Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata
11
voti

LO HAI MAI REALIZZATO CON UN PIC? - L'ambiente di sviluppo MPLAB X

Indice

L'ambiente di sviluppo MPLAB X

Era il 2010 quando, a seguito di un contatto con Microchip, mi fu anticipato che nel giro di pochi mesi la casa di Chandler avrebbe rilasciato le prime versioni di MPLAB con caratteristiche innovative, tra le quali (forse la più ecclatante) il fatto di essere stato scritto in Java per renderlo disponibile per diversi sistemi operativo, Windows, Linux e Mac. L'idea di permettere agli amici del pinguino e della mela morsicata di poter utilizzare tutti gli strumenti Microchip per lo sviluppo dei progetti con i PIC avrebbe permesso di allargare notevolmente la platea di aficionados. Non nascondo il mio interesse verso Linux ma la mancanza di software specifici per la programmazione embedded (come i compilatori ed il supporto dei programmer/debugger) mi aveva frenato dall'utilizzo. Ora le cose stanno diversamente e quindi il passagio a Linux potrà essere meno doloroso e nel contempo compatibile con lo sviluppo embedded. Il nome di questo ambiente? MPLAB X IDE.

L'ultima versione

È sufficiente avviare il browser e scrivere http://www.mplab.com/mplab [1] per essere immediatamente indirizzati alla pagina di MPLAB X. Il link per scaricare la versione per il proprio sistema operativo. Oltre all'IDE è possibile anche scaricare le versioni X dei compilatori C per PIC16F, PIC18F, PIC24F, PIC32. Per i PIC18F è sempre possibile scaricare il C18.

MPLAB X Home Page

MPLAB X Home Page

Una visita periodica a questa pagine permetterà di mantenere aggiornato MPLAB X. Questo aspetto non è un semplice sfizio: quando Microchip rende disponibili nuove funzionalità, oppure corregge bug individuati nelle versioni precedenti o semplicemente vengono rilasciati nuovi microcontrollori, allora è facile trovare una nuova versione dell'ambiente di sviluppo e può essere conveniente un aggiornamento.

L'installazione

La procedura di installazione su Windows è abbastanza immediata. Una volta lanciata la procedura, l'installazione si compone delle solite richieste, come l'accettazione della licenza e la scelta della cartella di destinazione.

Intallazione 1/6

Intallazione 1/6

Installazioe 2/6

Installazioe 2/6

Installazioe 3/6

Installazioe 3/6

Installazioe 4/6

Installazioe 4/6


Merita attenzione invece la parte conclusiva, laddove compare un messaggio di di avviso per quanto concerne l'utilizzo dei programmer/debugger. Qualora si abbia installato anche MPLAB 8.xx è necessario eseguire un aggiornamento dei driver degli strumenti di sviluppo (come ad esempio PICKit3 e ICD3) alla versione di MPLAB X. Il passaggio al contrario è altrettanto possibile.

Installazioe 5/6

Installazioe 5/6

Infine, prima della conclusione, è possibile scaricare i compilatori XC; se già li si dispone oppure se non si è interessati, è sufficiente togliere la spunta e clicare su "Finish".

Installazioe 6/6

Installazioe 6/6

Le novità di MPLAB X

Non è mia intenzione descrivere tutte le funzionalità di MPLAB X; si rimanda alla lettura della guida utente [2], senz'altro più attendibile e completa di questo semplice articolo introduttivo.La novità più evidente è senz'altro un diverso aspetto dell'IDE rispetto alla versione 8.xx. Un altro aspetto molto importante è che il progetto che si realizza non solo è legato al compilatore che si intende utilizzare ma anche al programmer/debugger. Microchip ha pensato bene di mantenere una certa compatibilità con i progetti svolti con MPLAB 8.xx, progetti che si possono importare e convertire per il nuovo IDE, mantenendo intatte però le prerogative di ciascun ambiente. In sostanza si può lavorare su uno stesso progetto, con l'IDE X o 8.xx. L'aggiornamento dei sorgenti non preclude la visualizzazione degli stessi nei differenti IDE.Anche con MPLAB X i compilatori di terze parti sono supportati e, udite udite, anche SDCC [3] diventa integrabile nell'IDE. Questo aspetto, che con MPLAB 8.xx non era possibile, permette di utilizzare anche questo compilatore in un unico ambiente di sviluppo.




La creazione di un progetto

Dal menu File scegliendo la voce New project, compare una finestra che permette di creare un progetto, in diversi passi. Tra le varie possibilità compare anche quella di importazione di un progetto pre-esistente e sviluppato con MPLAB 8.xx, ma per ora si vedrà come creare un progetto nuovo. Per far ciò, è necessario scegliere la voce Standalone Project.

Nuovo progetto: standalone project

Nuovo progetto: standalone project

Successivamente si va a scegliere il dispositivo, a partire dalla famiglia di appartenenza. Nell'esempio che segue è stato scelto un PIC18F4520.

Nuov progetto: scelta dispositivo

Nuov progetto: scelta dispositivo

Il terzo passo prevede la scelta del dispositivo per la programmazione e il debug. Nell'esempio si sceglie ICD3 ma, come si vede, è possibile impiegare anche altro, compreso il simulatore.

Nuovo progetto: scelta del programmer/debugger

Nuovo progetto: scelta del programmer/debugger

Avanzando con il wizard, si passa alla selezione del tool di sviluppo in termini di linguaggio e compilatore. Come anticipato, è possibile sfruttare anche SDCC.

Nuovo progetto: scelta del compilatore/linguaggio

Nuovo progetto: scelta del compilatore/linguaggio

Infine, per completare le operazioni guidate, è necessario specificare nome del progetto e cartella di destinazione. Una volta inseriti questi dati, premendo il pulsante "Finish" si termina la fase guidata ed è possibile iniziare a scrivere codice.

Nuovo progetto: nome progetto e cartella di destinazione

Nuovo progetto: nome progetto e cartella di destinazione

Ma che fine ha fatto MPLAB 8?

Per chi proprio non ce la fa a fare un passo in avanti e staccarsi dal "vecchio" IDE, Microchip mantiene comunque la possibilità di scaricare una versione in lento sviluppo. Non ne ho la certezza, ma il mio timore è che MPLAB IDE 8.xx non abbia vita molto lunga e che fra non molto lo sviluppo (già ampiamente rallentato) venga arrestato del tutto e gli sforzi concentrati su MPLAB X. Per poter comunque utilizzare MPLAB 8.xx si fa presente che a oggi il link disponibile sulla pagina di MPLAB X è quello mostrato in figura. Una volta clickatoci su, si viene reindirizzati a questa pagina dove è possibile procedere con il download.

Pagina web con il link a MPLAB 8.xx

Pagina web con il link a MPLAB 8.xx

Licenza e diritti

Questo articolo rientra nell'ambito della licenza CREATIVE COMMONS BY-NC-ND Italia 3.0, secondo quanto indicato nelle note legali qui riportate.

Licenza Creative Commons

Licenza Creative Commons

Sintesi delle note legali (italiano)

Note legali (italiano)

Legal code (international)

Commons deed (international)

Ogni riferimento a marchi di terze parti si è reso necessario esclusivamente per dare senso a questo articolo. I marchi citati appartengono alle aziende proprietarie.


Riferimenti

[1] MPLAB X IDE

[2] X IDE User's Guide

[3] SDCC

PicExperience

3

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

La migrazione è quasi obbligatoria... Mi sono deciso qualche settimana fa ed ora sto inizando l'uso intensivo.

Rispondi

di ,

Attendevo proprio il momento per fare il passo da mplab 8.xx a mplab X, penso sia giunta l'ora. Grazie Paolo!

Rispondi

di ,

Grazie Paolo!

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.