Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

Ottenere una tensione monofase dalla trifase

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G

0
voti

[121] Re: Ottenere una tensione monofase dalla trifase

Messaggioda Foto Utentefpalone » 24 ago 2017, 12:21

Da norma 64-8 (si applica alle navi?) il differenziale va installato nei sistemi IT quando, in un impianto, le masse non sono tutte collegate tra di loro per mezzo di un conduttore di protezione, ma sono collegate tra di loro a gruppi o sono messe a terra individualmente.
I differenziali possono intervenire anche nel caso ammettenze verso terra siano decisamente più alte rispetto a quelle riportate nello schema in [94].
Ad esempio, un filtro EMC grandicello per apparecchiature industriali può avere una corrente di fuga di circa 30 mA, corrispondente ad una impedenza di circa 8 kohm.
Andando ad installare uno o più di questi apparecchi nella rete a 220 V, il malcapitato che toccasse una fase (lelerelele ormai prende l'aereo) sarebbe soggetto ad una corrente nell'ordine delle decine di mA, che potrebbe far scattare il differenziale.
Avatar utente
Foto Utentefpalone
5.477 3 7 10
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1573
Iscritto il: 26 dic 2007, 16:46
Località: roma

0
voti

[122] Re: Ottenere una tensione monofase dalla trifase

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 24 ago 2017, 13:14

Ma allora, in una normale rete domestica, 'sti filtri EMC potrebbero fare scattare il differenziale? (un po' come le vecchie radio a valvole, era meglio provare da quale lato infilare la spina, anche per ascoltare meglio e per non avvertire la dispersione toccando l'eventuale giradischi)
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
4.039 4 9 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2083
Iscritto il: 29 gen 2014, 7:54

7
voti

[123] Re: Ottenere una tensione monofase dalla trifase

Messaggioda Foto Utenteadmin » 24 ago 2017, 14:29

Piero Azzoni ha scritto:si ci sarebbe un dato che può convincere Foto Utenteadmin che lo schema che rappresente è pura teoria
le tre correnti di fase, magari misurate più di una volta in situazioni di carico diverse
in particolare di giorno con le luci ed i fari spenti e di notte con idem accesi
emergerebbe inconfutabilmente che i carichi di fase sono diverse


Avatar utente
Foto Utenteadmin
159,7k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 10329
Iscritto il: 6 ago 2004, 12:14

0
voti

[124] Re: Ottenere una tensione monofase dalla trifase

Messaggioda Foto Utenteschumy91 » 24 ago 2017, 18:02

In effetti le masse sono messe allo scafo in maniera individuale.
Avatar utente
Foto Utenteschumy91
71 1 6 8
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 634
Iscritto il: 12 gen 2008, 23:30
Località: Taranto

0
voti

[125] Re: Ottenere una tensione monofase dalla trifase

Messaggioda Foto UtentePiero Azzoni » 24 ago 2017, 22:15

Foto Utenteadmin ha scritto:Beh, 0,13 mA dovresti essere in grado di sopportarli e resterebbero quelli anche se ci aggiungessi carichi monofase, uno dei cavalli di battaglia di Foto UtentePiero Azzoni
questa non l'accetto
ma non sul piano personale
non l'accetto perché è proprio qui che nasce l'errore
una architettura del genere nasce proprio esattamente per alimentare carichi monofasi, per cui la loro esistenza in questa situazione non è un'aggiunta è una condizio sine qua non del circuito
del resto se si trattasse "solamente" di adattare il livello di tensione semplicemente perché uno specifico carico TRIFASE ED EQUILIBRATO necessita di una tensione diversa la cosa migliore [non dimenticare mai che siano su una nave e vogliamo ridurre i pesi] sarebbe E' l'uso di un autotrasformatore con il conseguenti ANNULLAMENTO di tutte le problematiche di cui stiamo dibattendo
Avatar utente
Foto UtentePiero Azzoni
20,4k 4 5 11
free expert
 
Messaggi: 9444
Iscritto il: 4 set 2007, 16:32
Località: Terra

1
voti

[126] Re: Ottenere una tensione monofase dalla trifase

Messaggioda Foto Utenteadmin » 24 ago 2017, 22:26

Piero Azzoni ha scritto:non l'accetto perché è proprio qui che nasce l'errore

Qual è l'errore?
Non vedo ancora né schemi, né formule, che lo evidenzino, ma solo parole assertive che non entrano nello specifico del problema e poi volano verso soluzioni ideali che nessuno sta ancora richiedendo.
Inoltre mi informi di cose che ti dovrebbe venire il sospetto che probabilmente conosco, tipo lo squilibrio dei carichi monofasi e che, se tali carichi non li ho messi, forse ci può essere una ragione. A meno che tu non mi creda un perfetto imbecille, cosa che hai tutta la libertà di pensare, tanto più che l'ho pensato anch'io molte volte di me, e sempre più spesso tra l'altro, visto il tempo che perdo inutilmente in questa stupida attività.
Se ne sei capace lo puoi dimostrare anche in questi post, ma devi farlo in maniera chiara con schemi, formule e calcoli. Io proverò a difendermi naturalmente. Gli altri giudicheranno.

C'è su una nave, stando alle parole di Foto Utenteschumy91, un sistema di distribuzione senza neutro.
Si sta discutendo di cosa succede al marinaio Lele che tocca una fase.
Si tratta di schematizzare la situazione con le ipotesi che si ritengono opportune, quindi, su quella schematizzazione eseguire i calcoli.
Sappiamo tutti che non esiste una schematizzazione che sia identica alla realtà, ma questo non significa che è impossibile farne una che fornisce, con i calcoli ad essa relativi in base alle leggi note dell'elettrotecnica, valori vicini a quelli che si verificano nella realtà.
Tutta la progettazione e l'analisi di un impianto elettrico procede in questo modo.
Non si fanno solo chiacchiere, ma si ricercano le condizioni che permettono di trovare dei numeri che si avvicinino al valore delle grandezze che interessano nell'analisi del funzionamento e nei dimensionamenti dei componenti.
Io ho fatto un'analisi semplificando al massimo per facilitare i calcoli, che non è altro che la classica trattazione del sistema IT. Nulla vieta di modificare lo schema secondo le esigenze che si ritengono imprescindibili.
Ecco ad esempio uno schema con la condizione da te definita "sine qua non" della presenza dei carichi monofasi: io ho messo dei valori per le correnti da essi assorbite, ma se non ti vanno bene metti quelli che preferisci.
In base a quello schema devi calcolare la corrente che attraversa Lele.

Avatar utente
Foto Utenteadmin
159,7k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 10329
Iscritto il: 6 ago 2004, 12:14

0
voti

[127] Re: Ottenere una tensione monofase dalla trifase

Messaggioda Foto UtentePiero Azzoni » 24 ago 2017, 23:15

Foto Utenteschumy91 ha scritto:In effetti le masse sono messe allo scafo in maniera individuale.
perdona la critica ma ti ricordo che lo scafo è un ottimo conduttore !

che siano sullo stesso bullone, magari in argento, o in punti diversi è del tutto irrilevante
Avatar utente
Foto UtentePiero Azzoni
20,4k 4 5 11
free expert
 
Messaggi: 9444
Iscritto il: 4 set 2007, 16:32
Località: Terra

0
voti

[128] Re: Ottenere una tensione monofase dalla trifase

Messaggioda Foto Utenteschumy91 » 25 ago 2017, 16:00

C'è sempre da imparare. :-)
Avatar utente
Foto Utenteschumy91
71 1 6 8
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 634
Iscritto il: 12 gen 2008, 23:30
Località: Taranto

0
voti

[129] Re: Ottenere una tensione monofase dalla trifase

Messaggioda Foto Utenteschumy91 » 26 ago 2017, 17:02

Scusate se disturbo ancora ma approfitto di quanto già detto in questa discussione per chiedervi un'altra cosa...quando abbiamo un utilizzatore monofase alimentato da un sistema con fase e neutro, la corrente arriva dalla fase ed esce dal neutro. Nel caso della nave in cui abbiamo 2 conduttori diciamo attivi come funziona? Spero di essermi spiegato
Avatar utente
Foto Utenteschumy91
71 1 6 8
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 634
Iscritto il: 12 gen 2008, 23:30
Località: Taranto

0
voti

[130] Re: Ottenere una tensione monofase dalla trifase

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 26 ago 2017, 17:08

schumy91 ha scritto: ...la corrente arriva dalla fase ed esce dal neutro....
schumy91 ha scritto: ...Spero di essermi spiegato...

:shock: Io invece spero tu voglia scherzare... in alternata il verso della corrente si inverte senza sosta a frequenza di rete ! Che sia monofase o bifase non cambia nulla...
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
11,5k 3 6 8
Master
Master
 
Messaggi: 8227
Iscritto il: 18 gen 2012, 12:36

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti