Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

Variatore temperatura per stagnatore 220 V

Apparecchi di misura: oscilloscopi, multimetri, analizzatori di rete ecc
0
voti

[21] Re: Variatore temperatura per stagnatore 220 V

Messaggioda Foto UtenteJim80 » 7 nov 2017, 13:36

Interessante. Infatti nel mio post di giorno 4 ipotizzavo di modificare l'interruttore da SPST a SPDT (termini e schemi li ho presi da qui) però, dato che nessuno ha replicato, ho immaginato non ne valesse la pena perciò ho cambiato strategia, illustrata l'ultimo pseudo-schema disegnato.
Fammi capire una cosa: questa "possibilità" di cui parli si verifica con assoluta casualità ogni volta che l'interruttore del circuito che ho disegnato passa da chiuso a aperto?
Avatar utente
Foto UtenteJim80
16 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 101
Iscritto il: 22 giu 2017, 0:37

0
voti

[22] Re: Variatore temperatura per stagnatore 220 V

Messaggioda Foto UtenteJim80 » 8 nov 2017, 14:55

Mettendo in ordine un po' di cose è spuntato fuori dal nulla un interruttore a 6 poli del genere
interruttore levetta dpdt.jpg
interruttore levetta dpdt.jpg (16.72 KiB) Osservato 169 volte

ricordo di averlo usato tempo fa per una prova ed è ancora in ottimo stato. A seguito della replica di setteali ho lasciato stare l'interruttore monopolare e mi sono orientato su questo, su cui c'è scritto "3A 250VAC" quindi è idoneo. Prima di procedere al lavoro, vorrei quindi chiedervi una conferma di questo assemblaggio di tale interruttore all'interno della presa femmina in cui ho intenzione di alloggiarlo, così evito eventualmente di fare danni al saldatore e/o a me stesso e/o di fare qualcosa che non funziona in modo opportuno.
schema presa femmina interruttore 6poli DSCN2178_2.JPG

Ho scaricato fidocad e sarei stato felice di usarlo ma in questo caso non saprei come fare non essendo uno schema circuitale. Come detto, si tratta di uno schizzo dell'interno della presa femmina, che sarà collegata alla presa maschio del saldatore. Con le 6 "x" ho voluto indicare i poli dell'interruttore mentre le 2 circonferenze con il "+" indicano le 2 viti in cui finiranno i cavi (F 230V, N), infine l'ellisse che racchiude le 3x di una fila dei poli indica che questi sono piegati e stagnati in un unico polo.
Avatar utente
Foto UtenteJim80
16 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 101
Iscritto il: 22 giu 2017, 0:37

0
voti

[23] Re: Variatore temperatura per stagnatore 220 V

Messaggioda Foto Utentesetteali » 8 nov 2017, 15:42

Ciao,
vedo che vuoi realizzare il circuito direttamente dentro la presa volante, ma controlla bene il tuo disegno e vedrai che non riesci ad alimentare il saldatore.
Ti metto un disegnino di come vorresti realizzarlo.
Vedrai due cose, una che anch'io non sono un artista nell'usare fidocadj.
Un'altra che puoi usare solo una sezione del tuo deviatore e come collegarlo.

Non mi dilungo, fammi sapere qualcosa di buono :-)
O_/
Avatar utente
Foto Utentesetteali
2.228 2 5 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1550
Iscritto il: 15 dic 2013, 20:09

0
voti

[24] Re: Variatore temperatura per stagnatore 220 V

Messaggioda Foto UtenteJim80 » 11 nov 2017, 18:00

Forse ci siamo. Ho provato a realizzare il tuo schema e spero di non aver commesso errori. Per sicurezza posto una foto di cosa ho fatto, così mi dici se è tutto ok
variatore ultimato DSCN2187_2.JPG

L'ho provato a "mezza tensione" (scusate ancora il linguaggio improprio) e sembrerebbe funzionare però, non avendo un termometro, mi sono regolato a occhio quindi il fattore suggestione è una possibilità da tenere in conto. Ciò che non mi spiego e che chiedo a voi è perché, quando è impostato in "posizione diodo" (chiamiamola così), la ddp che ho misurato tra le viti dei cavi è nulla; non dovrebbe essere (230/2)V? Invece nell'altra posizione questa è circa 230V come ci si aspetta.
Altra domanda, spero pertinente e sicuramente banale per voi: se il variatore è collegato alla 230V di casa in modo che la fase passi per il cavo N, cioè quello che non è collegato all'interruttore, come fa il variatore a funzionare comunque?

PS
Solo per la cronaca dico che ho usato un diodo MR817, cioè 800V e non 1000V come quello che avevo indicato all'inizio; credo sia la stessa cosa ma lo faccio comunque presente.
Avatar utente
Foto UtenteJim80
16 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 101
Iscritto il: 22 giu 2017, 0:37

0
voti

[25] Re: Variatore temperatura per stagnatore 220 V

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 11 nov 2017, 18:15

Con il diodo inserito la corrente non è più alternata, diventa una pulsante unidirezionale, per cui misurando col multimetro la tensione "in alternata" non rilevi nulla. O_/
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
11,8k 3 6 8
Master
Master
 
Messaggi: 8391
Iscritto il: 18 gen 2012, 12:36

0
voti

[26] Re: Variatore temperatura per stagnatore 220 V

Messaggioda Foto UtenteJim80 » 11 nov 2017, 19:01

della serie "non ci sono limiti alla mia ignoranza in materia". ho verificato che ci sono 106V in continua quindi il "progetto" è riuscito... finalmente :)
allego un'altra foto del variatore e ringrazio tutti per l'aiuto nella progettazione del variatore coi componenti che avevo già sottomano, specialmente l'ottimo setteali e coloro che, pur potendomi sbeffeggiare per le mie domande, si sono astenuti.

com'è mia consuetudine, chiedo una vostra valutazione dell'esecuzione. in un altro progetto sono riuscito ad ottenere, su una scala decimale, voti di molti ordini di grandezza superiori (però tutti preceduti dal segno "-"), in questa credo che qualcuno tirerà fuori i numeri complessi.
Allegati
variatore ultimato DSCN2189_2.JPG
Avatar utente
Foto UtenteJim80
16 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 101
Iscritto il: 22 giu 2017, 0:37

0
voti

[27] Re: Variatore temperatura per stagnatore 220 V

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 11 nov 2017, 23:04

Diciamo che senza scomodare quaternioni et similia i "banali" numeri relativi siano sufficienti (i negativi arrivano a "meno infinito", che tuttavia non è un numero... ) :mrgreen:
Allora: primo evidente difetto è l'approssimatività delle intestazioni collegate nei morsetti a vite e relativo serraggio... un altro, forse peggiore, è l'assenza del doppio isolamento riguardo lo switch; hai messo un deviatore con comando metallico (conduttore) e parte di fissaggio metallica che entra nella presa; nel caso sfortunato che qualche trefolo (se non tutto il conduttore con quei serraggi... ) si sfili e vada in contatto con la parte metallica dello switch ti ritrovi la levetta sotto tensione di rete ! [-X
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
11,8k 3 6 8
Master
Master
 
Messaggi: 8391
Iscritto il: 18 gen 2012, 12:36

0
voti

[28] Re: Variatore temperatura per stagnatore 220 V

Messaggioda Foto UtenteJim80 » 12 nov 2017, 12:52

ok, ti ringrazio per le osservazioni. per quanto riguarda il collegamanto ai morsetti, basta un attimo a sistemarli, invece per l'isolamento dell'interruttore, oltre a sostituirlo con un altro (non metallico) si può fare altro? ...in caso di incidente passerei io stesso dallo stato reale/relativo a quello immaginario/complesso, vedi che andiamo a parare lì :D
Avatar utente
Foto UtenteJim80
16 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 101
Iscritto il: 22 giu 2017, 0:37

0
voti

[29] Re: Variatore temperatura per stagnatore 220 V

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 12 nov 2017, 17:52

:-) Più che sostituirlo (e penso sia un discreto casino) non ritengo si possa fare altro; io avrei usato quell'interruttore da abat-jour che avevi mostrato... sulla posizione "de gustibus", ad ogni modo gli stilo "doppia potenza" hanno un pulsante sulla impugnatura che bypassa il diodo cortocircuitandolo solo mentre lo tieni premuto (switch e diodo sono ben isolati all'interno della impugnatura stessa). O_/
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
11,8k 3 6 8
Master
Master
 
Messaggi: 8391
Iscritto il: 18 gen 2012, 12:36

Precedente

Torna a Strumentazione

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti