Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata
12
voti

Punti luce

Domanda:

Cosa significa punto luce? In particolare mi interessa il punto luce invertito, per una ricerca per l'esame di terza media.

Risponde admin

Si dice "punto luce" l'insieme della lampada (o una presa comandata o meno) e dei dispositivi che l'accendono e la spengono. Il punto luce semplice è quello in cui il comando della lampadina è effettuato da una sola posizione. Se la lampada è comandata da due posizioni si dice punto luce deviato. Se invece è comandata da più di due posizioni si dice punto luce invertito. Per un punto luce semplice basta un interruttore, un dispositivo con due terminali; per un punto luce deviato occorrono due deviatori, che ha tre terminali: un comune e altri due messi in collegamento con il comune dalla lame del contatto; per l'invertito occorrono 2 deviatori ed un invertitore, se il comando è da tre punti, due invertitori se il comando è da quattro punti; e così via (ma più di quattro o cinque in genere non si fà: si usa preferibilmente il comando a relé con pulsanti). L'invertitore è praticamente un doppio deviatore con un collegamento tra due terminali diversi dal terminale comune, quindi un dispositivo con quattro terminali.
22

Commenti e note

Inserisci un commento

di VIRUS A1 H1/N1,

QUALCUNO SA DIRMI COME SI FA IL COLLEGAMENTO DI 2 LAMPADE IN PARALLELO COMANDATE DA TRE PUNTI PIU' UNA PRESA

Rispondi

di geo,

qualquno sa dirmi comme si fa collegamento a due punti luce con tre accensioni

Rispondi

di ,

Cristoforo, guarda che qui punto luce interrotto non sta per punto luce non funzionante!

Rispondi

di ,

ciao,io ti consiglierei prima di ogni cosa di controllare con un tester se nel portalampade esce la tensione 230V perchè potrebbe essersi interroto il neutro!!

Rispondi

di ,

Gio,
è un punto luce interrotto. Si potrà eventualmente applicare una maggiorazione che dipende dalla distanza tra le due lampade, ma non si tratta certo di due punti luce.
I punti luce comunque non sono l'unico modo per fare i capitolati ed i preventivi. Il capitolato, comunque sia specificato, lo si dà a più installatori, inseriranno i loro prezzi per ogni voce. Punti luce o meno, l'importante è che garantiscano la perfetta esecuzione di quanto richiesto dal cliente che non ragiona obbligatoriamente a punti luce ma a sue esigenze di utilizzo dell'impianto.

Rispondi

di Gio,

In questi giorni stiamo tracciando lo schema elettrico per la nuova casa. Vorrei capire se mettendo due lampade ad incasso affiancate che si accendono/spengono insieme dallo stesso interruttore devo conteggiare un punto luce oppure 2... Il progetto che ci ha fatto l'architetto per la sala prevede infatti di abbinare sempre 2 lampade.. a me preoccupa l'eventuale costo finale dei punti luce... Grazie per le eventuali risposte...

Rispondi

di pippo-gg,

Aiuto vorrei accendere e spegnere distintamente 4 punti luce con uno o due pulsanti. Sarei grato se potessi reperire uno schema. Grazie pino48@libero.it

Rispondi

di Mike,

Con l'avvento delle nuove tecnologie e delle nuove esigenze parlare di punto interrotto o punto luce deviato, ecc. non è più corretto e risulta obsoleto, lo puoi ancora trovare nel civile ma è in fase di estinzione, inoltre con queso sistema la contabilità è facilmente contestabile e/o si presta a interpretazioni furbesche da parte dell'installatore. Ha molto più senso ed è molto più preciso parlare di:
A- punto predisposizione comando o presa;
B- punto conando interrotto;
C- punto comando deviato;
D- punto presa;
E - punto luce;
In pratica "A" è la scatola portafrutti predisposta con supporti, tappi ciechi e placca standard collegata con la tubazione alla scatola di derivazione locale; "B" rappresenta il cablaggio vero e proprio del frutto interruttore entro "A" e relativo collegamento alla scatola di derivazione locale; "C" è come "B" solo che al posto dell'interruttore c'è il deviatore; "D" è come "B" solo che al posto dell'interruttore c'è il cablaggio della presa con linea fino alla scatola di derivazione principale; "E" è solamente il tratto di conduttura (cavo + tubo) in partenza dalla scatola di derivazione locale. Per fare un confronto con il sistema precedente, la voce "punto luce interrotto" nel sistema sopradescritto sarà composto da: "A"+"B"+"E", mentre il punto deviato da 2x("A")+2x("C")+"E", mentre un punto presa da "A"+"D". Se devo aggiungere un altro punto presa, ovvero un "D" significa che questo sarà derivato direttamente dalla dorsale e non in ponte dalla presa a fianco, per quello ci sarà una voce apposita.
In questo modo, si semplifica la contabilità in cantiere, l'installatore non fa il furbo e si fa pagare un punto luce interrotto dove in realtà utilizza la stessa scatola portafrutto o prende tutte le scatole portafrutto in ponte e non radialmente alla scatola di derivazione. Inoltre in caso di applicazione di sistemi domotici è più facile preventivare la variante dal punto di vista economico.

Rispondi

di ,

Matteo,
E' sempre un punto luce deviato. Ovviamente con quattro faretti. A questo punto si tratta di vedere se i 4 faretti sono già cablati in parallelo, quindi costituiscono un unico corpo illuminante, o se sono faretti singoli localizzati in punti diversi della stanza, supponiamo ai quattro angoli, per cui devi cablare tu il parallelo. E' evidente che il costo del punto luce nei due casi è diverso. Nel primo caso applicherai il tuo prezzo base del punto luce deviato; nel secondo vi aggiungerai un sovrapprezzo per ogni faretto in più.

Rispondi

di matteo,

Devo contabilizzare i punti luce di un impianto, vorrei capire meglio un dettaglio? Se ho 4 faretti accesi e spenti dgli stessi due deviatori, ai capi opposti della stanza, quanti punti devo considerare?

Rispondi

di loreto,

Salve Avrei bisogno di sapere come posso collegare due lampade da corridoio cod due deviatori per poter accendere o spegnere da tutti e due deviatori.

Rispondi

di elettricistaEP,

Lampada a soffitto ed interruttore sono un punto luce. Le tre prese nella stessa scatola sono in effetti un unico punto luce, che avrà però un costo maggiore corrispondente alle due prese in più.

Rispondi

di Antonio Sapienza,

Vorrei comprendere qual'è il sistema in uso per la contabilizzazione dei punti luce realizzati. Per intenderci se in una scatola colloco tre prese elettriche possono essere considerati tre punti luce? Oppure l'alimentazione a soffitto e l'interruttore che la comanda sono considerati due punti o uno solo? Grazie anticipato per la risposta e cordiali saluti.

Rispondi

di Pierpaolo,

La complicazione è il numero di cavi che arrivano alla scatola: due per un pulsante, quattro per ogni invertitore

Rispondi

di Pierluigi,

quali sono i problemi che possono scaturire nel realizzare un accensione lampada da 5 punti utilizzando i semplici invertitori + deviatori e non i pulsanti con il relè? grazie

Rispondi

di ,

Sì (solo che invece di 12 interruttori sono 12 deviatori). Un punto luce non è una lampada ma un punto da cui si può prelevare energia elettrica. Quindi vi puoi collegare tutte le lampade che vuoi, ovviamente fino a che non interviene la protezione per sovracorrente.

Rispondi

di Anonimo,

Ho un contratto in cui è indicato che posso inserire nel mio impianto elettrico 6 punti luce comandati da due punti deviatore. Questo vuol dire che posso inserire 6 luci con un totale di 12 interruttori? Se una di queste luci risulta essere un insieme di 5 faretti, vanno considerati come unico punto luce?

Rispondi

di ,

E' la fase. (L sta per linea). Una curiosità: perché tanti punti di domanda quando ne basta uno?

Se le tre lampadine devono essere comandate indipendentemente l'una dall'altra, occorre una coppia di deviatori per ogni lampadina, non bastano due deviatori. Se le devi comandare insieme, basta metterle in parallelo tra loro.

Rispondi

di Anonimo,

se mi potete mandare uno schema di un accensione di 2/3 lampadine con solo due deviatori.

Rispondi

di Anonimo,

salve di nuovo,grazie per lo schema del punto luce deviato.guardando quello schema,la linea in alto chiamata L sarebbe la fase che entra nel deviatore??????

Rispondi

di ,

Eccolo

Rispondi

di Anonimo,

SALVE,LE VOLEVO CHIEDERE UNO SCHEMA DETTAGLIATO DI UN UN PUNTO LUCE DEVIATO.GRAZIE

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.