Pagina 1 di 2

Effetti sulla salute dei campi magnetostatici

MessaggioInviato: 6 gen 2018, 19:58
da Vinus
Salve a tutti, recenti ristrutturazioni domestiche[url][/url] mi hanno spinto a cominciare a documentarmi sul tema di questo thread: come è noto, sono decenni che si parla tanto degli effetti dei campi elettromagnetici sugli organismi viventi... ma cosa dire di quelli magnetostatici?

Cercando in rete

1. http://www.iss.it/elet/index.php?lang=1&id=75&tipo=5
2. https://goo.gl/X3jVkh (questo pdf mi è parso il più interessante)
3. http://www.ausl.rn.it/Materiali/lavorare_sicurezza/campo_magnetico_statico.html

mi è parso che la letteratura in tema sia piuttosto scarsa, visto che non capita di frequente di essere esposti a campi statici come quelli generati da grandi magneti o quanto meno da magneti al neodimio, che oggi pare non in pochi utilizzino per applicazioni domestiche (nel caso preciso, fissaggio di mobili alle travi in ferro nelle mansarde).

In particolare, noto che i magneti commerciali di tipo N52 dovrebbero sviluppare un di circa diecimila gauss, quindi si tratta di valori confrontabili con quelli definiti nel documento 2: mi domando se avere una mezza dozzina di questi magneti in stanza sia poco saggio...

Cosa ne pensate?

O_/

Re: Effetti sulla salute dei campi magnetostatici

MessaggioInviato: 6 gen 2018, 22:59
da EcoTan
Vinus ha scritto:Cosa ne pensate?

Andrebbe fatta una seria sperimentazione su animali, anche per i campi alternati.

Re: Effetti sulla salute dei campi magnetostatici

MessaggioInviato: 7 gen 2018, 7:20
da Vinus
Beh, pare che per quanto riguarda gli effetti dei campi variabili ci siano già parecchi dati.

Re: Effetti sulla salute dei campi magnetostatici

MessaggioInviato: 7 gen 2018, 9:02
da EcoTan
I parecchi dati esistenti sono solo dati statistici sulla popolazione umana?
Risulta che siano stati fatti esperimenti su animali con campi estremi?
Sarebbe difficile farli?

Re: Effetti sulla salute dei campi magnetostatici

MessaggioInviato: 7 gen 2018, 9:17
da IsidoroKZ
I campi magnetici (quasi) statici hanno delle sorgenti a dipolo, e quindi il campo cala velocemente con la distanza dal magnete. Essendo i magneti solitamente piccoli, direi che non ci siano problemi. Purtroppo non ho il tempo di fare i conti su quanto sia intenso il campo di un magnete permanente in configurazioni tipiche.

Re: Effetti sulla salute dei campi magnetostatici

MessaggioInviato: 7 gen 2018, 9:44
da mullins
EcoTan ha scritto:I parecchi dati esistenti sono solo dati statistici sulla popolazione umana?

Due anni fa ho comprato casa nelle vicinanze di una ferrovia. Ho trovato uno studio statistico (in inglese) fatto in America.
I partecipanti erano maggiorenni ed erano nati e cresciuti nella stessa casa che si trovava nelle vicinanze di una linea di alta tensione.
Fino a 200m c'era il rischio di sviluppare tumori.
Dai 200 a 300 sviluppare disturbi psichici. Mi pare che dimezzando la distanza quadruplica la forza d'interazione dei magneti. Se questo fosse valido anche per le tensioni, vista quella di casa (220 V) si tratti si poco. Dato che l'electrification dell'Italia penso risalire al dopoguerra mentre i tumori hanno avuto un'impennata fine anni 80 non ci siano grandi connessioni.

Re: Effetti sulla salute dei campi magnetostatici

MessaggioInviato: 7 gen 2018, 10:22
da TardoFreak
mullins ha scritto:Fino a 200m c'era il rischio di sviluppare tumori.
Dai 200 a 300 sviluppare disturbi psichici.

Uhm ... non so se sia vero ma se così fosse i macchinisti, i bigliettai i capotreni ed il personale viaggiante dovrebbero essere tutti impazziti o morti di cancro. :-M

Re: Effetti sulla salute dei campi magnetostatici

MessaggioInviato: 7 gen 2018, 10:35
da mullins
Lo studio parlava di linee alta tensione. Quello per la trazione ferroviaria penso che sia più bassa. La persona ci passa meno tempo. Nello studio americano la persona è nata in quella casa.

Re: Effetti sulla salute dei campi magnetostatici

MessaggioInviato: 7 gen 2018, 10:38
da richiurci
Infatti...mai sentito uno stidio del genere direi che è una bufala.

Gli effetti dei campi sono talmente bassi e controversi che dopo decenni di uso generalizzato di telefonini non ci è morto nessuno... meglio preoccuparsi di altro.

Sui magnetini ancora meno, parlarne serve solo a dare credito a chi vende prodotti inutili agli ipocondriaci ;-)

Re: Effetti sulla salute dei campi magnetostatici

MessaggioInviato: 7 gen 2018, 10:41
da mario_maggi
Vinus,
nella MRI il campo magnetico ha una intensità molto elevata ed è diretto volutamente verso il corpo del paziente. Nei magneti per appendere qualcosa l'intensità è molto bassa e il campo si chiude nel pezzo trattenuto, comunque lontano dal corpo umano. Per cui non vedo alcun rischio.
Tutte le altre considerazioni fatte da altri (treni, campi alternati) non hanno niente a che vedere con la tua domanda.
Ciao
Mario