Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

Interruttore differenziale

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G

0
voti

[21] Re: Interruttore differenziale

Messaggioda Foto UtenteMike » 25 ago 2017, 8:39

VanDerGraaf ha scritto: ergo un impianto come sopra se concepito con un solo differenziale tarabile (e NON impostato in maniera che intervenga istantaneamente) è fuori norma .

Cioè? State dicendo che in un sistema TT un impianto elettrico di distribuzione con unico differenziale regolabile tarato ad 1A e 1s, coordinato con la resistenza di terra, non è a norma e non assicura la protezione dai contatti indiretti?
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
46,6k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 13382
Iscritto il: 1 ott 2004, 17:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[22] Re: Interruttore differenziale

Messaggioda Foto UtenteVanDerGraaf » 25 ago 2017, 9:13


Cioè? State dicendo che in un sistema TT un impianto elettrico di distribuzione con unico differenziale regolabile


non proprio, a mio avviso non si classifica come un impianto di distribuzione: stiamo parlando di una rotatoria (non grandissima) dove gli utilizzatori in classe I sono alimentati dall'unico quadretto esistente e quindi le partenze delle linee che si attestano nelle cassette dei pali sono dei circuiti terminali, no?

Condivido che ci sia una fastidiosa zona grigia nella norma in quanto la distinzione tra circuito di distribuzione e terminale nei sistemi TT, ai fini dei contatti indiretti, non è oggettivata come nei TN dove ci sono gli articoli 413.1.3.4 e 5...
Nel caso specifico non pare che ci sia la circostanza per cui si è ammesso 1s ai fini della selettività.
Avatar utente
Foto UtenteVanDerGraaf
28 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 28 giu 2011, 16:31

1
voti

[23] Re: Interruttore differenziale

Messaggioda Foto Utente6367 » 25 ago 2017, 9:58

VanDerGraaf ha scritto:Il motivo per cui ho preso in considerazione di utilizzare l' S è il fatto che la misura della Re è altissima (è stata fatta una misura di terra globale ) e posso scegliere solo l' Idn di 0,1 o 0,03....


C'è qualcosa che non va in questo impianto di terra. Tieni conto che resistenze di terra molto elevate sono anche instabili. In alcuni paesi, per norma o per legge, la resistenza di terra in un TT non può superare un valore predeterminato (di solito 100 ohm) indipendentemente dal differenziale che usi.

VanDerGraaf ha scritto:purtroppo non ho materiale che mi dia riscontro che impostare il valore di tempo di non intervento di 0,06s renda equivalente un diff tarabile ad un tipo S ai sensi del commento all' art 413.1.4.2,


Lo dice la norma di prodotto dei differenziali industriali (CEI EN 60947-2, allegato B o allegato M). Sempreché il prodotto sia a norma!
Avatar utente
Foto Utente6367
14,8k 5 8 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5198
Iscritto il: 8 set 2005, 23:00

0
voti

[24] Re: Interruttore differenziale

Messaggioda Foto UtenteVanDerGraaf » 25 ago 2017, 12:10

Grazie 6367, effettivamente l'impianto di terra non mi piace, per quanto riguarda la norma 60947-2
mi segno l'approfondimento ... la mia convenzione (sparagnozza) per le norme cei non copre questa che costicchia :shock: .
Avatar utente
Foto UtenteVanDerGraaf
28 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 28 giu 2011, 16:31

0
voti

[25] Re: Interruttore differenziale

Messaggioda Foto Utente6367 » 25 ago 2017, 15:33

Non penso che ti serva acquistare la norma di prodotto. Puoi consultare la documentazione del fabbricante.
Avatar utente
Foto Utente6367
14,8k 5 8 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5198
Iscritto il: 8 set 2005, 23:00

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 22 ospiti