Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

Il relè. ..questo sconosciuto

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteBrunoValente, Foto UtenteIsidoroKZ

0
voti

[11] Re: Il relè. ..questo sconosciuto

Messaggioda Foto Utenteelettrodomus » 31 dic 2017, 11:01

Dal telefono non riesco a disegnare, ci vorrebbero degli assi cartesiani, per farti capire il comportamento dell'uscita NC e quella NO. In ogni caso, si comportano semplicemente in maniera inversa. Quando un contatto è chiuso, l'altro è aperto, e viceversa.
Igor

L'arte di esser saggi è l'arte di capire a cosa si può passar sopra.
(W. James)
Avatar utente
Foto Utenteelettrodomus
9.656 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2546
Iscritto il: 28 gen 2011, 21:38
Località: Bassa Bresciana

0
voti

[12] Re: Il relè. ..questo sconosciuto

Messaggioda Foto Utenteelettrodomus » 31 dic 2017, 11:06

Comunque principalmente i relè vengono usati prorio per separare i circuiti di comando di solito a bassissime tensioni e circuiti di potenza, con tensioni più elevate.
Igor

L'arte di esser saggi è l'arte di capire a cosa si può passar sopra.
(W. James)
Avatar utente
Foto Utenteelettrodomus
9.656 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2546
Iscritto il: 28 gen 2011, 21:38
Località: Bassa Bresciana

0
voti

[13] Re: Il relè. ..questo sconosciuto

Messaggioda Foto Utenteunecc » 31 dic 2017, 11:36

giusto, questo perché la lamella avevo capito che si sposta da un contatto all'altro e apre o chiude il circuito (e qui già non capisco cosa c'entri il load visto che il circuito dovrebbe aprirlo il relè)

?%
Avatar utente
Foto Utenteunecc
40 1 2
 
Messaggi: 44
Iscritto il: 31 gen 2017, 8:55

0
voti

[14] Re: Il relè. ..questo sconosciuto

Messaggioda Foto Utenteelettrodomus » 31 dic 2017, 11:47

Dunque, i relè più utilizzati di solito hanno il cosiddetto "contatto in scambio" ovvero c'è un ingresso comune (dove si collega l'alimentazione da interrompere) e i due contatti NC ed NO (dove avremo alternativamente il potenziale dell'ingresso C, a seconda se la bobina del relè sia eccitata o meno).
Suppongo che nel tuo caso il contatto C, sia stato chiamato LOAD.
Mi dispiace di non poter disegnare, ché capiresti più facilmente con uno schemino.
Igor

L'arte di esser saggi è l'arte di capire a cosa si può passar sopra.
(W. James)
Avatar utente
Foto Utenteelettrodomus
9.656 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2546
Iscritto il: 28 gen 2011, 21:38
Località: Bassa Bresciana

1
voti

[15] Re: Il relè. ..questo sconosciuto

Messaggioda Foto Utenteelektronik » 31 dic 2017, 13:34

ciao Foto Utenteunecc guarda lo schema con lo scambio relè così forse ti è piè facile capire come funziona il tuo ricevitore wireless. il relè che in questo caso funge da deviatore quando tu premi il pulsante del trasmettitore eccita il rele che muove il contatto centrale verso destra quindi chiude il contatto che fa passare la fase nella lampadina che si accende perché e già collegata al neutro. Spero che comprendi quello che ho scritto, perdonami ma non sono bravo nelle spiegazioni. Guarda l'immagine....
Allegati
58705fefd06f68.15554958.jpg
58705fefd06f68.15554958.jpg (86.87 KiB) Osservato 343 volte
Avatar utente
Foto Utenteelektronik
1.559 2 5 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 1080
Iscritto il: 12 mag 2015, 21:26

2
voti

[16] Re: Il relè. ..questo sconosciuto

Messaggioda Foto Utentewall87 » 31 dic 2017, 14:29

Te lo ha già spiegato Foto Utenteelektronik, io provo solo a farti uno schemino:



Nel caso disegnato normalmente la corrente segue il percorso in rosso facendo accendere il led 1, quando però premiamo il pulsante:



la corrente oltre ad arrivare al contatto del relè, arriva anche alla sua bobina, facendola eccitare, di conseguenza il contatto cambia il suo stato, facendo anche cambiare percorso alla corrente, così facendo ora si accenderà il led 2 e resterà acceso fino a quando noi terremo premuto il pulsante. Una volta smesso di premere il pulsante la bobina smetterà di essere eccitata e si tornerà alla fase iniziale con il led 1 acceso.
In questo caso il relè è molto semplice e praticamente funge come deviatore, ma esistono anche relè più complicati; comunque ogni cosa a suo tempo :D
Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni.

Formule LaTeX

Uso di LaTeX sul forum

ƎlectroYou
Avatar utente
Foto Utentewall87
5.045 3 10 13
Master
Master
 
Messaggi: 1283
Iscritto il: 27 nov 2014, 14:28
Località: Padova

2
voti

[17] Re: Il relè. ..questo sconosciuto

Messaggioda Foto Utentemir » 31 dic 2017, 14:33

abusivo ha scritto:
unecc ha scritto:...è grave?...

Potrebbe provocare assuefazione!

:shock: Foto Utenteabusivo ! Vuoi che Foto Utenteunecc non abbia lettoil bugiardino di EY ?

Foto Utenteunecc, come aVrai potuto constatare il prodotto è conforme alla Norma, pertanto non presenta alcun tipo di controindicazioni, anche se nella letteratura scientifica sono stati rilevati alcuni casi, in piccollissima e trascurabile percentuale di soggetti con risposta negativa al prodotto EY con manifestazioni anomale (si direbbe allergiche) ad oggi sconosciute alla scienza, ma si tratta di casi rarissimi e ancora in fase di studio.
Potrei dire che escludendo le note manifestazioni di cambio colore che si possono verificare (celeste,marroncino, viola, azzurro, blu ...) ed alquanto insignificanti per la salute il resto è del tutto positivo. L'utilizzo di EY consente un enorme sviluppo della conoscenza verso le discipline che governano il mondo elettrico dai circuiti al software, dall'Elettrotecnico all' Informatica e non solo. Pertanto buon utilizzo del prodotto ... pardon portale ... :D
Scherzi a parte, che mi costeranno la cancellazione dal forum da parte dello staff amministratori ...
Foto Utenteadmin Foto Utentewebmaster Foto UtenteIsidoroKZ Foto UtenteMike Foto UtentePaolino Foto UtenteDirtyDeeds Foto UtentePietroBaima Foto Utenteg.schgor Foto UtenteBrunoValente Foto Utentecarlomariamanenti Foto UtenteGuerra Foto Utente6367 Foto UtenteDarwinNE Foto Utentecarloc .. proverò a rispondere alla tua domanda ..
unecc ha scritto:Qualcuno ha la pazienza di spiegarlo in maniera semplice :cry:

Il relè è un dispositivo di tipo elettromeccanico, ovvero ha delle componenti elettriche e delle componenti meccaniche. La parte elettrica si concretizza in una bobina (avvolgimento di filo conduttore di rame sottilissimo avvolto ad un nucleo di materiale ferromagnetico) questa bobina presenta due terminali (quasi sempre identificati con le lettere A1 ed A2 )ed è a questi due terminali che riceve la tensione di alimentazione in volt dal circuito esterno. Il valore ed il tipo (continua o alternata) di tensione di alimentazione dipendono dalle caratteristiche del relè per cui è stato progettato.
Una volta che la bobina riceve ai suoi terminali la tensione di alimentazione, in conseguenza di fenomeni elettromagnetici che si generano al suo interno, il nucleo della bobina eserciterà una forza di attrazione su una delle parti meccaniche, generalmente chiamata ancora. Quest’ancora insieme ai contatti fa parte dell’elemento meccanico del relè. L’ancora altro non è che un piccolo braccio che andrà a chiudere/aprire il/i contatto/i presenti nel relè. I contatti presenti possono essere diversi, dal semplice interruttore (due terminali C-NO) al deviatore (tre terminali C-NO-NC) a combinazioni differenti degli stessi.
Volendo semplificare al massimo (qui arriva il ban ..), è un po’ come comandare un pulsante a mano, anziché comandarlo manualmente tenendo premuto il pulsante, si alimenta una bobina di un relè e fintanto che sarà presente la tensione ai capi di questa bobina il contatto dell’interruttore del relè rimarrà chiuso , al mancare della tensione la bobina si disalimenta ed il contatto torna nella condizione di riposo, ovvero di aperto.
Vien da se che poi ci sono altre condizioni che possono realizzare il mantenimento dello stato del relè di aperto o chiuso, e la possibilità di utilizzare anche relè che non sono di tipo elettromeccanico, ma di tipo statico, ovvero realizzati elettronicamente con dei semiconduttori (ma qui mi fermerei alla sola informazione ;) ).
La scelta di un relè piuttosto che un altro, va improntata in funzione dell’utilizzo, e delle caratteristiche del circuito che dovrà ospitarlo. O meglio del tipo della tensione di alimentazione e della sua ampiezza (valore) e del tipo di assorbimento (quanta corrente elettrica ) richiede il carico (il dispositivo che dovrà controllare con i suoi contatti) perché i contatti possano supportare l’intensità di corrente necessaria, e del numero di manovre che dovrà compiere il relè, non ultimo anche l’ambiente ed il tipo di installazione, che può essere oltre che in un ambiente particolare o condizioni meccaniche critiche, anche con installazione su circuito stampato o su un supporto da quadro, o perché no volante.

Aggiungo uno schemino rappresentativo di un generico relè (da circuito stampato) per chiarire (spero) meglio quanto scritto ..

O_/

OT. Foto Utenteabusivo, scherzo. ;-)
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
53,7k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 19146
Iscritto il: 19 ago 2004, 20:10

0
voti

[18] Re: Il relè. ..questo sconosciuto

Messaggioda Foto Utenteabusivo » 31 dic 2017, 15:17

mir ha scritto:... :shock: Foto Utenteabusivo ! Vuoi che Foto Utenteunecc non abbia letto il bugiardino di EY ?...

Infatti:
Perché si chiama "Bugiardino"?
Boh, forse sono io che faccio confusione!
Avatar utente
Foto Utenteabusivo
4.037 3 4 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3446
Iscritto il: 16 ott 2012, 17:43
Località: L'Aquila

1
voti

[19] Re: Il relè. ..questo sconosciuto

Messaggioda Foto Utentemario_maggi » 31 dic 2017, 20:42

Ciao Siria.
Tutte quelle scrittine che sono sul relè blu cosa significano?


Nella prima riga in alto: Logo aziendale e nome del produttore Songle.
Nella seconda riga: marchi di due enti di certificazione volontaria del prodotto (CQC e cULus https://www.smcworld.com/international/en/images/marktbl_ul.jpg).
Nella terza e quarta riga: nella colonna a sinistra, la portata massima accettata secondo le CQC
Nella terza e quarta riga: nella colonna a destra, la portata massima accettata secondo le cULus
Nella quinta riga: la sigla di quel relè, che comprende anche la tensione di alimentazione della bobina.

Buona serata, buon capodanno!
Mario
Mario Maggi
https://www.evlist.it per la mobilità elettrica e filiera relativa
https://www.axu.it , inverter speciali, soluzioni originali
Richiesta ormai senza speranza: http://www.electroyou.it/forum/viewtopic.php?f=21&t=45087
Avatar utente
Foto Utentemario_maggi
13,1k 3 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3131
Iscritto il: 21 dic 2006, 8:59
Località: Milano

Precedente

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Feedfetcher e 35 ospiti