari possono scaricare a terra e fare intervenire le protezioni.
Eventuali disturbi sulla linea, possono attivare le protezioni, che sono in pratica dei filtri con induttanze e capacità, connesse per scaricare a terra...
Bisogna isolrare il guasto....
Avatar utente
Foto Utenteelettro
671 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2502
Iscritto il: 9 mar 2005, 18:23

0
voti

[8] Re: salvavita che salta in continuazione

Messaggioda Foto UtenteSaxo8v » 6 dic 2007, 9:55

si, ma quelli sono dei filtrini molto piccoli, che se fanno girare i 30mA te ne accorgi, nel senso che 9 su 10 li trovi belli bruciati! Poi sono accordati a frequenze talmente alte che il disturbo prima di arrivare al filtro ha già irraggiato nel mondo usando i fili come antenna. Quei filtri servono di solito per ridurre i disturbi trasmessi generati dagli elettrodomestici.
Avatar utente
Foto UtenteSaxo8v
0 1
 
Messaggi: 10
Iscritto il: 5 dic 2007, 11:25

0
voti

[9] Re: salvavita che salta in continuazione

Messaggioda Foto Utente6367 » 6 dic 2007, 19:08

Già che ci siamo: sovrapponete le curve tempo-corrente di sicurezza e di intervento di un salvavita (le caratteristiche standard), noterete almeno 2 piccoli punti scoperti...


Certo! e ne esistono anche altri di "punti scoperti". Sfondi una porta aperta

Infatti, se serve per la protezione dai contatti di tipo diretto, ha solo la funziona "addizionale". Proprio perché la sua efficacia è piuttosto limitata. La vera protezione è passiva (isolamento, distanziamento, etc....).
Ma se veramente temessimo il rischio di contatto diretto, sarebbe il caso di abbassare la Idn, per esempio a 10mA. Magari sulle singole prese, come si fa negli USA e non si sognerebbero di usare 30mA per la protezione dai contatti diretti!

Se invece lo mettiamo per la protezione dai contatti indiretti (è la protezione principale, quella per cui lo richiede la legge 46/90), allotra i punti scoperti non ci sono per nulla, perché il differenziale interviene in modo preventivo. Potrebbe tranquillamente anche essere ritardato.

Piccolo dubbio: ma il salvavita scatta indebitamente per disturbi che arrivano dalla rete, o per disturbi (correnti vaganti o di guasto) che da terra si richiudono attraverso il neutro? Se fosse vera la seconda ipotesi, non è che è solo una bella trovata pubblicitaria per propinare interruttori che correggono un falso problema?

E chi lo sa! potrebbe anche essere una combinazione dei due.
Il problema non lo trovo affatto falso. Gli scatti intempestivi sono un problema reale e diffusissimo, e la soluzione degli interruttori "robusti" è efficace nel 99% dei casi.
Non parlerei affatto di una balla trovata pubblicitaria. Semmai le grande industrie per il medesimo problema oggi ci propinano i dispositivi autorichiudenti, molto più costosi e complicati, e non spingono i differenziali antidisturbo che sarebbero una soluzione molto più furba ed economica.
Avatar utente
Foto Utente6367
5.145 4 6 11
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3288
Iscritto il: 8 set 2005, 23:00

0
voti

[10] Re: salvavita che salta in continuazione

Messaggioda Foto UtenteSaxo8v » 7 dic 2007, 8:18

Quindi secondo te se io tocco una fase è il magnetotermico che mi protegge??????
E in base a cosa dovrebbe scattare?
Secondo me il fatto che possa essere ritardato è un errore, visto che nessuno mi vieta di starmene seduto sulla lavatrice mentre scarica a terra! Il differenziale serve per fare in modo che il potenziale non sia mai sopra la soglia. Contatto indiretto significa che una parte che di norma non è in tensione lo è, non altro, perché si ritiene che solo un deficiente metterebbe mano su una parte che sa essere in tensione!

Sui disturbi: un differenziale fa la somma algebrica delle correnti di fase e neutro, che gli arrivino a 50 Hz, 10 kHz o 2 Hz a lui non interessa, anche perché il toroide si comporterebbe allo stesso modo per fase e neutro. L'unica cosa che può alterare l'equilibrio è che la corrente esca da un'altra parte, quindi è più credibile l'influenza dei filtri, anche se non mi convince.

Per quanto riguarda i punti scoperti del differenziale mi sono espresso male: essendo il punto un'entità priva di dimensione i punti sono infiniti, ma io mi riferivo alle zone, cioè con correnti molto alte o correnti molto basse.
Avatar utente
Foto UtenteSaxo8v
0 1
 
Messaggi: 10
Iscritto il: 5 dic 2007, 11:25

Prossimo

Torna a Impianti elettrici e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti