Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

Arduino - Considerazioni

Progetti, interfacciamento, discussioni varie su questa piattaforma.

Moderatori: Foto UtenteMassimoB, Foto Utentexyz, Foto UtenteWALTERmwp

0
voti

[41] Re: Arduino - Considerazioni

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 11 ago 2017, 9:53

PierCarlo ha spiegato bene fpalone: quelle tesi sono di altri settori. ..dove la programmazione è un mezzo e non il fine.

Esempio "amatoriale": anni fa con un amico abbiamo realizzato una lambretta elettrica.
Io ovviamente la parte meccanica e di trazione...lui si diverti a migliorare le sue conoscenze Micro e realizzare controller motore e strumentino di monitoraggio velocità consumi autonomia residua ecc.

Non con Arduino. ..però visto che per lui era un hobby...che è finito li...se oggi l'avesse realizzato con Arduino (ipotizzo sia possibile) avremmo avuto un prodotto non dico vendibile ma almeno condivisibile e che arduinovrebbe potuto essere migliorato e arduinovrebberricchito anche da altri
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
15,6k 6 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 4875
Iscritto il: 2 apr 2013, 15:08

1
voti

[42] Re: Arduino - Considerazioni

Messaggioda Foto UtenteAjeieBrazov » 11 ago 2017, 9:54

fpalone ha scritto:Veramente pensiamo che ormai chi realizza prodotti elettronici commerciali a basso costo, anche se non usa arduino, scriva il codice da zero, e non "ricicli" altre librerie o codici di terze parti, in modo altrettanto bovino?

Direi di no, proprio no.
Realizzare prodotti a basso costo vuol dire produrre numeri elevati e l'ultima cosa che uno sano di mente potrebbe fare è proprio quella di riciclare bovinamente un altro firmware.
Lo si fa per un prototipo, al limite si prende spunto dal sorgente di terze parti ma lo si porta con cognizione di causa. Con volumi così elevati non ci si può permettere dei bachi nel programma.
Avatar utente
Foto UtenteAjeieBrazov
1.425 4 8
---
 
Messaggi: 595
Iscritto il: 23 mag 2017, 20:53

1
voti

[43] Re: Arduino - Considerazioni

Messaggioda Foto UtentePiercarlo » 11 ago 2017, 10:12

Mi permetto di spezzare una lancia a favore degli utenti di Arduino. Questo sistema NON è stato ideato per far imparare alla gente a programmare non più di quanto il telecomando di un televisore sia pensato per indurre la gente a studiare l'elettronica che sta dentro al medesimo. Quindi prendersela con il fatto che "non fa imparare niente" è secondo me, in questo caso, abbastanza eccessivo, come lo sarebbe prendersela con "Topolino" perché non induce la gente a passare alla lettura di qualcosa di più consistente dal punto di vista culturale.

Me la prenderei invece con chi, a livello accademico e professionale, tende a usare Arduino e a scriverci addirittura delle tesi, per quello che questo NON è, un microcontrollore appunto (semmai è un qualcosa che USA i microcontrollori ma questa è ben altra cosa), perché in effetti sarebbe un po' come proporre a un aspirante pilota di studiarsi Flight Simulator per imparare a guidare gli aerei (o anche a fidarsi dei soli aiuti di un aereo moderno senza imparare a farne a meno, cosa che ha già portato peraltro a diversi clamorosi gravi incidenti, tra cui un 777 andato distrutto in atterraggio a San Francisco cinque anni fa, dovuto essenzialmente al fatto che entrambi i piloti non erano stati sufficientemente addestrati a gestire un atterraggio MANUALE in VFR in una situazione in cui l'ILS dell'aeroporto era fuori servizio per manutenzione).

Insomma, Arduino non mi sembra così demoniaco, almeno non più di quanto lo sia SPICE in elettronica, a condizione di mettere in chiaro fin da subito che essi, se si intende arrivare a usare elettronica e programmazione a livello professionale, NON sostituistiscono le esperienze e gli studi da compiersi quanto meno IN PARALLELO a questi "strumenti-scorciatoia" che di per sè non sono in realtà la scorciatoia di un bel nulla.
Avatar utente
Foto UtentePiercarlo
19,4k 5 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5217
Iscritto il: 30 mar 2010, 18:23
Località: Milano

0
voti

[44] Re: Arduino - Considerazioni

Messaggioda Foto UtenteAjeieBrazov » 11 ago 2017, 10:49

Piercarlo ha scritto:... Arduino non mi sembra così demoniaco...

Non lo è, anzi è un ottimo prodotto per chi vuole giocare e realizzare qualcosa senza spenderci ore ed ore di studio. Su questo niente da dire.
E sono anche d'accordo sul dire che è un oggetto per niente adatto a scopo didattico, se per "didattico" intendiamo finalizzato allo studio dei microcontrollori e della programmazione. Se l'insegnamento che si vuole dare si riassume in un "esistono i microcontrollori e questo è quello che fanno e possono fare" ... vabbè, sarebbe come far vedere una fresa automatica mentre lavora e produce il pezzo finito.
Avatar utente
Foto UtenteAjeieBrazov
1.425 4 8
---
 
Messaggi: 595
Iscritto il: 23 mag 2017, 20:53

0
voti

[45] Re: Arduino - Considerazioni

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 11 ago 2017, 11:29

Pensi lo stesso delle stampanti 3d coi loro programmini pronti per realizzare oggetti vari immagino ;-)
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
15,6k 6 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 4875
Iscritto il: 2 apr 2013, 15:08

1
voti

[46] Re: Arduino - Considerazioni

Messaggioda Foto Utenteboiler » 11 ago 2017, 11:50

fpalone ha scritto:Sbaglia poi chi pensa che un corso di laurea in ingegneri debba necessariamente insegnare a programmare i microprocessori. Di che corso stiamo parlando? Se parliamo di ingegneria meccanica od elettrica/elettrotecnica sicuramente è fuori luogo parlare di micro-controllori!


Questo è il nocciolo della faccenda! Concordo pienamente con te Foto Utentefpalone.

Probabilmente ci sono differenze tra le varie università/politecnici, ma credo che sia proprio come dici.
La lezione da noi si chiamava Informatica tecnica, era basata sui testi di Patterson/Hennessy e di Silberschatz e trattava argomenti come:
- Pipeline, struttura di un microcontroller
- Differenza tra interrupt e polling
- DMA
- Microcode, data-path, control-path
- Tipi di cache
- Tipi di scheduling
- Race conditions, sincronizzazione, message passing

In tutti e due i semestri non si è parlato specificamente di una qualche architettura.
Poi però, nei laboratori associati a questa lezione (4 ore a settimana) si lavorava su una piattaforma hardware basata su una MIPS R3000 (sì, sono vecchio :lol: ).
La toolchain era preinstallata e configurata e c'era un progetto di base funzionante, in modo che la parte difficile (preparare tutto in modo che compili e possa venir programmato sul chip) era stata eliminata. Ma è anche la parte che non ha nessun contributo didattico, quindi chissenefrega.

Gli esercizi consistevano nello scaricare dal server un programma che, per esempio, trasferisce dati e modificarlo in modo che usi il DMA. Questo ovviamente nella settimana in cui in classe si era parlato di DMA.

Così che in classe si avesse la teoria e in laboratorio la pratica su una piattaforma.

Ora, tornando ad Arduino, perché non usare quello?
Perché nasconde tutto ciò rendendo impossibile l'apprendimento.

Quindi, riassumendo (e mi sembra che piú o meno siamo tutti d'accordo):
- Arduino a casa, per hobby, per artisti: :ok:
- Arduino a scuola: no, non si impara niente.
- Arduino sul lavoro: no, per altri motivi (costi, supply-chain, qualità,...)

Boiler
Avatar utente
Foto Utenteboiler
11,9k 4 6 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2009
Iscritto il: 9 nov 2011, 11:27

0
voti

[47] Re: Arduino - Considerazioni

Messaggioda Foto UtenteAjeieBrazov » 11 ago 2017, 11:58

richiurci ha scritto:Pensi lo stesso delle stampanti 3d coi loro programmini pronti per realizzare oggetti vari immagino ;-)

Immagini male (e non ti accerti, che è più grave ancora).
Quelle a cui fai riferimento non sono stampanti professionali.
Distinguiamo sempre i due aspetti.

Ed ora trovamene una tu, magari laser (da 100.000 euro in su), che usa arduino. :roll:
Avatar utente
Foto UtenteAjeieBrazov
1.425 4 8
---
 
Messaggi: 595
Iscritto il: 23 mag 2017, 20:53

0
voti

[48] Re: Arduino - Considerazioni

Messaggioda Foto Utentemaxiteris » 11 ago 2017, 12:43

Quindi, riassumendo (e mi sembra che piú o meno siamo tutti d'accordo):
- Arduino a casa, per hobby, per artisti:  
- Arduino a scuola: no, non si impara niente.
- Arduino sul lavoro: no, per altri motivi (costi, supply-chain, qualità,...)


Questo mi piace proprio! Forse perché è proprio come la penso io... :D
Avatar utente
Foto Utentemaxiteris
45 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 11 apr 2012, 8:32

1
voti

[49] Re: Arduino - Considerazioni

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 11 ago 2017, 17:06

Il più delle volte, pur con differenti sensibilità, si tratta di stabilire cosa si intende con un termine: a "didattico", in funzione del contesto, credo gli si possa attribuire un significato piuttosto che un altro.
Se sei in una scuola media(inferiore) è una cosa, in un Istituto Tecnico un'altra, all'Università ...

Arduino è quello che è, ha le sue peculiarità, credo non occorra nemmeno essere specializzati nella microelettronica per valutare l'opportunità del suo impiego in un ambito specifico, basta una certa sensibilità, a volte maturata anche semplicemente con la lettura di discussioni simili a questa.
Non escludo però vi siano tecnici (qualificati in altri settori) privi della capacità critica specifica atta a stabilire i limiti per l'impiego del prodotto.

Nel discorso che si sta facendo però mi pare sia presente un aspetto valido per altre tipologie.
Ad esempio si è fatto cenno ai PLC nell'esposizione d'un ragionamento.
Ve ne sono ormai di tutti i generi e un po' per tutte le tasche ma è ovvio che l'oggetto può(deve) essere scelto in funzione dell'applicazione alla quale è destinato: può sembrare un'ovvietà ma può capitare di sentir denigrare a posteriori un prodotto perché impossibilitato a raggiugere certe prestazioni.
Se non vengono subdolamente millantate delle performance, il limite è in chi compie la scelta.

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
18,1k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5522
Iscritto il: 17 lug 2010, 17:42
Località: le 4 del mattino

3
voti

[50] Re: Arduino - Considerazioni

Messaggioda Foto Utenteruggero2 » 24 ago 2017, 0:36

venexian ha scritto:Arduino è un prodotto commerciale destinato all'uso amatoriale.
Tutti dovrebbero concordare su questo fatto.
Invece: (...)


Eccomi presente, anche io ho usato arduino per la mia tesi di laurea, ingegneria chimica, magistrale.



Una volta provata l'apparecchiatura fungeva meglio di quella che c'era prima, abbiamo analizzato i campioni al sem, se non c'era arduino sinceramente non avrei saputo come fare.
Il problema dell'italia e delle università italiane è che danno una preparazione troppo teorica, ho studiato qualcosina di arduino nel tempo libero, se avessi dedicato lo stesso tempo per una preparazione esclusivamente teorica il motorino l'avrei pilotato a mano con degli interruttori.
L'apparecchiatura era pronta per la vendita?No,però la usano ancora i miei colleghi per le loro tesi.

Ovviamente l'elettronica non è il mio settore primario ,anzi, tutt'altro, quindi non so esprimermi su ingegneri elettronici che usano arduino (in effetti è un po' strano), ma mi sono sentito chiamato in causa.

Piccola osservazione, noto sempre che i laureati vecchio ordinamento hanno la puzza sotto il naso per loro nuovi colleghi, la frase o tempora o mores è di cicerone...ok, però sono i tuoi colleghi a formare questa nuova generazione ;-)
Ultima modifica di Foto UtenteWALTERmwp il 24 ago 2017, 9:20, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Ridotta citazione, la sua integrità è ininfluente.
Avatar utente
Foto Utenteruggero2
120 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 64
Iscritto il: 10 ago 2012, 10:57

PrecedenteProssimo

Torna a Arduino

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite