Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata
19
voti

Disegno di schemi elettrici sul forum

Prendo spunto da una discussione sul forum, nella quale era stato disegnato uno schema elettrico assolutamente incomprensibile, per riportare poche e semplici regole di disegno tecnico. L'obiettivo è quello di non creare confusione quando si discute a proposito di uno schema, in modo da concentrarsi sul vero problema e non sull'identificazione dei componenti o sul chiarimento di un malinteso creato da un disegno poco chiaro.

Per portare un esempio faccio riferimento ad un mio vecchio schema, non perché sia perfetto (tutt'altro), ma a titolo indicativo:

Quando si disegna uno schema elettrico:

1. i collegamenti non devono mai essere fatti passare all'interno dei rettangoli che rappresentano i circuiti integrati, nè attraverso alcun altro componente, per esempio:

  • le resistenze che diventano fusibili:
  • un trasformatore ingarbugliato:
  • ehm... questo si commenta da solo (tra l'altro è anche sbagliato...)


2. i rettangoli che rappresentano i circuiti integrati devono essere disegnati con una linea leggermente più spessa, in modo da non confonderli con dei collegamenti;

3. per ogni pin del circuito integrato bisogna indicarne la relativa piedinatura. Questo vale anche per gli amplificatori operazionali e, in genere, per tutti i componenti di cui la piedinatura non è ovvia in fase di prototipazione su millefori, breadboard o simili;

4. va indicato, per ogni componente, il valore e un riferimento (es: R1, C1, L2...) in modo da evitare, discutendo sullo schema, frasi del tipo "ecco... vedi, la seconda resistenza in alto, da sinistra...no, l'altra..."

5. il valore dei componenti va indicato sullo schema e non con una tabella a parte, che genera confusione ed errori. Se non ci sta si modifica lo schema elettrico, si spaziano di più i componenti o, in extremis, si creano uno o più collegamenti che terminano con un riferimento ad una altra sezione del circuito. Esempio:

6. simbolo giusto a componente giusto: non si disegnano, per esempio, gli operazionali di un IC che ne contiene quattro con un rettangolo al quale far confluire tutti i collegamenti, ma si usa il simbolo triangolare usuale, al quale viene indicato il numero del pin ad ogni morsetto.

7. se in un IC sono presenti più dispositivi uguali (per esempio quattro amplificatori operazionali) ognuno di loro deve essere indicato con il riferimento dell'integrato seguito da una lettera minuscola progressiva (IC3a, IC3b, IC3c...). Stessa cosa vale per le porte logiche o altri integrati che integrano dispositivi multipli;

8. I simboli corretti per indicare 0V, massa e terra sono, in italiano e in inglese:

(a tal proposito si veda questo articolo.)

9. anche se non è obbligatorio, converrebbe mettere sempre i puntini che indicano connessione elettrica. I cavallotti vanno utilizzati invece solo dove lo schema non sarebbe chiaro altrimenti. Esempio:

10. Tranne alcune rare eccezioni (ponti di diodi, flip flop e capacità di bypass) le linee che rappresentano le connessioni non vanno mai disegnate storte, ma sempre o parallele o perpendicolari al foglio, disegnando sempre angoli di 90°.

11. Per migliorare ulteriormente la leggibilità dello schema sarebbe opportuno disegnarlo, quando possibile, da sinistra verso destra e dall'alto verso il basso;

12. I blocchi di circuiti si rappresentano secondo il loro schema usuale, per meglio individuarli e riconoscerli;

13. Lo schema funzionale NON è lo schema pratico. Si deve rispettare l'adeguata simbologia e non inventare grafiche inopportune (che non sono originali, ma solo incomprensibili);

14. Spesso sul forum si vedono schemi che vengono copiati e incollati in un nuovo post, magari modificati (e fin qui la cosa è ottima, FidoCadJ è stato implementato sul forum proprio per dare questa facoltà).Lo schema incollato, tuttavia, appare con alcuni caratteri (di solito Ω o μ) che da singoli sono diventati due.

Esempio (guardate i valori delle resistenze):

Diventa quindi davvero noioso dover editare lo schema per sostituire i doppi caratteri con il carattere giusto. Questo succede perchè il browser non è configurato per supportare la codifica caratteri UTF-8. Abilitando questa codifica il problema viene risolto. Su Mozilla Firefox si può abilitare la codifica UTF-8 cliccando sul menu View (oppure premendo ALT-V), selezionando Character Encoding e infine su Unicode (UTF-8).


Spero di essermi ricordato tutto. Ogni aggiunta o correzione è ben gradita, la integrerò nell'articolo più che volentieri!

Buon disegno a tutti!

18

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

Sono io che devo ringraziare te, Danielino, per i complimenti.
Ciao,
Pietro.

Rispondi

di ,

Una guida decisamente utile e completa. Una linea comune per tutti facilita in modo notevole la lettura/comprensione dei disegni e la loro interpretazione per future spiegazioni. Grazie.

Rispondi

di ,

Ho aggiunto il punto 14, sperando di aver fatto cosa gradita a quanti hanno il problema della codifica UTF-8. Purtroppo utilizzando unicamente Firefox ho potuto solo dare istruzioni relative a questo browser. Se qualcuno ne utilizza altri e vuole indicarmi la procedura per abilitare la visualizzazione corretta per la codifica UTF-8 sarò lieto di incorporare il suo intervento nell'articolo. Grazie, Pietro.

Rispondi

di ,

Grazie mir per il tuo commento e per l'incoraggiamento a fare sempre di più per questa stupenda comunità.
Ciao da Pietro.

Rispondi

di ,

Questo articolo ci voleva,quello del disegno elettronico/elettrico è uno degli aspetti spesso sottovalutato dagli utenti,non si considera che lo schema disegnato correttamente è fondamentale per ogni tipo di intervento/considerazione sul circuito che rappresenta. Bravo PietroBaima e Complimenti e Grazie per il generatore di nome utente. ;)

Rispondi

di ,

Mah, se mi chiedessi di fornirti qualche testo o, più in generale, qualche riferimento, non ne sarei in grado. E' una "regola" che ho imparato sul lavoro, vedendo gli schemi elettrici disegnati dagli elettronici circuitali. Disegnano sempre gli integrati con linee più spesse ed, effettivamente, trovo che la comprensibilità dello schema migliori, specialmente se si tratta di grossi integrati come i microcontrollori o le FPGA.

Rispondi

di ,

C'e' una domanda che volevo fare, ma sono stato distratto dagli effetti tecnicolor. Perche piu spessi gli integrati? Da dove nasce?

Rispondi

di ,

Grazie, Gustavo
Integro subito i tuoi consigli!
Pietro.

Rispondi

di ,

Prego, TardoFreak

Rispondi

di ,

Grazie Pietrobaima

Rispondi

di ,

L'ho inserito perchè in tanti mi hanno chiesto come fare a pubblicare i nomi utente come sul forum.

Rispondi

di ,

Nel commmento qui sotto potrete trovare un generatore di nomi utente: inserendo i vari dati avrete un frammento di codice, che inserito in un commento ad un articolo vi permetterà di scrivere i nomi utente come fareste sul forum.
Ciao e alla prossima da Pietro.

Rispondi

di ,

tag nome utenti EY


Amministratori
Amministratori aggiunti
Moderatori globali
Moderatori di sezione
Registrati plus1
Registrati plus
Firma abilitata
Nuovi utenti registrati
Bot
Utenti naughty
Altro (specificare RGB in esadecimale):

UserName :

Codice :

Risultato :




Rispondi

di ,

A me piace anche ricordare, cose di non poco conto, che:
- Lo schema si legge, ed implicitamente, scrive, da sinistra verso destra e dall'alto verso il basso.
- I blocchi di circuiti si rappresentano secondo il loro schema usuale, per meglio individuarli e riconoscerli.
- Lo schema funzionale NON è lo schema pratico. Si deve rispettare l'adeguata simbologia e non inventare grafiche inopportune.

Rispondi

di ,

Eccoci alla seconda correzione.
Grazie badilant!

Rispondi

di ,

Grazie, clavicordo!
Pietro.

Rispondi

di ,

ottimo!

Rispondi

di ,

Prima modifica. Grazie

IsidoroKZ

!

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.