Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

Riparazione alimentatore

Attrezzature, tecniche e soluzioni per la costruzione di apparecchiature. Dal piccolo PCB, alla macchina od oggetto ricreativo di qualsiasi natura, purché non pericoloso
1
voti

[11] Re: Riparazione alimentatore

Messaggioda Foto Utentevenexian » 24 ago 2017, 16:01

Purtroppo Bruno, il problema per quel tipo di problemi è quasi certamente il polimero.
Se la scatola fosse stata di colore bianco, oppure trasparente, non si sarebbe rotta.
Mi piacerebbe lasciare la cosa in sospeso, per stuzzicare la fantasia, ma forse è meglio spiegare subito.
Quegli oggetti sono ottenuti per stampaggio a iniezione, con il polimero che viene riscaldato fino a temperatura di fusione, quello è ABS, attorno ai 250-260 °C e poi forzato nello stampo a pressione considerevole, più o meno una tonnellata per centimetro quadro. Questa pressione enorme compatta le fibre del polimero, elimina il gas eventualmente presente, forzandolo ad uscire e ricalca alla perfezione tutti i particolari dello stampo. Ciò che non fa, è modificare le catene del polimero, che restano della lunghezza del materiale prima della fusione.
Una volta stampato il pezzo, dallo stampo uscirà anche un pezzo 'spurio', la mattarozza, formata dal materiale presente nei canali dello stampo che portano il materiale alle cavità dei pezzi da stampare.
Queste mattarozze, in modo particolare nei pezzi di piccole dimensioni come quello di cui si sta parlando, diventano parte importante della quantità totale di polimero utilizzato e, per questioni economiche, non vengono gettate, ma invece macinate e riutilizzate.
Macinando il materiale e sottoponendolo nuovamente a un ciclo di fusione e di raffreddamento, la lunghezza delle catene polimeriche all'interno si accorcia e il materiale diviene più fragile, fino a raggiungere un comportamento quasi vetroso. Problema che porta alle rotture come si vede nelle foto, anche senza urti particolari, ma solo per l'utilizzo normale del manufatto.
Cosa c'entra il colore? Presto detto: se il pezzo stampato è di colore bianco, il riutilizzo della mattarozza è limitato perché se viene ripetuto per più volte, il materiale inizia a sporcarsi e il risultato è visibile sul pezzo finito. Per particolari estetici di colore bianco con finitura 'high-gloss', come i prodotti Apple per capirsi, il materiale deve essere sempre e solo materiale nuovo, senza riutilizzo.
Al contrario, se il pezzo da stampare è di colore nero, è possibile infilarci dentro di tutto, anche materiale di altri colori perché il pigmento nero copre tutto. Questo particolare porta gli stampatori a riciclare l'impossibile nei pezzi neri di piccole dimensioni e di basso costo, con i risultati di cui sopra.
E questo spiega anche perché molti prodotti di qualità hanno colori chiari con finiture a specchio, mente la paccottiglia è sempre nera con finitura satinata a grana grossa.
Avatar utente
Foto Utentevenexian
1.377 2 5
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 440
Iscritto il: 13 mag 2017, 9:07

Precedente

Torna a Costruzione, montaggio e riparazione

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti