Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

DIRI quali verifiche?

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G

0
voti

[1] DIRI quali verifiche?

Messaggioda Foto Utenteatomorama » 19 giu 2017, 10:00

Buongiorno,
sto seguendo l'adeguamento antincendio di un albergo (SCIA tipo B) fatto a fine anni '80 (non si conosce la data precisa di realizzazione).
Fra le varie certificazioni degli impianti ho una DIRI fatta da un professionista per la parte degli impianti elettrici.
La stessa è costituita da una pianta con indicate prese, luci e quant'altro, uno schema dei quadri (con indicati i vari interruttori) e la relazione di asseverazione.

In sostanza è andato a vedere la struttura, ha fatto un buon rilievo e ha "stimato" che è tutto ok.

Domande: i
- in questo caso in cui non si conosce la data di realizzazione dell'impianto non si dovrebbe ricondurre la verifica alla norma attuale? Allora andrebbero verificati anche i conduttori, la posa degli stessi e rifatte le verifiche degli interruttori del quadro?

- non serve fare qualche verifica strumentale? (es provare i differenziali, la terra, verifiche isolamento, etc...)

Grazie mille!

Saluti
Avatar utente
Foto Utenteatomorama
524 1 3 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 730
Iscritto il: 1 gen 2015, 16:04

1
voti

[2] Re: DIRI quali verifiche?

Messaggioda Foto UtenteMike » 19 giu 2017, 10:38

La valutazione del come e del cosa spetta in capo al professionista visto che se ne assume la piena e personale responsabilità. Per quanto mi riguarda procedo in questo modo:
- verifica straordinaria secondo guida CEI 64-14, con esami a vista e strumentali, più o meno approfonditi in funzione dello stato dell'impianto.
- se non c'è alcuna documentazione e nessuna traccia delle norme applicate, faccio la valutazione rischi con la normativa vigente.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
45,2k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 12991
Iscritto il: 1 ott 2004, 17:25
Località: Conegliano (TV)

1
voti

[3] Re: DIRI quali verifiche?

Messaggioda Foto Utenteatomorama » 19 giu 2017, 13:25

Mike ha scritto:La valutazione del come e del cosa spetta in capo al professionista visto che se ne assume la piena e personale responsabilità. Per quanto mi riguarda procedo in questo modo:
- verifica straordinaria secondo guida CEI 64-14, con esami a vista e strumentali, più o meno approfonditi in funzione dello stato dell'impianto.
- se non c'è alcuna documentazione e nessuna traccia delle norme applicate, faccio la valutazione rischi con la normativa vigente.


In questo caso vi sono diverse strutture in legno ma l'impianto è del tipo "tradizionale", sono abbastanza perplesso.

Ad ogni modo io mi limito all'antincendio.



p.s. forse non ci si rende veramente conto della grande responsabilità che ci si assume firmando una DIRI.


Saluti!
Avatar utente
Foto Utenteatomorama
524 1 3 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 730
Iscritto il: 1 gen 2015, 16:04

1
voti

[4] Re: DIRI quali verifiche?

Messaggioda Foto UtenteMike » 19 giu 2017, 16:02

atomorama ha scritto:p.s. forse non ci si rende veramente conto della grande responsabilità che ci si assume firmando una DIRI.


Esattamente!!!! :ok:
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
45,2k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 12991
Iscritto il: 1 ott 2004, 17:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[5] Re: DIRI quali verifiche?

Messaggioda Foto Utenteatomorama » 21 giu 2017, 14:26

Ma voi verificate anche lo stato delle condutture solitamente? (aprite scatole, prova sfilabilità, etc...)
Avatar utente
Foto Utenteatomorama
524 1 3 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 730
Iscritto il: 1 gen 2015, 16:04

0
voti

[6] Re: DIRI quali verifiche?

Messaggioda Foto UtenteBlueElectrical » 21 giu 2017, 15:10

A mio parere, una verifica a campione delle condutture, senza essere inutilmente minuzioso, ma almeno per constatarne lo stato generale, sia doveroso.
Avatar utente
Foto UtenteBlueElectrical
35 1 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 20 mar 2017, 17:15

1
voti

[7] Re: DIRI quali verifiche?

Messaggioda Foto UtenteMike » 21 giu 2017, 16:43

atomorama ha scritto:Ma voi verificate anche lo stato delle condutture solitamente? (aprite scatole, prova sfilabilità, etc...)


La verifica eseguita nelle modalità previste dalla guida CEI 64-14, consta di tre momenti: l’esame a vista, l’esecuzione delle prove e la verifica analitica.

L’esame a vista ha il fine di controllare che l’impianto elettrico sia stato realizzato secondo le norme CEI.
L’esame può essere di due tipi: ordinario e approfondito.
• L’esame ordinario è una ispezione che identifica, senza l’uso di utensili o di mezzi di accesso, quei difetti dei componenti elettrici che sono evidenti allo sguardo (ad esempio mancanza di ancoraggi, connessioni interrotte, involucri rotti, dati di targa, ecc.). Questo esame deve essere sempre eseguito.
• L’esame approfondito è una ispezione che viene fatta in aggiunta alla precedente ed identifica tutti quei difetti (ad esempio errata installazione, connessioni non effettuate, morsetti lenti, ecc.) che possono evidenziarsi soltanto usando attrezzi (ad esempio strumenti, utensili, scale). L’esame approfondito richiede, normalmente, l’accesso ai componenti ed è necessario in funzione:
• dello stato di conservazione dell’impianto (accuratezza delle manutenzioni, addestramento e/o esperienza del personale, esistenza di modifiche o manipolazioni non autorizzate, manutenzioni non appropriate effettuate non seguendo le raccomandazioni del costruttore, vetustà dell’impianto e dei relativi componenti, ecc.);
• delle condizioni ambientali (esposizione ad ambienti corrosivi, a prodotti chimici, possibilità di accumulo polvere o sporcizie, possibilità di ingresso di acqua, esposizione ad eccessiva temperatura ambiente, possibilità di guasti meccanici, esposizione a vibrazioni, ecc.);
• della gravosità del servizio;
• della qualità della documentazione esibita.

Poi dipende anche dallo scopo della verifica, se è ai fini della sicurezza, non verifico certamente la sfilabilità piuttosto che la selettività.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
45,2k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 12991
Iscritto il: 1 ott 2004, 17:25
Località: Conegliano (TV)


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti