Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

Alimentatore variabile da laboratorio

Attrezzature, tecniche e soluzioni per la costruzione di apparecchiature. Dal piccolo PCB, alla macchina od oggetto ricreativo di qualsiasi natura, purché non pericoloso
0
voti

[51] Re: Alimentatore variabile da laboratorio

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 16 ago 2017, 14:52

sapete se e possibile creare un piccolo circuito per proteggere questo alimentatore se i cavi si toccano tra di loro perché non vorrei cambiare il fusibile a vita, mi andrenbbe bene anche uno con relè. Quando succede mi si brucia la resistenza da 68 Ohm che va al potenziometro da 10k.
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
1.471 1 5 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 975
Iscritto il: 12 mag 2015, 21:26

0
voti

[52] Re: Alimentatore variabile da laboratorio

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 16 ago 2017, 14:56

:D =D> ... La prossima volta, quando connetti un carico in uscita, benché esso ti sia noto, per sicurezza mettici l'amperometro in serie così misuri la corrente effettivamente assorbita; come vedi non si può mai sapere :mrgreen:
Quindi ti serve una protezione dal cortocircuito "extra" sull'uscita dell'alimentatore indipendente dalla protezione interna all'integrato ?
P.s. Per curiosità, potresti sguainare completamente i conduttori incriminati per vedere cosa diavolo hanno che li fa essere tanto resistivi (grave ossidazione o interruzione quasi completa del rame :roll: )...
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
11,8k 3 6 8
Master
Master
 
Messaggi: 8373
Iscritto il: 18 gen 2012, 12:36

0
voti

[53] Re: Alimentatore variabile da laboratorio

Messaggioda Foto Utenteelfo » 16 ago 2017, 16:01

elektronik ha scritto: erano i cavi dell'alimentazione di uscita che avevano una resistenza interna anomala non so da cosa era dovuta, forse cavi scadenti. Questo causava la caduta di tensione di un volt e più.

Voglio sperare che i cavi rossi siano stati "portati" DIRETTAMENTE sui morsetti di uscita e ai capi della resistenza di sense 0R15.
Con questo tipo di collegamento i "cavi scadenti" (celesti nel circuito") gli avrebbero fatto un baffo.
elektronik ha scritto:sapete se e possibile creare un piccolo circuito per proteggere questo alimentatore se i cavi si toccano tra di loro perché non vorrei cambiare il fusibile. Quando succede mi si brucia la resistenza da 68 Ohm che va al potenziometro da 10k.

Il circuito e' intrinsecamente protetto contro il cortocircuito(cavi collegati ai morsetti di uscita che si toccano).

Quale fusibile? Non vedo fusibili nel circuito.

Per quanto riguarda la resistenza presumo che sia quella riquadrata di rosso. La potenza che deve dissipare vale (sotto tutte le condizioni di erogazione di corrente dell'alimentatore - compreso il corto circuito) all'incirca:

Pr = 0,7^2 / 68 = 7 mW

per cui una resistenza da 1/4 W basta (e avanza)
Avatar utente
Foto Utenteelfo
1.091 2 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 318
Iscritto il: 15 lug 2016, 12:27

0
voti

[54] Re: Alimentatore variabile da laboratorio

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 16 ago 2017, 16:46

Il cavo era ossidato internamente e credo spessore non appropriato per quando riguarda la resistenza si è bruciata quella vicino al potenziometro da 500 ohm e il transistor 2n3055 nonostante non doveva succedere è successo.
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
1.471 1 5 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 975
Iscritto il: 12 mag 2015, 21:26

0
voti

[55] Re: Alimentatore variabile da laboratorio

Messaggioda Foto Utenteelfo » 16 ago 2017, 16:55

elektronik ha scritto:mi si brucia la resistenza da 68 Ohm che va al potenziometro da 10k.

elektronik ha scritto:la resistenza si è bruciata quella vicino al potenziometro da 500 ohm

???? :mrgreen:
Avatar utente
Foto Utenteelfo
1.091 2 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 318
Iscritto il: 15 lug 2016, 12:27

0
voti

[56] Re: Alimentatore variabile da laboratorio

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 16 ago 2017, 20:09

ciao elfo, dopo giorni di arrabbiature una svista puo capitare....
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
1.471 1 5 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 975
Iscritto il: 12 mag 2015, 21:26

0
voti

[57] Re: Alimentatore variabile da laboratorio

Messaggioda Foto Utentemarco438 » 27 ago 2017, 16:46

Ma hai poi risolto? Non ti sei piu' fatto vivo.
marco
Avatar utente
Foto Utentemarco438
36,6k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16353
Iscritto il: 24 mar 2010, 14:09
Località: Versilia

0
voti

[58] Re: Alimentatore variabile da laboratorio

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 27 ago 2017, 21:00

marco438 ha scritto:Ma hai poi risolto? Non ti sei piu' fatto vivo.

Ciao marco438, ho lasciato perdere quel circuito e ne ho costruito un altro che secondo me e il Massimo che si possa avere, arriva fino a 3A 0-30V con corrente regolabile e tasto set in modo che se si supera gli amper richiesti il circuito si resetta automaticamente, ripigiando il tasto set riparte il tutto da capo. L'indicazione avviene tramite due diodi led.
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
1.471 1 5 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 975
Iscritto il: 12 mag 2015, 21:26

0
voti

[59] Re: Alimentatore variabile da laboratorio

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 29 ago 2017, 17:34

Questo è il disegno che ho fatto parte componenti, e uscita una bella scheda compatta ed efficace per quello che serve a me. purtroppo il disegno lascia un po a desiderare ma credo che rende bene l'idea.
Allegati
parte componenti 723 psu 0-30V-0-3A.jpg
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
1.471 1 5 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 975
Iscritto il: 12 mag 2015, 21:26

1
voti

[60] Re: Alimentatore variabile da laboratorio

Messaggioda Foto Utentemarco438 » 29 ago 2017, 17:40

Gia' che c'eri potevi mettere anche lo schema elettrico.
Peccato per quel "v o l t a g g i o" che e' un paese vicino ad Alessandria. :evil:
marco
Avatar utente
Foto Utentemarco438
36,6k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16353
Iscritto il: 24 mar 2010, 14:09
Località: Versilia

PrecedenteProssimo

Torna a Costruzione, montaggio e riparazione

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti