Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

Generatore a Precessione Giroscopica

Leggi e teorie della fisica

Moderatori: Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteIanero, Foto UtentePietroBaima

0
voti

[111] Re: Generatore a Precessione Giroscopica

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 28 ago 2017, 5:16

BrunoValente ha scritto:Cosa capiterebbe se vincolassimo il disco B al piano E bloccando l'asse D?

Secondo me l'asse D vincolato al piano E, quindi non più in grado di girare, produrrebbe su di esso una coppia orientata in senso inverso rispetto al verso di rotazione della terra.

Mi chiedo se questa coppia si manifesti soltanto durante il transitorio che accompagna l'apposizione del vincolo, graduale o impulsivo che sia, o invece rimanga poi costante. Questo non sarebbe difficile da sperimentare: tutti notiamo che il giroscopio resiste alla deviazione, ma se continuiamo uniformemente a deviarlo lui continua a resistere o si adegua?
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
4.154 4 9 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2180
Iscritto il: 29 gen 2014, 7:54

0
voti

[112] Re: Generatore a Precessione Giroscopica

Messaggioda Foto UtentePiero Azzoni » 28 ago 2017, 7:02

la risposta secondaria, che ti avrei dato io, te l'ha data Foto Utentevenexian
paragoni due coppie imparagonabili

la risposta importante te l'ha già data Foto UtentePietroBaima concludendo di fatto positivamente la discussione
domanda : da dove viene la coppia assiale generata ?
risposta : dalla coppia che mantiene in rotazione il giroscopio, se dovesse solo continuare a ruotare in ambiente libero, senza disturbi planetari, senza inerzie, sottovuoto, sarebbe minimissima
dovendo mantenere anche la coppia parassita che il pianeta gli oppone diviene rilevante
ecco perché E' VERO che la coppia "secondaria" che potrebbe far girare il generatore esiste MA E' FALSO che non costa nulla al sistema tutto !
è questo l'equivoco che nasce da un prima superficiale (non nel senso doloso del termine) analisi del sistema
nota, per tornare ad un discorso in voga in questo momento in questa discussione MA anche in un'altra, che, grazie ovviamente a Pietro che per primo ha puntualizzato l'aspetto fisico, te lo ho dimostrato senza nemmeno bisogno di entrare nel merito del bilancio energetico complesso con formule sofisticate
poi altro e dire che "quelli bravi" potranno farlo definendo quanta energia in più serve alla rotazione del giroscopio per avere X energia all'albero improprio, ma questa è la fase 2

- fine della discussione - (sempre nel senso positivo del termine ovviamente)
Avatar utente
Foto UtentePiero Azzoni
21,4k 4 5 11
free expert
 
Messaggi: 9910
Iscritto il: 4 set 2007, 16:32
Località: Terra

0
voti

[113] Re: Generatore a Precessione Giroscopica

Messaggioda Foto UtentePiero Azzoni » 28 ago 2017, 7:29

Foto UtenteEcoTan ha scritto: Questo non sarebbe difficile da sperimentare: tutti notiamo che il giroscopio resiste alla deviazione, ma se continuiamo uniformemente a deviarlo lui continua a resistere o si adegua?
continua a deviare
pensa che l'applicazione guida di questo discorso è la bussola giroscopica degli aerei
se si facesse "menare via" da manovre non standard sarebbe un disastro
(magari adesso non perché di sicuro hanno mezzi più evoluti ma questo è un altro discorso)

nell'esempio di Bruno avremmo al polo un oggetto che continua a girare, MAGARI FACENDO PURE GIRARE UN GENERATORE CHE PRODUCE ENERGIA, ma l'energia dovremmo darglela noi facendo girare con le due energue necessarie il giroscopio stesso
Avatar utente
Foto UtentePiero Azzoni
21,4k 4 5 11
free expert
 
Messaggi: 9910
Iscritto il: 4 set 2007, 16:32
Località: Terra

0
voti

[114] Re: Generatore a Precessione Giroscopica

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 28 ago 2017, 7:44

EcoTan ha scritto:se continuiamo uniformemente a deviarlo lui continua a resistere o si adegua?

Faccio notare che per millenni fino a Galileo, gli uomini di cultura hanno tranquillamente pensato che per mantenere un corpo in moto uniforme occorresse spingerlo continuamente con una forza. Ho sostituito il moto rotatorio al moto rettilineo, e un giroscopio ad un corpo generico.
Basterebbe fissare un giroscopio su una piattaforma girevole e metterla in rotazione attorno a un asse diverso da quello principale del giroscopio (pari pari l'esempio di Bruno + una perturbazione iniziale), avrebbe la capacità di fermarsi o continuerebbe a girare (intendo per tempi ragionevoli, poi gli attriti eccetera)?
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
4.154 4 9 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2180
Iscritto il: 29 gen 2014, 7:54

1
voti

[115] Re: Generatore a Precessione Giroscopica

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 28 ago 2017, 8:29

Qui ci sarebbe da scrivere un articolo da intitolarsi "Energia dal prodotto esterno". :D

Faccio solo una breve considerazione, perché Bruno è andato a tirare fuori una cosa che richiederebbe una analisi molto approfondita sul funzionamento del giroscopio, partendo dal principio di Mach.*

Conviene partire da qualcosa di più semplice: per la gioia dei "freeeeenergisti".
perché non estraiamo energia da Coriolis?
Mettiamo in movimento una palla sulla superficie terrestre. Per Coriolis posso prelevare energia dal momento agente su di essa, sottratto anch'esso alla rotazione terrestre.
Ecco lo SGWN2!

1.Chi mi dice che non devo bere al mattino e mi spiega perché?

2.Chi mi fa un parallelo fra SGWN e SGWN2?

3. Chi mi generalizza dicendomi che da questi prodotti esterni energia non ne tiro fuori?

Pietro

PS: non ditelo a quelli di SGWN altrimenti brevettano subito lo SGWN2 :lol:

* Bruno riesce sempre a stupirmi quando fa così. Fa eccezione la sua capacità di andare a tirare fuori con curiosità semplici cose di fisica che richiederebbero spiegazioni approfondite. Davvero bravo.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
67,1k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7799
Iscritto il: 12 ago 2012, 0:20
Località: Londra

0
voti

[116] Re: Generatore a Precessione Giroscopica

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 28 ago 2017, 9:07

4) e chi dice a tutti noi come mai dopo secoli non si è riuscito a tirar fuori energia da questi semplici meccanismi, che esistono da tempo immemorabile?

Visto che non sono in grado su due piedi di fare dimostrazioni rigorose (neanche alla buona a dire il vero) per togliere alcuni dubbi esistenziali a Bruno ed altri ricordo alcuni esempi classici.

La "bussola", nuovo oggetto del desiderio EY, è un oggetto divertente e istruttivo: pur avendo il baricentro fuori dal punto di appoggio NON CADE!
Anzi è classico che man mano che l'attrito ne rallenta il moto attorno al suo asse lei si "abbassa" e se ricordo bene accelera anche la rotazione intorno al punto di appoggio.
Ma alla fine cade, per colpa degli attriti (altrimenti continuerebbe all'infinito)
Senza attriti cadrebbe o si fermerebbe se si tentass edi estrarne energia.

Inoltre...a parte come funziona la bussola ricordo a Bruno (Pietro correggimi se sbaglio) che è possibilissimo rallentare la rotazione della Terra senza punti di appoggio esterni, anzi è quello che sta avvenendo (anche e soprattutto per colpa della Luna e dei moti mareali, CREDO): basta dissipare in qualche modo l'energia rotazionale, per esempio in calore, e sia gli oceani che il mantello e il nucleo sono soggetti a movimenti dissipativi.

Un altro modo è l'espulsione o l'impatto con corpi celesti.

E probabilmente ce ne sono anche altri
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
15,0k 6 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 4626
Iscritto il: 2 apr 2013, 15:08

0
voti

[117] Re: Generatore a Precessione Giroscopica

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 28 ago 2017, 9:15

No, però scusate, lasciamo stare i complottisti e le polemiche, la domanda è semplice, gradirei una risposta semplice, non una dimostrazione.

La semplifico ancora per confinare ulteriormente lo spazio di manovra dei ragionamenti.

Lasciamo stare lo scambio di energia tra il volano e la terra che implica questioni che possono destare sgomento, stupore, scetticismo e dare adito a polemiche ecc. e riduciamo l'esperimento al dispositivo in figura che non si trova più al polo nord ma a casa nostra, se volete nel nostro garage.



Se mi metto a girare la manovella mentre il volano è in rapida rotazione avverto la presenza di una coppia antagonista che quindi tende ad opporsi a quella che io applico alla manovella.

Se quanto detto è vero, e qui chiedo conferma, vorrà dire che per riuscire a girare la manovella dovrò compiere un lavoro, quindi vorrà dire anche che girando la manovella cederò energia al dispositivo.

Siccome non vi sono attriti e posso quindi escludere che l'energia che cedo al sistema possa dissiparsi in calore, la domanda semplice è:

Dove finisce l'energia che cedo al dispositivo mentre giro la manovella?
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
25,6k 6 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5106
Iscritto il: 8 mag 2007, 13:48

0
voti

[118] Re: Generatore a Precessione Giroscopica

Messaggioda Foto UtentePiero Azzoni » 28 ago 2017, 9:30

si contrappone al moto che tiene in rotazione il giroscopio
infatti se il sistema è troppo leggero lo blocchi
Avatar utente
Foto UtentePiero Azzoni
21,4k 4 5 11
free expert
 
Messaggi: 9910
Iscritto il: 4 set 2007, 16:32
Località: Terra

0
voti

[119] Re: Generatore a Precessione Giroscopica

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 28 ago 2017, 9:31

BrunoValente ha scritto:Dove finisce l'energia che cedo al dispositivo mentre giro la manovella?


Cedi energia al sistema oppure spendi energia per far rallentare A a cui stai applicando una coppia resistente?
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
67,1k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7799
Iscritto il: 12 ago 2012, 0:20
Località: Londra

0
voti

[120] Re: Generatore a Precessione Giroscopica

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 28 ago 2017, 9:32

Mi son sovrapposto a Piero sorry
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
67,1k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7799
Iscritto il: 12 ago 2012, 0:20
Località: Londra

PrecedenteProssimo

Torna a Fisica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti