Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

Interruttori a distanza ad onde convogliate

Telefonia, radio, TV, internet, reti locali...comandi a distanza

Moderatori: Foto UtenteDirtyDeeds, Foto Utentejordan20

0
voti

[11] Re: Interruttori a distanza ad onde convogliate

Messaggioda Foto UtentePiero Azzoni » 5 gen 2018, 8:10

Foto UtenteTardoFreak ha scritto:Ho fatto delle prove con le onde convogliate, parecchie prove, poi ho abbandonato l'idea.
grazie dell'informazione
ho lo stesso identico problema, anch'io "a senso" avevo perplessità sulle onde convogliate, non ultimo per la commistione (anche sul piano formale) con l'impianto elettrico
sono indeciso se dimensionarmi si 63 o su 127 slave, le distanze non sono un problema anche se non uso mesh ma un solo AP, sarei propenso a lavorare in WiFi sulla 2.4
l'unico dubbio è quale processore usare, è il mio punto debole perché sono abituato a ragionare su sistemi industriali su sistemi cos' leggeri non so quasi nulla
non ho alcun problema di latenza, ho a disposizione per l'attuazione centinaia di millisecondi
la mia idea, non per scopo di contenere la latenza ma per semplificare il sistema è quello di trasmettere brocasting un pacchetto di word dirette verso tutti
ogni slave deve verificare che per più cicli di trasmissione il contenuto sia identico ed a questo punto conformarsi allo stato del suo bit
l'output dello slave è un solo relè (meccanico o statico da 5 A a 230 V)per il master al contrario non ho alcun problema, l'idea è di usare un HMI industriale intefacciato in ethernet ad un AP, che oltretutto mi permette qualche feature in più "a gratis" quale SNP, ricette, web server verso user superiori, ecc. ecc.
la "scatolina conterrà una doppia morsettiera passante trifase, la protezione singola, il controller con il relativo receiver (non serve in linea di massima antenna esterna, può essere un'opzione per comandare le esterne) ed il relè che rende l'alimentazione a 230 V fino a 300 W.
lo scopo finale è arrivare ad accende e spegnere, broadcasting, punto singolo, o su ricetta un alto numero di lampade di elevata potenza
la commessa è già aperta, devo acquistare a brevissimo

cosa ne pensi ?
consigliami in merito all'hardware del controllore locale, non ho ancora acquistato nulla
spero di essere stato sufficientemente chiaro

(oltretutto possiamo sentirci comodamente perché ho visto che sei dello stesso pianeta)
Avatar utente
Foto UtentePiero Azzoni
22,1k 4 5 11
free expert
 
Messaggi: 10297
Iscritto il: 4 set 2007, 16:32
Località: Terra

0
voti

[12] Re: Interruttori a distanza ad onde convogliate

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 5 gen 2018, 8:49

EcoTan ha scritto:ho realizzato tutto quanto

Adesso mi piacerebbe passare dalla logica cablata a quella programmata ma è un lavoraccio, e poi anch'io avrei il problema di scegliere la MCU. Per quello che intendo fare (tutto integrato in unico programma monolitico) ci vuole un ADC veloce per cui conosco soltanto il dsPic, il problema è che adesso le MCU a 32 bit costano meno del dsPic ma non le conosco affatto.
Certo le onde convogliate sanno di antico, però le power line..
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
4.303 4 9 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2311
Iscritto il: 29 gen 2014, 7:54

1
voti

[13] Re: Interruttori a distanza ad onde convogliate

Messaggioda Foto UtenteTardoFreak » 5 gen 2018, 11:45

Al tempo avevo affrontato la possibilità di progettare un sistema domotico. Ovviamente l'avrei provato prima su casa mia.
Casa mia sembra essere il caso più sfortunato:
- 3 piani (seminterrato, rialzato e primo piano)
- Un solaio di 60cm in cemento armato su cui poggia il primo piano attraverso cui non passa niente, uno schermo.
- Circuiti elettrici separati per ogni piano con magnetotermico differenziale
- giardino da 500mq con moduli installati nei garage (esterni) e nel muro perimetrale.
Per le onde convogliate ho fatto sperimentazioni su PSoC della Cypress fatti apposta per le comunicazioni su rete elettrica. Ho anche provato altri sistemi più terra terra (modulatori e demodulatori FM) ma li ho buttati nello scatolone dei rottami perché inefficienti.
I costi e gli ingombri con il PsOC erano considerevoli ed il sistema non era affidabile anche se munito di feedback. A volte funzionava, a volte no, non ostante fosse un sistema dedicato alla Powerline Communication.
Quindi mi sono rivolto verso la radiofrequenza.
Ho subito visto che per fare comunicazioni da un master in broadcast non era possibile perché il segnale veniva troppo attenuato dai solai e dalla distanza (giardino), quindi la scelta doveva per forza ricadere in una rete mesh.
Quindi ho pensato a ZigBee ma ho incontrato diversi problemi. Al tempo la Texas forniva uno stack ZigBee per reti mesh ma funzionava, ovviamente, solo sui suoi micro dedicati (anche questi piuttosto costosi).
Anche Atmel forniva uno stack ZigBee ma funzionava ovviamente solo sui suoi micro (AtMegaRF) o tramite l'accoppiata front-end RF e microcontrollori. Per poter usare gli ARM (solo i SAM3) lo stack fornito funzionava solo con il sistema di sviluppo EWARM della IAR che costa più del sangue. Troppe limitazioni, troppi costi, ho abbandonato.
Poi sono incappato nel ESP8266 ma questo funziona con il WiFi. Dato che casa mia offre un'ottima infrastruttura WifI (router più 5 ripetitori) mi sono buttato su questa soluzione che, fino ad ora, ha dato ottimi risultati. Ovviamente mi sono dovuto studiare pure Cristo, ed implementare diversi tipi di server su ogni nodo ma la cosa funziona, e pure bene.
Di tanto in tanto porto avanti il progetto, per ora ho realizzato dei nodi piccoli ed efficienti, non hanno mai dato problemi.
Non saprei come fare per utilizzare MRF2401 che sembra essere un buon oggetto, anche perché è un prodotto relativamente nuovo e non ha avuto il tempo di studiarmelo.
Per ora proseguo con il WiFi.
"La follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi".
"Parla soltanto quando sei sicuro che quello che dirai è più bello del silenzio".
Rispondere è cortesia, ma lasciare l'ultima parola ai cretini è arte.
Avatar utente
Foto UtenteTardoFreak
72,6k 8 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 15873
Iscritto il: 16 dic 2009, 10:10
Località: Torino - 3° pianeta del Sistema Solare

0
voti

[14] Re: Interruttori a distanza ad onde convogliate

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 5 gen 2018, 12:12

Avrei una curiosità: una rete LAN over power non andrebbe bene?
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
69,3k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 8088
Iscritto il: 12 ago 2012, 0:20
Località: Londra

0
voti

[15] Re: Interruttori a distanza ad onde convogliate

Messaggioda Foto UtenteTardoFreak » 5 gen 2018, 12:39

Si certo, ma con il WiFi non devo far passare neanche un cavo.
"La follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi".
"Parla soltanto quando sei sicuro che quello che dirai è più bello del silenzio".
Rispondere è cortesia, ma lasciare l'ultima parola ai cretini è arte.
Avatar utente
Foto UtenteTardoFreak
72,6k 8 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 15873
Iscritto il: 16 dic 2009, 10:10
Località: Torino - 3° pianeta del Sistema Solare

0
voti

[16] Re: Interruttori a distanza ad onde convogliate

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 5 gen 2018, 14:55

Neanche con la LAN over power, ti basta una presa di corrente.
Mi chiedevo se fosse una soluzione più affidabile delle onde convogliate
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
69,3k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 8088
Iscritto il: 12 ago 2012, 0:20
Località: Londra

0
voti

[17] Re: Interruttori a distanza ad onde convogliate

Messaggioda Foto UtenteTardoFreak » 5 gen 2018, 17:00

Non saprei, non ho idea di come possa essere realizzata e di quali componenti abbisogna.
"La follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi".
"Parla soltanto quando sei sicuro che quello che dirai è più bello del silenzio".
Rispondere è cortesia, ma lasciare l'ultima parola ai cretini è arte.
Avatar utente
Foto UtenteTardoFreak
72,6k 8 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 15873
Iscritto il: 16 dic 2009, 10:10
Località: Torino - 3° pianeta del Sistema Solare

2
voti

[18] Re: Interruttori a distanza ad onde convogliate

Messaggioda Foto UtentePiero Azzoni » 5 gen 2018, 19:08

Foto UtentePietroBaima ha scritto:Avrei una curiosità: una rete LAN over power non andrebbe bene?
su usi così leggeri no
ho usato più volte powerline per reti di acquisizione utilities e funzionano bene
se devi realizzare una rete di questo tipo i costi sono analoghi come analoghe sono le prestazioni
su un sistema così leggero al contrario i costi del WiFi crollano mentre su power line no
mi riferisco ovviamente ai client, il costo del master è del tutto irrilevante
Avatar utente
Foto UtentePiero Azzoni
22,1k 4 5 11
free expert
 
Messaggi: 10297
Iscritto il: 4 set 2007, 16:32
Località: Terra

0
voti

[19] Re: Interruttori a distanza ad onde convogliate

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 5 gen 2018, 21:44

Si va sempre verso i sistemi centralizzati. Nel sistema che centralizzato non è, per ridurre i rischi in caso di collisione, si possono assegnare opportunamente i codici.
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
4.303 4 9 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2311
Iscritto il: 29 gen 2014, 7:54

0
voti

[20] Re: Interruttori a distanza ad onde convogliate

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 5 gen 2018, 22:25

Piero Azzoni ha scritto:su usi così leggeri no
ho usato più volte powerline per reti di acquisizione utilities e funzionano bene
se devi realizzare una rete di questo tipo i costi sono analoghi come analoghe sono le prestazioni
su un sistema così leggero al contrario i costi del WiFi crollano mentre su power line no
mi riferisco ovviamente ai client, il costo del master è del tutto irrilevante

Ah ok, grazie.
Non ne sapevo niente.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
69,3k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 8088
Iscritto il: 12 ago 2012, 0:20
Località: Londra

PrecedenteProssimo

Torna a Telecomunicazioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti