Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

Microrelé con polarità del solenoide

Attrezzature, tecniche e soluzioni per la costruzione di apparecchiature. Dal piccolo PCB, alla macchina od oggetto ricreativo di qualsiasi natura, purché non pericoloso
0
voti

[11] Re: Microrelé con polarità del solenoide

Messaggioda Foto Utenteedgar » 12 ott 2017, 20:17

abusivo ha scritto:è possibile una cosa simile oppure è un caso?

Ho nel cassetto dei relè dual in line di omron e e sds relays che hanno stampigliato la polarità della bobina sul corpo. Se si scambia la polarità semplicemente non funzionano. Sbattuto il naso a mia volta anni fa
Avatar utente
Foto Utenteedgar
4.275 3 3 8
Master
Master
 
Messaggi: 2018
Iscritto il: 15 set 2012, 21:59

2
voti

[12] Re: Microrelé con polarità del solenoide

Messaggioda Foto Utentemir » 12 ott 2017, 21:07

mir ha scritto:la cosa mi incuriosisce...
e rispolvero i sacri testi ... :mrgreen:
Nei relè polarizzati la posizione dell'armatura è determinata dal verso della corrente di eccitazione, poiché la forza risultante agente su di essa è funzione del flusso prodotto dalla corrente e da un flusso costante di polarizzazione.
Schema illustrativo

L'ancora si trova imperniata su di un asse posto tra due espansioni polari, nel caso rappresentato sono il polo N di due magneti permanenti a forma di U, all'altra estremità si trovano due espansioni polari di due nuclei di ferro dolce ognuno con una propria bobina di eccitazione e l'altra estremità dell'asse svolge la funzione di contatto mobile. Gli avvolgimenti delle due bobine sono colelgate in serie fra di loro in modo tale che siano percorsi da corrente opposta; uno dei campi magnetici esistenti fra e estremità dei nuclei e le espansioni Nord dei magneti permanenti viene rinforzato mentre contemporaneamente l'altro campo viene indebolito.
\Phi _{0} è il flusso di polarizzazione prodotto dai magneti permanenti,
\varphi è quello prodotto da ogni avvolgimento al passaggio della corrente,
uno dei campi verrà ad avere un flusso totale \Phi _{0}+\varphi e l'altro flusso totale \Phi _{0}-\varphi.
Ogni campo eserciterà una forza di attrazione sull'ancora proprozionale al quadrato del relativo flusso e la forza complessiva sull'ancora vale:
f=f_{1}-f_{2}=K(\Phi _{0}+\varphi)^{2} - K(\Phi _{0}-\varphi)^{2}=4K\Phi _{0}\varphi
Pertanto la orza complessiva cresce se si aumenta il flusso di polarizzazione \Phi _{0}, facendo lavorare il materiale magnetico lontano dalla saturazione si può ritenere che il flusso \varphi sia proporzionale alla corrente di eccitazione e la forza agente sull'ancora varrebbe:
f=K'i
ovvero proporzionale alla corrente quindi dipendente anche dal verso di questa,contrariamente a quanto avviene nei relè neutri ovvero non polarizzati, dove la forza è proporzionale al quadrato della corrente stessa.

Per piccole correnti la sensibilità nei relè polarizzati è maggiore di quella dei relè neutri.
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
53,1k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 19052
Iscritto il: 19 ago 2004, 20:10

1
voti

[13] Re: Microrelé con polarità del solenoide

Messaggioda Foto UtenteAjeieBrazov » 12 ott 2017, 21:37

Ok, allora abbiamo un nuovo aforisma: "Un rele' non e' solo una bobina con dei contatti, puo' essere molto di piu', e sta a te scoprirlo".
:mrgreen:
Avatar utente
Foto UtenteAjeieBrazov
1.425 4 8
---
 
Messaggi: 595
Iscritto il: 23 mag 2017, 20:53

2
voti

[14] Re: Microrelé con polarità del solenoide

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 12 ott 2017, 22:58

Certo, un relè vuole essere qualcosa, lo si vede da quanto scatta e da come si ancora all’interno della propria armatura.
E’ un tipo la cui eccitazione è satura molto presto, può essere una testa calda, detto anche relè termico, fino a mostrare bistabilità (SRB: sindrome da relè bipolare).

I relè moderni posso essere scambisti, a singolo o anche a doppio scambio (o anche threesome, cioè a triplo scambio, ma la cosa non è risaputa troppo, in giro, e loro pensano sia un bene) oppure anche intellettuali, che seguono sempre una certa corrente.

Ci sono poi i relè ritardati, detti anche portatori di ritardo o, con linguaggio moderno, diversamente rapidi.

Ci sono anche i relè reed, che hanno un fascino magnetico, ma che vivono nella loro ampolla.

Ci sono i servorelè, detti relè EF (Emilio Fede) e i relè di potenza, made in Italy, o meglio made in Basilicata.

Ci sono infine i fotorelè, che non sono relè che quando scattano ti fanno la foto, ma relè che si eccitano con la luce. Ognuno, d’altronde, si eccita con cosa vuole, mica a tutti piace Jenna Jameson...
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
68,1k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7963
Iscritto il: 12 ago 2012, 0:20
Località: Londra

1
voti

[15] Re: Microrelé con polarità del solenoide

Messaggioda Foto UtenteAjeieBrazov » 12 ott 2017, 23:20

iOi iOi iOi

92minutiDiApplausi.jpg


(:OO:) (:OOO:)
Avatar utente
Foto UtenteAjeieBrazov
1.425 4 8
---
 
Messaggi: 595
Iscritto il: 23 mag 2017, 20:53

1
voti

[16] Re: Microrelé con polarità del solenoide

Messaggioda Foto UtenteAjeieBrazov » 12 ott 2017, 23:22

Dammi le coordinate perche' ti devo fare un bonifico di 10 mila punti! :ok:
Avatar utente
Foto UtenteAjeieBrazov
1.425 4 8
---
 
Messaggi: 595
Iscritto il: 23 mag 2017, 20:53

0
voti

[17] Re: Microrelé con polarità del solenoide

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 12 ott 2017, 23:26

Ahahahahaha :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
68,1k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7963
Iscritto il: 12 ago 2012, 0:20
Località: Londra

2
voti

[18] Re: Microrelé con polarità del solenoide

Messaggioda Foto Utentemir » 13 ott 2017, 19:48

PietroBaima ha scritto:E’ un tipo la cui eccitazione è satura molto presto..

E non sempre, hai dimenticato quelli ritardati all'eccitazione e quelli ritardati alla diseccitazione, che non hanno nulla di profilattico se no un ritardo per qualche passivo resistivo e capacitivo a concedere l'alimentazione alla povera bobina ... per non parlare poi del passo passo che pur di scambiare un contatto è disposto a seguirti proprio passo passo... e poi ... :mrgreen:
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
53,1k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 19052
Iscritto il: 19 ago 2004, 20:10

Precedente

Torna a Costruzione, montaggio e riparazione

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti