Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata
9
voti

Virus, Vaccini e pecore ...

Indice

Le mani avanti ...

"virus", visto da vicino ...

"virus", visto da vicino ...

Questo articolo non ha alcuna pretesa, si tratta d'un contributo un po' più esteso rispetto a quanto si scriverebbe in un post, potrebbe essere visto come la naturale contaminazione indotta da quel thread, un'infezione trasmessa dal forum al blog ...
Forse può apparire come il tentativo di "alzare la voce" sopra quella degli altri, chissà, può darsi, anche se molto semplicemente (e forse in modo inadeguato) ho voluto mettere in fila alcuni aspetti colti lungo le pagine di quel confronto.

E' da tempo che se ne parla

L'obbligo alla vaccinazione o la pratica della vaccinazione sono oggetto di discussione da tempo, la contrapposizione sul tema non è qualcosa di recente.
Già alla fine del 1700, inizi del 1800, c'era chi denigrava quell'approccio, allora agli albori: si trattava più che altro di scetticismo e derisione.
Per certi aspetti, con le obiezioni d'oggi giorno sollevate riguardo l'efficacia dell'immunizzazione, non si svela nulla di originale, si aggiunge piuttosto, a mio parere, la colpevole carenza d'una elementare conoscenza.
Il fatto è che son trascorsi due secoli, dovrebbero risultare evidenti e indiscutibili i progressi compiuti dalla scienza medica, ma ciò nonostante correnti di pensiero trovano linfa nel gettare scredito sull'uso dei vaccini e sui vaccini in quanto tali: i pretesti sono i più disparati.

Vale il tempo di rifletterci per non regredire.

EY non è una echo chamber, non vi si trova la corrente di pensiero che asseconda l'affiliazione confessionale, ma si è discusso e se ne discute, d'altra parte la valenza sociale e scientifica della questione è davvero rilevante.
Nel thread ci si è confrontati, chi s'è accodato ha contribuito a modo proprio, a volte portando conoscenze o certezze, anche dubbi, alimentando magari quelli degli altri.
Il forum ha veicolato questa partecipazione, ha dato opportunità di confronto e forse, per qualcuno, di scoprire qualcosa di nuovo (il thread è in continuo aggiornamento).

Sono stati espressi differenti punti di vista ma in sintesi, pur semplificando, è possibile censire il pensiero di chi è a favore dei vaccini e all'obbligo della vaccinazione, chi vorrebbe decidere in libertà se vaccinare(vaccinarsi) pur riconoscendone la validità, e chi invece è proprio contrario ai vaccini; questi ultimi, se non ricordo male, almeno quì su EY, pochissimi, forse nemmeno presenti, ma potrei essere smentito.
E poi, in generale, ci sono le correnti di pensiero che con varie sfumature propendono più da una parte o da un'altra.

Questo è un luogo dedicato principalmente alla divulgazione e al confronto su materie tecniche, scientifiche, c'è l'abitudine a familiarizzare con concetti e principi che si rifanno al metodo sperimentale: risale al secolo di Galileo Galilei, a lui è attribuita la paternità.
E' il metodo che guida le scoperte, i progressi e i successi, vale anche per la medicina, e così è stato per la ricerca di soluzioni in difesa dai virus che da tempo senza memoria accompagnano gli animali e l'uomo.

Ma un Virus che roba è ?

img1

img1

Se escludiamo il dialogo tra due persone, ci si può informare leggendo un'enciclopedia o un libro: questo lo si sarebbe affermato anni fa.
Oggi la risposta più immediata e istintiva è "vai su internet" oppure "vai in internet", e infatti è il luogo dove state leggendo questo articolo, anche se non so ancora per quanto la pazienza vi accompagnerà.

Ecco, nella diatriba, internet, a prescindere dalla preposizione che in modo figurato invita nella vastità delle connessioni del mondo intero, nel meglio o nel peggio gioca una parte significativa, ma di questo magari ne leggiamo dopo.

Ma dicevamo, un virus cos'è ?
Questo lo sapete o lo potete facilmente scoprire ma diamone almeno un accenno.
E' un così detto agente patogeno che causa infezione, è incapace di sopravvivere in modo autonomo e per questo ha l'impellenza di trovare un ambiente comodo e accogliente, per vivere e proliferare; fuori da questo ambiente di certo non si replica, può resistere un po', dipende dal tipo di virus, da qualche ora sino a qualche settimana, ma poi muore (non dimentichiamoci di questa informazione ... )
Ha dimensioni infinitesimali, non lo si vede (ci vogliono microscopi elettronici per osservarlo), però sono evidenti le conseguenze della sua presenza, per la malattia che provoca.
Alcune di queste patologie sono devastanti, altre violente ma qualche spiraglio lo concedono, altre ancora veramente fastidiose e se nella maggior parte dei casi sono accompagnate da un epilogo felice, in qualche altro lasciano un segno indelebile, e in circostanze molto particolari possono condurre al decesso.

Vi sono virus che infettano solo gli animali ma da questi, alcuni, possono passare all'uomo e allora si parla di zoonosi; se una infezione avviene nel verso opposto si tratta di antropozoonosi.
Comunque c'è da riconoscere che i virus non fanno discriminazione, trattano tutti con equità, persino i batteri se la devono vedere con loro, con i virus batteriofagi, il che è tutto dire.

Il Vaccino è un medicinale ?

Quando l'infezione ci coglie, ben poco si può fare.
Sembra strano, ma non disponiamo di terapie, e questo potrebbe far riflettere su quanto ancora ci sarebbe da indagare.
In alcuni casi si può evitare d'assecondare il processo infettivo, ma è ben poca cosa.
Per evitare o combattere un'infezione (in generale) si possono assumere degli antibiotici ma per i virus non esiste un medicinale capace di guarirci quando il virus ci attacca e la patologia fa la sua comparsa.
Allora, quel che si può fare è agire in via preventiva tramite appunto la vaccinazione e qui casca l'asino, anche se lui non è ammalato ...
Solitamente un medicinale lo si prende per guarire, mentre il vaccino (è classificato appunto come un medicinale) lo si assume in assenza d'una patologia (di vaccinazioni ce ne sono diversi tipi, in questo scritto si intende fare riferimento a quelle preventive) e questa faccenda, consapevolmente o meno, porta alla diffidenza di alcuni nei confronti della pratica dell'immunizzazione: il fatto è che non c'è alternativa se ci si vuole proteggere per evitare un possibile contagio.

L'immunizzazione

Rispetto ai virus non abbiamo difese, o meglio, ce le possiamo creare se superiamo (senza conseguenze permanenti, si spera) la fase conflittuale che il nostro sistema immunitario ingaggia con l'intruso (sconosciuto) dall'istante in cui avviene l'infezione.
Col decorso della malattia il sistema immunitario sviluppa(produce) i così detti anticorpi, particelle specifiche (più propriamente proteine, presenti quasi tutte nel siero del sangue) in grado di riconoscere, aggredire e sconfiggere l'agente infettante, capitasse d'incontrarlo nuovamente, evitando l'insorgenza della malattia.
Infatti, una successiva aggressione da parte di quel virus specifico ci lascerebbe indifferenti, però, va precisato, potremmo trasformarci in veicolo d'infezione per altri (non dimentichiamoci di questa informazione ... ).

Per dotare il sistema immunitario degli anticorpi in grado d'aggredire e sconfiggere un virus (e scongiurare una malattia infettiva) esiste una sola alternativa: la vaccinazione.
In pratica consiste nell'introdurre intenzionalmente nel corpo un composto (il vaccino) che veicola un virus (il virus specifico di una malattia) incapace però di portarci alla malattia, perché reso inoffensivo, ma in grado di stimolare il sistema immunitario: una sorta di potente simulatore del virus originale.
Così si agisce su dinamiche bio/fisio-logiche basandosi sulla proprietà della memoria immunologica.

Quando eravamo più piccoli, per spiegarcelo, ci dicevano (ed è vero, me lo ricordo) che ci iniettavano un virus "morto", che non poteva farci niente: l'idea poteva fare un po' schifo, ma quasi sembrava una sfida.
E' una semplificazione, ma è efficace, e sopratutto vera (anche se incompleta).

Ora sembra una cosa ovvia, ma non è stato per nulla facile arrivarci: tante malattie, molte ricerche e parecchie storie.
Può essere l'occasione per scrivere e leggere una di queste, solo un accenno, così da rendere l'idea di ciò che oggi abbiamo nel nostro arsenale sanitario e riteniamo, comprensibilmente, una disponibilità scontata.
Purtroppo però è tanto ovvia da portare alcuni al punto di denigrare quando non addirittura demonizzare ciò che invece può proteggerci e in alcune circostanze salvarci la vita.
Questo approccio, più che "facilone", credo sia dovuto in parte al benessere che il nostro sistema sanitario, a volte vituperato, ha comunque contribuito a farci raggiungere rispetto alla condizione d'altri paesi dove invece diverse malattie, una volta presenti anche da noi, là sono ancora endemiche.
Parte di noi, ormai dimentichi del passato, imputa alla pratica della vaccinazione d'essere causa d'altre malattie, senza però portare evidenza scientifica.
Questa non è una denigrazione nei confronti di nessuno, vuole solo essere un invito a riflettere.

La Poliomielite, una brutta faccenda

Forse sono cose ovvie, ma credo che rileggere la scoperta d'una malattia, pur per sommi capi, possa essere utile a guadagnare o recuperare una migliore prospettiva rispetto all'oggetto di discussioni che non dovrebbero nemmeno esser tali.
Il nozionismo non c'entra, sicuramente c'è chi è in grado d'argomentare con autorevolezza, qui si tratta solo di dare un'idea e siccome nel thread sopra citato avevo fatto riferimento alla poliomielite ho pensato di recuperare quattro informazioni, poche righe.

Questa malattia ha sempre accompagnato l'uomo lungo il corso della storia, ci sono evidenze che giungono dall'antichità ma solo nel 1840, in Europa, un medico ortopedico, il tedesco Jacob von Hine, ipotizzò potesse esserci un denominatore comune tra i casi di paralisi che gli capitava d'osservare.
Una delle conseguenze della malattia è infatti la paralisi e nei casi ancor peggiori la morte.
Kussmaul fece un altro passo in avanti, e molto importante, tanto che riuscì a trovare un nesso tra vari casi individuando una comune lesione nel sistema nervoso, più in particolare nel midollo spinale e nello specifico nella zona relativa alle cellule nervose coinvolte nel controllo muscolare; ci si stava avvicinando, la strada era quella giusta ma solo dopo il 1880 s'ipotizzò che il colpevole potesse celarsi in un agente infettivo.
Fu infatti Medin, in Svezia, ad esporre questa tesi, a seguito dell'osservazione delle epidemie (e caratterizzate come tali ipotizzando un'infezione) sfociate nel suo paese; consideriamo che a questo punto abbiamo svoltato secolo.
Siamo nel 1908, quasi in contemporanea con gli episodi di Stoccolma, quando Landsteiner e Popper riuscirono ad infettare delle scimmie con prelievi effettuati dal midollo spinale d'un umano deceduto: costituiva una delle prime evidenze sperimentali delle proprietà infettanti della malattia. Ne descrissero l'evoluzione, fornirono uno schema del decorso della patologia e argomentarono in merito agli anticorpi.

Ma studiare la poliomielite era davvero arduo, principalmente per la difficoltà dovuta alla coltivazione dei virus, notevole inconveniente per la ricerca (è un problema pratico che tutt'oggi osta l'osservazione d'alcuni virus).
Si giunse comunque ad una soluzione quando Enders, con l'aiuto di Huckle Weller e Chapman Robbins, nel 1949, ebbero successo ricorrendo a tessuti d'embrioni umani, credo dosando anche un po' di pennicilina: nel 1954 gli assegnarono il premio Nobel.

In quegli anni ci si rese conto che il virus della poliomielite non era unico, ve n'erano diversi, e le conseguenze della loro presenza non tutte uguali ma tutti, tutti, infettavano l'ospite passando dall'apparato orale, dalla bocca, per raggiungere l'intestino e da lì al sangue e dal sangue al sistema nervoso (non sempre arrivano a colpirlo, ma quando accade le connessioni nervose possono essere irrimediabilmente danneggiate e subentra la paralisi).
Insomma, da una parte si padroneggiava la fissione nucleare mentre in altri campi della ricerca ancora si arrancava: forse superflua, sicuramente banale come considerazione, ma è una comparazione che dà la percezione delle distanze che a volte intercorrono tra le diverse scienze nei vari campi di ricerca.

Comunque sia, dopo la seconda Guerra Mondiale, Morgan, negli USA, sperimentando sulle scimmie mise a punto un vaccino per la poliomielite animale; ma passare alla sperimentazione sull'uomo è ben altra cosa, sopratutto in ragione del fatto che la poliomielite può essere appunto causata da più virus (poliovirus).
La ricerca proseguì e salendo di livello si decise di sperimentare sugli scimpanzè; sotto il profilo biologico più vicini all'uomo rispetto alle scimmie: vennero però impiegati virus disattivati.
Anche in tale circostanza i risultati furono incoraggianti tanto che nel 1952 si decise per il primo test sull'uomo.
Venne inoculato sia il vaccino inattivo che quello attenuato su qualche decina di soggetti e gli esiti furono davvero soddisfacenti: infatti anche il primo tipo non aveva scatenato la malattia.
Come sappiamo però coi numeri e le statistiche bisogna fare sempre i conti e l'idea d'una campagna di vaccinazione di massa sulla scorta di tali risultati, per quanto felici, avrebbe lasciato gli immunizzati alla mercé d'altri agenti infettanti: ricordiamo ancora che il vaccino interessava solo un poliovirus, nessuna protezione verso gli altri.
Un altro punto debole di questo vaccino consisteva nell'avere un effetto limitato nel tempo.

Poliomielite: il dilemma, Salk o Sabin ?

Diversi cercavano una soluzione, ormai era solo questione di mesi e l'anno successivo (nel 1953), sempre negli USA, arrivò l'annuncio di Salk (già noto per le ricerche di un vaccino antinfluenzale): lui era pronto con vaccino a virus inattivo cioè, ricordiamo, incapace di replicarsi e d'aggredire.
Esisteva la consapevolezza, sulla scorta degli studi condotti, che l'efficacia di questo tipo di vaccino era inferiore rispetto a quello con virus attenuato ma Salk, in via precauzionale, al fine d'evitare ed escludere il rischio del neurotropismo, per compensarne la "volatilità", propose un metodo in grado di stimolare comunque nel tempo il sistema immunitario: il così detto "richiamo", ovvero la somministrazione del medesimo vaccino ripetuta più volte (tre in quel caso) nel tempo, distanziate l'una dall'altra da periodi predefiniti.
Lo stato dell'arte portò a compiere il passaggio successivo: la vaccinazione di massa.
Nello stesso anno (nel 1953), sempre negli Stati Uniti, venne pianificata una campagna d'immunizzazione importante che coinvolse centinaia di migliaia di bambini.
Gli esiti furono soddisfacenti e le osservazioni successive consentirono di constatare, rispetto al periodo pre-vaccinazione, una riduzione della manifestazione della malattia intorno all'ottanta per cento, ma gli obiettivi rimanevano ben altri.
L'evento fu però accompagnato da un dramma quando un numero finito di soggetti si ammalò davvero di poliomelite: si scoprì che una partita del vaccino prodotto venne rilasciato per errore con l'agente virulento: una disgrazia.
Alcuni bambini rimasero paralizzati, altri morirono; il contro-ordine non tardò ad arrivare così che nel 1955 quella campagna di vaccinazione venne sospesa.
Ma la via era tracciata: al netto di quel madornale errore il vaccino in quanto tale aveva fornito risposte positive.

Nello stesso periodo, in alternativa e diversamente rispetto a Salk, Sabin, altro studioso in batteriologia, da tempo concentrava i propri sforzi nella creazione d'un vaccino attenuato, convinto che quello sarebbe stato più efficace, più potente, in grado di sollecitare un'importante risposta immunitaria escludendo al tempo stesso il rischio del neurotropismo: non era una cosa da poco garantirlo.
Come già scritto gli ostacoli erano diversi: uno dei problemi nello studio dei virus derivava dalla difficoltà della "coltivazione", oltre alla necessità di dover operare una scelta per individuare il virus "giusto" tra i tanti.
Sabin cercava pervicacemente quello con le caratteristiche adatte allo scopo e confidava nelle mutazioni spontanee per ottenerlo, era questione di tempo.
Quando finalmente trovò quello che faceva al caso, anche lui sperimentò sugli scimpanzé.
I risultati positivi lo portarono dinanzi all'ultimo ostacolo: il passaggio del test sull'essere umano.
Ma non si disperò più di tanto: trovò tre persone, una delle quali era lui stesso.
In verità erano soggetti già immuni, ma la prova aveva le sue incognite, principalmente per due motivi: era appunto necessario verificare le reazioni sull'uomo e, in prospettiva, considerare che lo si sarebbe dovuto somministrare su ampia scala, anche a chi aveva già ricevuto il Salk.
Così andò e nel 1958 i test su numeri importanti di bambini, previa determinazione da parte della OMS, vennero condotti in Messico, a Singapore e in Unione Sovietica.
I risultati furono entusiasmanti e il fatto che a qual punto era possibile scegliere tra due vaccini, diede corpo alla diatriba per l'adozione del Salk piuttosto che il Sabin (inattivo o attivo).
Ma i fatti sono i fatti e furono questi a pesare sulle decisioni: benché prima delle vaccinazioni i casi di poliomielite si attestavano oltre i 10.000 all'anno, mentre nel 1960 a seguito della somministrazione del Salk erano scesi fino a 2.500, risultavano ancora troppi, gli obiettivi erano altri.

In Italia il Salk venne somministrato a partire dal 1958 mentre dal 1964 si passò al Sabin e nel 1966 la vaccinazione (l'antipolio) divenne obbligatoria: il Sabin si rivelò l'arma letale contro la poliomielite.
Purtroppo, nel periodo che intercorse tra la sua adozione e la scelta iniziale a favore del Salk, la poliomielite in Italia fece ancora migliaia di vittime, tra paralisi e decessi.
Cosa che non si verificò più dopo che i bambini vennero vaccinati col Sabin ... vi ricordate dello zuccherino ?
Una delle particolarità del Sabin consta nella capacità d'inertizzare il virus stesso che incontra, quindi ne impedisce la successiva proliferazione concorrendo potenzialmente alla sua eradicazione: l'anticorpo non circola col siero del sangue ma rimane presente sulle pareti dell'intestino garantendo a quel livello una formidabile barriera: il virus non fa in tempo ad andare oltre e quando viene "espulso" non può più aggredire.

L'eradicazione del virus della poliomielite in pratica però non c'è stata, e questo perché in diversi paesi, per più motivi, la vaccinazione è venuta meno.
Allora è sufficiente, e possibile, che soggetti "positivi", tali semplicemente e facilmente perché magari provenienti da quei paesi, entrando in contatto con chi non è protetto inneschino una contaminazione dove invece l'infezione non era più presente.
Questa banale riflessione vale naturalmente per qualunque infezione di natura virale.

L'effetto gregge o immunità di gregge

Di cosa ha bisogno un virus, a differenza d'un batterio, d'un lombrico o un elefante, lo abbiamo scritto.
Sappiamo che può vivere al di fuori d'un ospite ma si tratta d'una condizione precaria perché se non trova un "ambiente" da infettare, da lì a poco, letteralmente, muore, cioè non esiste più.
Tanto complicata è la sua ricerca, il suo studio, tanto è nota la soluzione per decretarne la fine.

Una volta abbandonata l'ultima vittima infettata, se non ne trova più una vulnerabile, il virus è destinato a morte certa, quindi all'estinzione: in tale circostanza si parla appunto di eradicazione.
E' quello ch'è successo col vaiolo, l'ultimo caso pare risalga al 1977.
Com'è dunque possibile fissare i presupposti affinché ciò accada ?
Semplice, il numero delle persone vaccinate deve essere il più alto possibile, condizione che riduce le probabilità che un'infezione si trasformi in una epidemia anzi, tende ad azzerare le probabilità che qualcun altro possa essere infettato: si tratta del così detto effetto gregge o immunità di gregge.
Chi è vaccinato protegge sé stesso ma contribuisce, indirettamente, alla protezione degli altri, riducendo drasticamente le occasioni che il virus potrebbe cogliere per passare da una persona a un'altra: è come se saltando da un soggetto per infettarne un altro, non trovandolo, precipitasse nel vuoto schiantandosi.
Il principio credo sia semplice e chiaro, poi si discute sul valore della percentuale della popolazione che dovrebbe risultare vaccinata, ma che sia il 90% piuttosto che il 95%, il concetto è quello.

Vaccinazione obbligatoria o facoltativa ? Ma anche niente ...

Succede che nella compulsiva e perpetua ricerca del consenso partitico, cause e conseguenze s'inseguano sino a confondersi senza portare reali benefici alla collettività.
Purtroppo, a mio parere, è accaduto anche nel tentativo di disciplinare l'obbligo alla vaccinazione.

In questi giorni si è discusso in Parlamento per l'approvazione del provvedimento (proprio questa notte verrebbe chiesta la fiducia al decreto) che legifera nel merito ma ci si è arrivati con approssimazione, annunciando provvedimenti sanzionatori quasi avessero più il proposito dell'effetto mediatico che il proposito di giungere ad una soluzione coerente e di buon senso.
Alle contestazioni di chi è contrario all'obbligo e alle contumelie di chi ritiene addirittura dannosa la pratica stessa della vaccinazione, si sono sovrapposti i proclami punitivi quasi fossero anatemi, poi il tutto si è in parte ridimensionato.
L'errore, tale a mio avviso, è stato compiuto nel metodo, ri-scrivo, conseguenza anche dell'apnea in una campagna elettorale senza soluzione di continuità.
Un clima che forse non ha contribuito a far chiarezza sulla questione, il messaggio giunge in parte carico d'ambiguità col rischio di minare la credibilità stessa della pratica della vaccinazione.

Ma di fatto, ora, un nuovo obbligo verrebbe affermato.
Si confida che quanto sancito, malgrado tutto, porti al raggiungimento e alla conservazione delle soglie d'immunizzazione in prossimità delle quali verrebbe garantito l'effetto gregge (come sopra accennato).

I vaccini funzionano, sono una soluzione, a mio parere tale merito non sarebbe da mettere in dubbio poi, chi non vuole dar credito all'evidenza scientifica e continuare nell'illusione d'essere vittima di chissà quale sordida macchinazione globale lo può fare ma suggerirei, se non altro, di provare a documentarsi seriamente, guardando alla storia e ai fatti con obiettività, senza limitarsi alle fonti(?) dove si legge quanto uno vorrebbe trovare per rinforzare lo scredito verso una pratica sanitaria che invece tutela la salute.

Liberi di scegliere

C'è chi sostiene che la vaccinazione dovrebbe essere facoltativa, in nome della libertà di scelta che al singolo individuo si intenderebbe concedere: opinione rispettabile ma non mi convince.
Non vorrei però essere frainteso, la considero una legittima posizione, ma deve, dovrebbe, fare i conti con la realtà.
Avanzo allora dei dubbi, anch'essi presumo legittimi.
Qual è il limite della libertà di scelta dal momento in cui si vive insieme agli altri ?
Perché non rivendicare questa libertà anche verso altri obblighi ?
"Prendo" quello che mi fa comodo e rifiuto ciò che non mi sta bene ?
Non è coercizione, ad esempio, anche lo obbligo scolastico ?
E' possibile che a volte l'argomento della libertà di scelta diventi l'alibi per non ammettere una diffidenza rispetto alla somministrazione del vaccino ?
Altre domande si potrebbero aggiungere ...

Forse, paradossalmente, si palesa una forzatura non nell'obbligo alla vaccinazione, ma nella posizione di chi pur ritenendola importante per la salute è pronto a relegarla ad una scelta in nome del libero arbitrio.
Sorge il dubbio che la questione della vaccinazione rappresenti un pretesto, un'occasione in più, per rivendicare un principio di libertà.
Così dovesse essere, dispiacerebbe, c'è in gioco la salute delle persone e questo lo si può affermare senza cadere nell'equivoco del ricatto morale.
La sensazione è che più le motivazioni addotte vengono approfondite, più perdono consistenza, allora quel che si può fare è cercare di capire.

Lungi dal voler forzare un'interpretazione, ma alcuni argomentano sostenendo che l'obbligo è sbagliato e ci si dovrebbe vaccinare perché sarebbe nel proprio interesse e questo sarebbe sufficiente a convincere la gente alla vaccinazione garantendo inoltre il raggiungimento della vituperata soglia dell'effetto gregge.
Pia illusione pensando che basti ciò, ma nell'intimo credo lo sappiano anche coloro che lo affermano.
Immagino non occorra articolare complicati ragionamenti, non sarei nemmeno in grado, è sufficiente forse far mente locale su come vanno le cose nella quotidianità per valutarla come falsa prospettiva.
Con la libera scelta, malattie come la poliomelite non possono diventare un triste ricordo.

Si potrebbe poi aprire il discorso al campo dell'obbligatorietà selettiva, riguardo quei soggetti che per l'attività svolta, se non vaccinati, una volta infettati, diffonderebbero con estrema efficacia il virus; basti pensare, ad esempio, al personale d'una mensa: l'epidemia non sarebbe un'ipotesi incerta, l'epidemia verrebbe garantita.

Insomma, nel rispetto delle opinioni altrui, sono convinto, per quanto abbia cercato di comprendere, che certe speculazioni (passatemi il termine), ce le possiamo permettere perché tutto considerato sotto il profilo sanitario non siamo messi male bene.
Come per tante altre cose abbiamo la memoria corta, azzeriamo la storia, ci scordiamo di quella che era la situazione anche solo cinquant'anni fa, da noi in Italia, ma un po' in tutto l'occidente.
A mio avviso vale il tempo di pensarci su un momentino.

Siamo in(su) Internet ...

Ne ho fatto cenno all'inizio, è innegabile che nella diatriba, a favore o contro, Internet ha avuto e ha un ruolo significativo.
Le verità assolute credo non esistano, ma chi alimenta dubbi sull'utilità dei vaccini se non addirittura li giudica causa di funeste conseguenze per la salute delle persone, fa della disinformazione se non è in grado di produrre evidenze(vere) di studi scientifici(veri) a sostegno delle proprie tesi.
Alcuni hanno scoperto solo di recente la possibilità di "navigare" in rete, altri non vi avevano mai dato peso, ma da quando magari ci si è resi conto del mare magnum è come se fossero state scoperte altre "verità", sino a quel momento ritenute sottaciute, nelle quali riporre la propria fiducia ritenendole credibili foss'anche solo per il fatto di pensare che le stesse siano state intenzionalmente celate.
C'è anche la buona fede nel ritenere attendibile il verbo di chi semina scredito sull'azione dei vaccini, forse non c'è da parte di chi lo alimenta per posizione presa.

img2

img2

Mago Merlino, vinto il combattimento contro Maga Magò, avendola infettata e annullata per essersi trasformato in un virus, trae la migliore soddisfazione quanto Semola capisce che "il sapere e la saggezza sono la vera forza" ...

Ma in conclusione, perché si chiama "vaccino" ?

Concludo con un piccolo indovinello: perché si chiama "vaccino" ?
Fatta la domanda, non fornisco la risposta, se incuriositi lascio che la si cerchi, basta un dizionario.
Anticipo solo che l'etimologia lega la parola all'esperienza dell'immunizzazione dal vaiolo, altro virus che è stato messo in un angolo e pare debellato dalla faccia della Terra grazie al vaccino e non a qualche imponderabile fenomeno privo di spiegazione e dimostrazione scientifica.
Mi permetto quindi di suggerire un minimo d'indagine nel caso gli eventuali ricordi, scolastici e non, dovessero ormai risultare troppo labili.

Dovessi aver riportato inesattezze o, peggio, strafalcioni, chiedo solo un po' d'indulgenza per manifesta involontaria ignoranza: le eventuali richieste di rettifiche sarebbero più che gradite, nell'interesse di tutti.
Grazie.

WALTERmwp


nota: img1 e img2 sono due fotogrammi tratti da spezzoni proposti su YouTube.com relativi al film di Walt Disney "La spada nella roccia".

19

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

Ciao Tante delle mie affermazioni arrivano da questa e altre fonti https://youtu.be/iPlPO_Z4QEs Se hai un ora e mezza mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi grazie un saluto Francesco

Rispondi

di ,

Ciao @Fatto, grazie anche a te per l'interessamento. Hai riportato diverse affermazioni, molte di queste, a mio parere, del tutto errate quando non distorsive della realtà (spero non intenzionalmente ma solo in buona fede, per quanto questa comporti comunque una responsabilità), vaghe ed approssimative. Non sto quì a riprendere ogni passaggio del tuo commento, ci sarebbe molto da scrivere e non ho l'autorevolezza per dare consigli nel merito, ma mi permetto un invito: informarti, e bene, non assecondare il desiderio di dare credito a ciò che vorresti trovare nelle citazioni altrui.

Rispondi

di ,

Buongiorno
Premetto che io non sono contro i vaccini, Ma mi sento di menzionare cose e fatti tenuti all'oscuro.
Per prima cosa ci sono state scoperte a dir poco sconvolgenti "vaccini inquinati" .
Hanno trovato dentro di tutto e di più, uranio acciaio CEMENTO ecc.
Poi In Italia il vaccino a priori non ha controindicazioni (è ciò non è vero, conosco purtroppo molte persone rovinate da vaccini)
Se si porta in Italia un certificato che dimostra problematiche/danni gravi o meno da vaccino (rilasciato liberamente da altri stati) il Italia non è valido
Non vedo perché si deve firmare un documento di responsabilità dal momento che il vaccino è obbligatorio e a detta loro non ha controindicazioni!
Parliamo di Business:
Difficilmente un dottore/Pediatra lo sconsiglierà visto che ha un profitto da 7 a 15 € a vaccino, E se riesce a vaccinare il 95% Avrà un premio di 1000 € non ricordo per quali vaccini.... se cercate su Internet e troverete qualcosa sicuramente. Detto ciò difficilmente sarà una fonte certa.
Poi c'è da dire che è un vaccino non copre a vita, (massimo 4-6 anni) E neppure per tutti i ceppi di malattia.
Poi c'è da dire che occorre un esame antiallergico prima di iniettare un vaccino (cosa che nessuno fa).
Poi dovremmo verificare quali malattie il soggetto ha avuto (se ad esempio è compresa nell'esavalente il vaccino non lo si deve fare), ma nessuno darà importanza a questa cosa.
Immigrati
Pare che un bimbo non vaccinato sia causa mondiale di epidemia, quando invece arrivano bambini di tutti colori"non è un'espressione razzista", Che staranno a stretto contatto nostri (E loro di certo non sono vaccinati).
Inoltre alcuni esperti ci insegnano Che continuare a vaccinare Per malattia ormai scomparse, porta solamente ad un indebolimento della persona..
aggiungerei che i bugiardini
Dei vaccini non sono molto affidabili in quanto non riportano tutti gli ingredienti (perché se sono sotto un certo quantitativo per legge non hanno l'obbligo di inserirli)
Per ultima cosa mi vien da dire che non si può commercializzare un vaccino testato al massimo cinque giorni, quando gli esperti dicono che il teste andrebbe fatto in 20 trent'anni.
Montagner (premio Nobel per aver scoperto il virus ADS) ha analizzato la situazione in america (Dove vaccini sono censiti) ed ha visto che il rapporto di handicap/danni da vaccini sta a 1/45 (E a me non sembra poco).
Inoltre ha stilato un grafico dove si fa riferimento ad una curva, che se continua con questa progressione nel 2032 il rapporto sarà 1/1.
A me sinceramente pare molto preoccupante.
Detto ciò vorrei che ci fosse più informazione meno lucro-interessi, più chiarezza,
Vaccini singoli e tutte le analisi del caso prima della somministrazione.
LA VITA È UNA SOLA, non credo sia il caso di giocare alla roulette russa.
Un saluto Francesco
P.s. Non mi pare giusto il discorso che qualcuno ha fatto prima, cioè di farsi pagare A spese proprie le cure di eventuali malattie.
Anche queste persone pagando le tasse contribuiscono alla spese della sanità!

Rispondi

di ,

Grazie anche a te @darkstar55 per il commento. Quando un periodo viene messo alle spalle può verificarsi cada nell'oblio prima ancora che la sua memoria sia rinnovata; specialmente da parte di chi quell'esperienza non l'ha vissuta o della quale non possiede un chiaro ricordo. Ma tra dimenticare e negare c'è una grande differenza.

Rispondi

di ,

Anche io sono una persona vecchiotta, e pertanto ricordo ancora delle persone segnate dalle paralisi della Poliomielite. Ricordo ancora LA FORTUNA CHE HO AVUTO a vivere da bambino in una Italia SERIA, almeno... più seria di oggi, e lo zuccherino con sopra alcune gocce di un liquido rosa. E due piccoli segni che porto su un braccio. Non sono morto. E mio figlio nemmeno. E' stata una GRANDE CONQUISTA, ma come ha detto qualcuno, "un popolo che dimentica la sua storia è costretto a ripeterla". Se il problema sono gli intrecci economici di ditte farmaceutiche con ministri e tutto il sottobosco di burocrati inutili e dannosi (che sono il virus che sta uccidendo la nostra nazione), cosa questa POSSIBILE, visti i precedenti, che si lavori allora su come debellare la corruzione (impossibile in itaGlia) e NON sui vaccini. Non si scambi al solito la causa con l'effetto. E nemmeno si tiri in ballo la "libertà" quando non di libertà si parla bensì di mera e crassa ignoranza

Rispondi

di ,

WALTERmwp ha scritto:
quando viene adottato un provvedimento sanitario nazionale a garanzia e tutela del singolo e della collettività.
più che "adottato" direi ""imposto"" e forse è proprio questa sottile differenza che mi lascia dubbioso, che sia
WALTERmwp ha scritto:
tutela del singolo e della collettività.
poi per
WALTERmwp ha scritto:
almeno soddisfazione per la protezione così garantita
preferirei, senza offesa alcuna per nessuno, che sia il mio Medico di fiducia a chiarirmi l'aspetto.

Rispondi

di ,

Non entro nel merito d'ogni stato elencato, ma dò evidenza a quello che a me pare un paradosso. Siamo lesti nella pratica dell'auto-denigrazione, parliamo male di noi stessi (ma un pochino c'infastidisce quando sono gli stranieri a biasimarci), purtroppo però anche quando viene adottato un provvedimento sanitario nazionale a garanzia e tutela del singolo e della collettività. Non che si dovrebbe ostentare orgoglio nazionale, ma almeno soddisfazione per la protezione così garantita: forse altri legifereranno in tal senso.

Rispondi

di ,

Sono d'accordo con Mike ...

Mke ha scritto:
sono totalmente contrario all'obbligo
Non c'è nessuna urgenza e straordinarietà per un decreto legge, (fonte Gentiloni). Tanto per se ci si guarda intorno Paesi come, si è soliti fare in questo paese si nota che in Austria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Islanda, Irlanda, Lituania, Lussemburgo, Olanda, Norvegia, Portogallo, Spagna, Svezia, Regno Unito hanno "zero" vaccini obbligatori, ed in Svezia hanno votato contro sette proposte relative ai vaccini obbligatori. E' giusto citare anche i paesi che ne hanno di vaccini obbligatori infatti c'è la Francia e Malta con tre,la Grecia con quattro, la Repubblica Ceca e la Slovenia con sette mentre l’Ungheria, la Polonia e la Romania ne hanno otto ed in fine la Bulgaria e la Slovacchia nove, e in Italia ne stanno obbligando 12 ...

Rispondi

di ,

Ciao @Carlopavana, grazie anche a te. La tua osservazione è pertinente, a volte la prova sta semplicemente sotto gli occhi di tutti. L'efficacia della vaccinazione annullò quelle epidemie estive, attese e temute. Se ci pensate non si vedono più nemmeno volti segnati o deturpati dalle conseguenze del vaiolo, come invece era facile riscontrare nelle generazioni precedenti. Ma purtroppo abbiamo la memoria poco retentiva ...

Rispondi

di ,

credo sarebbe meglio continuare nel 3d, ma voglio solo commentare la citazione di Churcill: mi sembra un autogol, sono passati decenni e la pericolosità del fumo (e l'utilità dei divieti introdotti) è stata ampiamente dimostrata, come l'utilità dei vaccini. Se Churcill avesse detto oggi quella frase sarebbe stato sommerso di contestazioni e derisione, non è che un grande statista dica per definizione sempre grandi cose, specie in campi che non sono i suoi

Rispondi

di ,

Buona sera a tutti. Io sono una persona molto, molto vecchia e non ho alcuna preparazione medica. Tra i miei ricordi di infanzia e di prima giovinezza ci sono decine di persone, amici oserei dire, che portavano strani apparecchi di metallo che li aiutavano nei movimenti. Alle mie richieste mi rispondevano sempre :Paralisi infantile, ... Poverino. Persone che avevano la loro vita rovinata e che pesavano con importanti costi sul servizio sanitario che allora si chiamava "MUTUA". Questi ricordi si fermano in modo totale, incredibile e completo alla fine degli anni '50, rivedo ancora i titoli dei giornali e le file di bambini e ragazzi fuori degli ambulatori per la "vaccinazione". Allora vaccini? si !! Obbligatori SI. Per il rispetto di se' stessi e della societa', oppure in caso di malattia dovuta a mancanza di vaccinazione, si pagheranno da soli le spese mediche per curarsi e indenizzareanno le persone infettate. La societa'offre loro i vaccini gratis.

Rispondi

di ,

Ciao @Mike, grazie per l'attenzione. Non entro in una disquisizione sulle singole patologie, il motivo principale é dovuto al fatto che a mio parere non dirime la questione dell'obbligo alla vaccinazione inoltre, il commento all'articolo, non è forse il mezzo più adeguato per trattare la questione. Riscrivo, trovo legittima la posizione di chi rivendica la possibilità di scegliere ma, a volte, penso vadano fatte delle scelte, anche chi è per il libero arbitrio dovrebbe rivedere le priorità. Credo ci sia dell'ambiguità nel tentativo di barattare l'obbligo con la prospettiva che l'esercizio facoltativo garantirebbe i medesimi risultati, ovvero il raggiungimento della "immunità di gregge". Un argomento di persuasione che per molti, o altri, vela invece altre convinzioni.

Rispondi

di ,

Non so perché nel messaggio precedente non è stata inserita la conclusione, siccome non si può editare lo riporto qui: "Se due persone fumano sotto il cartello "divieto di fumare" gli fai la multa, se venti persone fumano sotto il cartello "divieto di fumare" chiedi loro di spostarsi, se duecento persone fumano sotto il cartello "divieto di fumare" togli il cartello." Winston Churchill

Rispondi

di ,

Ho già espresso il mio pensiero, la questione non è vaccino Sì o vaccino No, io non sono contrario al vaccino ideologicamente come i NOVAX sono totalmente contrario all'obbligo, come i FREEVAX. Mediaticamente poi confondere i NOVAX con i FREEVAX è molto semplice. i FREEVAX non sono contrari alla vaccinazione (che poi all'interno ci siano anche dei contrari è del tutto ovvio) ma sono a favore della libertà terapeutica, scelta da condividere in maniera individuale con il proprio medico e pediatra di fiducia. La legge approvata non ha nessuna giustificazione in termini di necessità e urgenza per la salute pubblica, nemmeno per il morbillo anche se, sempre mediaticamente, da quando è in discussione il decreto si è bombardati quotidianamente di casistiche ed epidemie. Se il problema urgente da contrastare fosse il morbillo, ma non lo è perché le coperture sono superiori al 85% ma vogliono portarlo al 95%, perché non obbligano a vaccinarsi solo contro il morbillo? L'antitetanica serve per l'effetto gregge? La rosolia comporta delle complicazioni mortali? E' stato dimostrato che la sospensione dell'obbligo vaccinale sostituito con l'informazione e il supporto degli specialisti alle famiglie ha aumentato il numero delle vaccinazioni soprattutto quelle facoltative, per cui questa legge sta andando totalmente nella direzione opposta, non offre alcuna fiducia ma al contrario aumenterà i contrari, quelli ricchi potranno pagare le multe e continuare a curarsi come ritengono opportuno, i poveracci anche se contrari dovranno adattarsi. Come per tutte le disposizioni legislative contrarie ai principi, anche questa verrà ampiamente disattesa. <> Winston Curchill

Rispondi

di ,

@wruggeri, grazie anche a te per essere passato. E' vero, avrei potuto riportare qualche riferimento specifico ma il proposito che m'ha indotto alla scrittura di questo penso non necessitasse d'altre integrazioni. Per invogliare chi è contrario alla pratica della vaccinazione, a ri-considerare la propria posizione, credo sia più persuasivo un approccio discorsivo: qualche grafico, per quanto interessante, credo potrebbe apparire come una forzatura. Comunque devo scrivere che avevo valuato la possibilità, dopo la lettura d'un paio di libri, ma poi ho desistito a favore della "Disney".

Rispondi

di ,

effettivamente, e non è una differenza trascurabile, ritengo che ai primordi delle vaccinazioni era molto più lecito essere diffidenti e "contro". I primi vaccini introducevano la novità (per allora) di introdurre comunque volutamente la malattia nel corpo umano, e inoltre le varie tecniche di inattivazione erano almeno in parte aleatorie e sperimentali. Tant'è che spesso venivano sperimentati sui medici stessi, o su "volontari"... Nel frattempo le tecniche, soprattutto le procedure di sperimentazione (su animali e non) hanno reso i rischi molto minori a parte rari casi di reazioni avverse.

Rispondi

di ,

Grazie a te @richiurci. L'episodio che ho citato riguarda solo quanto avvenuto negli USA a causa di un errore nella preparazione del "Salk", non è una valutazione del merito. Per il resto, quello che hai colto da Wiki, mi pare corretto e coerente con quanto ho riportato (forse in modo poco chiaro) infatti il vaccino "Salk", in quanto tale, non creò problemi, dava riscontri positivi, ma non come fece e fa il "Sabin". I migliaia casi verificatisi nel periodo di assunzione del "Salk" vennero poi considerate infezioni evitabili (è questo il "passaggio", anche in Italia) in quanto nel medesimo periodo si sarebbe potuto ricorrere al "Sabin" che, molto più efficace, li avrebbe prevenuti. Da noi non venne subito impiegato perché si pensava avremmo fatto da cavie (dichiarazioni e scelte compiute a livello di Ministero della Sanità, di allora).

Rispondi

di ,

L'articolo sembra interessante... l'ho dovuto leggere velocemente per mancanza di tempo, ma non ho notato grosse inesattezze. L'unico appunto che ti faccio è l'assenza di citazioni diretti degli studi scientifici: alcuni non sono difficili da trovare e non sono neanche così ardui da comprendere, per cui citarli avrebbe potuto favorire chiunque, letto l'articolo, fosse stato colto dalla volontà di saperne di più.

Rispondi

di ,

Ottimo articolo Walter, ero tentato di scrivere qualcosa di simile ma mi ha frenato la convinzione di molti che sia meglio evitare certi argomenti ritenuti "divisivi". Invece io ritengo sia indispensabile parlarne, proprio per non lasciare il web solo in mano ai populismi. Non vedo grosse inesattezze ma non sono medico... Aggiungo solo che da wiki sembra di capire che i casi di polio dovuti al vaccino Salk furono dovuti non ad errore ma proprio a un limite di quel vaccino... https://it.wikipedia.org/wiki/Albert_Bruce_Sabin Il link ricorda anche che Sabin era un filantropo e rinunciò a sfruttare economicamente la sua scoperta! Infine... avrei aggiunto alcuni link interessanti a mio avviso scaturiti nel 3d...esempio quelli sulla "immunità di gregge" che per quanto contestata da alcuni ha aspetti matematici o meglio statistici. Ma si può sempre approfondire nel 3d... o scrivere altri articoli. GRAZIE!

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.