Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

Alimentatore ATX.

Attrezzature, tecniche e soluzioni per la costruzione di apparecchiature. Dal piccolo PCB fino al macchinario.
0
voti

[1] Alimentatore ATX.

Messaggioda Foto UtenteAndrea454545 » 27 ago 2017, 18:14

Buona sera a tutti.
Vorrei recuperare un alimentatore switching (atx).

L'alimentatore me lo hanno dato in consegna e l'hanno recuperato da un PC, ma mi da qualche noia. Ho collegato il pin di Power_on a massa e ho insertio un resistore da 50 Ohm di adeguata potenza tra il pin da 5 V e massa. L'alimentatore per il resto a vuoto.

Appena avviato, la tensione ai fili giallo/blu rispetto a massa è di circa +-12v, ma poi va calando vertiginosamente. Il pin di Pwr_ok non sale mai a 5 V.

Ho provato a guardare dentro e i condensatori polarizzati sembrano tutti a posto (nessun rigonfiamento sospetto).
Ho fatto una misura al volo sul ponte a diodi col multimetro (come prova diodi) e mi sembra a posto.
Non ho avuto modo di guardare il trasformatore (data la 220 meglio usare prdudenza).

Si avverte il tipico sibilo di alimentatori swithing (anche se non molto rumoroso).

L'unica cosa è che hanno scollegato la ventola di raffreddamento. Non vorrei che incida in qualche modo.
Avatar utente
Foto UtenteAndrea454545
13 2 8
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 256
Iscritto il: 14 apr 2013, 10:42

0
voti

[2] Re: Alimentatore ATX.

Messaggioda Foto Utentemrc » 28 ago 2017, 14:05

Ciao Foto UtenteAndrea454545.

Andrea454545 ha scritto:....Ho fatto una misura al volo sul ponte a diodi col multimetro (come prova diodi) e mi sembra a posto.....

Per effettuare in maniera corretta il controllo del ponte lo dovresti scollegare dal resto del circuito.

In generale, se si vogliono controllare dei componenti elettronici, ( con un multimetro posto in prova diodi o in ohm ), devono essere scollegati dal circuito, altrimenti la misura può risultare falsata.

Se vuoi puoi controllare, allo stesso modo, anche i transistor di potenza.

Se non lo hai ancora fatto, ti consiglio la lettura del seguente articolo di Foto Utentestefanob70:

http://www.electroyou.it/stefanob70/wik ... wer-supply
Avatar utente
Foto Utentemrc
9.239 5 11 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3575
Iscritto il: 16 apr 2009, 8:32

0
voti

[3] Re: Alimentatore ATX.

Messaggioda Foto UtenteAndrea454545 » 28 ago 2017, 20:02

Ok ho letto con attenzione l'articolo. Veramente molto interssante. Ho trovato il guasto (forse) era uno dei condesatori elettrolitici, sulla prima mi sembrava ok ma al centro aveva uno stano segno e ho riconnesso la ventola di rafreddamento; ora le tensioni escono tutte entro i limiti di tolleranza e rimangono stabili.

Ora volevo chiedere una cosa relativa alla connessione dello switch. L'alimentatore presenta sulle uscite +-12 un corrente differente pari rispettvamente a: 10A e 0.8A.
Vorrei connettere +12 V e gnd ad un regolatore di tensione a valle per ricavare una tensione ridotta positiva. Stessa cosa su quella negativa tra -12v e gnd mediante regolatore di tensione, negativo. Dovrei limitare le correnti al minimo corrente tra i due?

C'è un modo per alzare la corrente dell'uscita negativa (in modo da uniformarla un po' di più verso quella positiva)?
Avatar utente
Foto UtenteAndrea454545
13 2 8
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 256
Iscritto il: 14 apr 2013, 10:42

0
voti

[4] Re: Alimentatore ATX.

Messaggioda Foto Utentemrc » 1 set 2017, 13:32

Andrea454545 ha scritto:....Vorrei connettere +12 V e gnd ad un regolatore di tensione a valle per ricavare una tensione ridotta positiva. Stessa cosa su quella negativa tra -12v e gnd mediante regolatore di tensione, negativo. Dovrei limitare le correnti al minimo corrente tra i due?...

Non vedo la necessità di limitare la corrente.

Andrea454545 ha scritto:....C'è un modo per alzare la corrente dell'uscita negativa (in modo da uniformarla un po' di più verso quella positiva)?....

L' unico modo che conosco è quello di utilizzare un regolatore switching di tipo buck ( step-down ).
In questo modo dovresti ottenere un abbassamento della tensione in uscita e il relativo aumento della corrente.
Naturalmente il tutto deve essere dimensionato al meglio, considerando che si partirebbe da una tensione negativa e relativamente bassa di -12V.

Attendi comunque il parere di altre persone più esperte di me.

Nel frattempo potresti cominciare a farti un' idea sul convertitore buck leggendo la pagina al seguente link:

https://it.wikipedia.org/wiki/Convertitore_buck
Avatar utente
Foto Utentemrc
9.239 5 11 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3575
Iscritto il: 16 apr 2009, 8:32

0
voti

[5] Re: Alimentatore ATX.

Messaggioda Foto UtenteAndrea454545 » 1 set 2017, 17:38

Grazie, l'indicazione!.

Forse meglio spiegare la situazione, voglio fare una spece di alimentatore da banco. Vorrei procedere in due step, per ora sto curando dicamo la parte a valle (quella dopo il ponte raddrizzatore). Poi una volta utlimato il tutto passo alla prima parte riguardante trasformatore a presa centrale e ponte a diodi con condensatori all'uscita.

Vorrei evitare di realizzare anche la prima parte (trasformatore + ponte raddrizzatore) dato il costo dei componenti. Per altro non dovrebbe neanche essere difficilissimo da pensare, ma richiede una certa attenzione nel collegare bene il trasformatore e la protezione di terra. Visto che c'è di mezzo il 220 meglio essere molto prudenti.

Ho pensato di ovviare a questo sfruttando un ATX smontato da un vecchio PC (che in qualche modo simula proprio la prima parte).

A questo punto chiederei: è pericoloso prendere il +12V-gnd per alimentare il canale positivo (con regolatore LM317) e -12V-gnd per quello negativo (con lm337)? Le correnti dello switch sono dissimili, quindi pensavo di dimensionare i due regolatori lineari alla minore delle due (1A).

Altra cosa, Negli alimentatori da banco, alcuni modelli hanno anche la regolazione della corrente (oltre quella della tensione). Come funziona? Sposta la soglia della protezione da sovracorrente?
Avatar utente
Foto UtenteAndrea454545
13 2 8
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 256
Iscritto il: 14 apr 2013, 10:42

1
voti

[6] Re: Alimentatore ATX.

Messaggioda Foto Utentemarco438 » 1 set 2017, 18:07

Le modifiche che vuoi fare sono estremamente complesse e richiedono notevoli competenze: ricordo di aver letto qualcosa in merito pubblicato sul web da Chirio ma mi pare non si trattasse di un duale.
Anche l'implementazione della limitazione di corrente non e' uno scherzo cosi' come il bilanciamento dei canali: la tensione inoltre avrebbe valori bassi (meno di 9V con LM317/337) senza l'ausilio (ulteriore complicanza) di boost.
Consiglio di intraprendere altre strade meno difficoltose.
O_/
marco
Avatar utente
Foto Utentemarco438
36,6k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16353
Iscritto il: 24 mar 2010, 14:09
Località: Versilia

0
voti

[7] Re: Alimentatore ATX.

Messaggioda Foto UtenteAndrea454545 » 1 set 2017, 22:22

Ok, grazie.

Ma cosa comporta quanto mi dici e cosa intendi più in specifico:

come il bilanciamento dei canali


senza l'ausilio (ulteriore complicanza) di boost.

?

Consiglio di intraprendere altre strade meno difficoltose.

Cosa mi suggerisci?
Avatar utente
Foto UtenteAndrea454545
13 2 8
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 256
Iscritto il: 14 apr 2013, 10:42

1
voti

[8] Re: Alimentatore ATX.

Messaggioda Foto Utentemarco438 » 2 set 2017, 7:54

Tu hai prospettato l'idea di implementare il circuito con due regolatori LM317/337 ma, avendo a disposizione i 12 V sia sul positivo che sul negativo, potresti al massimo ottenere in uscita, tenendo conto del drop-out degli integrati, una tensione variabile da 1.2 a massimo 9V; la corrente ottenibile sarebbe inferiore alla minima disponibile ed i boost sarebbero un ulteriore complicazione per innalzare quelle tensioni cosi' basse ad almeno 12/15V (tensioni necessarie in laboratorio).
I regolatori da te scelti inoltre, anche se la cosa non e' impossibile, poco si prestano ad essere accoppiati ad altri preposti alla limitazione di corrente.
In definitiva avrebbe poco senso implementare un accrocco del genere, senza contare le spese che andresti ad incontrare.
Al giorno d'oggi si trovano alimentatori nuovi a prezzi molto concorenziali gia' montati e collaudati, sul genere di questo; il prezzo aumenta ma e' abbordabile se vuoi un duale come questo (in Cina costa anche meno).
Spesso poi si trovano anche offerte di usato interessanti.

Se al contrario vuoi autocostruire per fare esperienza, il consiglio e' di lasciar perdere l'ATX e scegliere uno schema ad hoc per le tue necessita' che ancora non ci hai detto.
O_/
marco
Avatar utente
Foto Utentemarco438
36,6k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16353
Iscritto il: 24 mar 2010, 14:09
Località: Versilia

0
voti

[9] Re: Alimentatore ATX.

Messaggioda Foto UtenteAndrea454545 » 2 set 2017, 10:07

lasciar perdere l'ATX
si questo lo uso solo momentaneamente per evitare di montare e scegliere il trasformatore a presa centrale con il ponte a diodi. Lo inserisco in un secondo momento, così per ora mi evito la preoccupazione di averlo montato e collegato per bene. Sai essendoci la tensione di rete vorrei evitare ongi rischio.
Sfruttando l'Atx (provvisoriamente) ha gia dentro alcune protezioni (come il fusibile varistori e ventola raffreddamento). Se sbaglio o faccio qualche errore sulla parte di regolazione corrente / tensione ci saranno le protezioni a monte dell'Atx.

Per aumentare la corrente sui regolatori LM 317 337 vorrei inserire in parallelo un pnp e npn così da raggiungere 1A per canale. Poi una volta terminata la sezione di regolazione corrente e tensione, raddoppierei i transistori raggiungendo almeno 2A.
Avatar utente
Foto UtenteAndrea454545
13 2 8
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 256
Iscritto il: 14 apr 2013, 10:42

0
voti

[10] Re: Alimentatore ATX.

Messaggioda Foto Utentemarco438 » 2 set 2017, 11:13

C'e' qualche incongruenza in quello che dici.
Andrea454545 ha scritto: Se sbaglio o faccio qualche errore sulla parte di regolazione corrente / tensione ci saranno le protezioni a monte dell'Atx.

Si ma la parte lineare non e' protetta fino a quando non implementi una limitazione di corrente.
Andrea454545 ha scritto:

Per aumentare la corrente sui regolatori LM 317 337 vorrei inserire in parallelo un pnp e npn così da raggiungere 1A per canale.

I due regolatori sono gia' in grado di erogare 1A (anzi 1.5 stando al datasheet) se sono ben raffreddati e se la differenza di tensione tra IN e OUT non e' eccessiva.
PNP e NPN si aggiungono solo per correnti superiori.
Vedo che le idee sono poco chiare; forse sarebbe il caso, visto che dovresti averlo sottomano, di vedere uno schema di quello che hai intenzione di fare onde consigliarti al meglio.
O_/
marco
Avatar utente
Foto Utentemarco438
36,6k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16353
Iscritto il: 24 mar 2010, 14:09
Località: Versilia

Prossimo

Torna a Costruzione, montaggio e riparazione

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 2 ospiti