Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata

Regolatore di tensione 24 V > 12V

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteBrunoValente, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utentecarloc, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteDirtyDeeds

1
voti

[21] Re: Regolatore di tensione 24 V > 12V

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 16 mag 2018, 19:15

Salvatore129 ha scritto:..In ingresso è consigliato di mettere un poliestere da 330nF, in uscita un poliestere da 100nF (vedi allegato).
L'assenza degli elettrolitici cosa comporta?


Gli elettrolitici non servono, ovviamente si presuppone che in uscita al ponte l'elettrolitico ci sia e che sia dimensionato per avere a pieno carico un ripple non eccessivo.

il dropout voltage, cioè il valore minimo della differenza tra il valore della tensione di ingresso e il valore della tensione di uscita, non deve scendere sotto 2V altrimenti la regolazione fallisce, quindi è necessario che la tensione di ingresso sia sufficientemente più alta della tensione di uscita e che l'ampiezza del ripple, che dipende dal valore della corrente assorbita dal carico e dal valore del condensatore elettrolitico, non sia eccessiva, cioè che il valore della tensione di ingresso nel punto dove il ripple presenta il picco inferiore sia comunque almeno 2V più alto del valore della tensione di uscita.

L'unico elettrolitico che serve quindi è quello in uscita al ponte, invece il condensatore da 330nF da mettere in ingresso al regolatore, che va messo il più vicino possibile ai piedini, serve ad evitare l'insorgere di auto-oscillazioni ad alta frequenza ed è particolarmente raccomandato quando i collegamenti tra l'elettrolitico e il regolatore sono lunghi, quello da 100nF da mettere in uscita al regolatore serve pure a migliorare la stabilità.

Salvatore129 ha scritto:Altra cosa: nella figura del datasheet è anche consigliato di inserire in parallelo al regolator un diodo (suppongo si tratti di un 1N4007). L'uso è indispensabile? Sarei curioso di sapere che ruolo copre...

Come già ti hanno detto, può capitare per motivi vari (non è il tuo caso) che occorra mettere un condensatore grosso in uscita, nel qual caso, se si verificasse un cortocircuito in ingresso, il diodo proteggerebbe il regolatore bypassando la corrente inversa di scarica del condensatore in uscita.
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
28,8k 6 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5597
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

Precedente

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 50 ospiti