Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Benvenuti al blog elettrico di attilio. Visita il suo
Foto Utente

Apriamo il quadro

Se non c'è... non si rompe!


Gli ultimi articoli di attilio

pubblicato 6 anni fa, 568 visualizzazioni

Complice forse l'esigenza di buttare acqua sul fuoco, mi è venuto in mente che ogni situazione che tenda al paradosso, possa prestarsi ad essere studiata e in qualche modo spiegata, attraverso la famosa Legge di Murphy

Ormai le discussioni e le opinioni sul sistema di votazione dei post (da qualche anno in funzione su questo portale) hanno raggiunto una quantità e un livello tale, che meriterebbero una sezione tutta per loro. Ma vivaddio non succederà!

Solo pochi, seri ed integerrimi utenti si sono fino ad ora astenuti dal dire la loro a riguardo, ma a dispetto di costoro, in molti abbiamo contribuito a gonfiare le pa..e all'admin del forum con le più variegate contestazioni riguardo al merito e al metodo di attribuzione dei "voti" da parte della comunità.

[...]

pubblicato 6 anni fa, 2.773 visualizzazioni

Praticamente ogni quadro o pulpito di automazione è dotato di dispositivi di segnalazione e comando inerenti il processo che coinvolge i macchinari e/o parti di questi. Esistono diversi standard costruttivi nonché versioni "custom", senza entrare nel merito dei sinottici che sono ancora una famiglia un po' diversa. In questa occasione parliamo delle classiche unita D. 22 mm.

Questi dispositivi sono sostanzialmente composti di tre parti fondamentali:

1. L'operatore o testata, che può essere un pulsante, un selettore a diverse posizioni, un fungo d'emergenza, una spia luminosa, etc.

2. La ghiera di blocco, che serve a fissare il dispositivo su un pannello di un quadro, su una portella o su una scatola.

[...]

pubblicato 6 anni fa, 5.366 visualizzazioni

"Strada impervia ...se non impraticabile oltre un certo punto"''. Se volessimo porre il concetto espresso dal titolo di questo articolo sotto forma di metafora, di questo si tratterebbe. L'automazione industriale e` paragonabile ad un frullato multidisciplinare di componenti, teorie e tecniche che non coinvolgono esclusivamente la materia "elettrica" ovviamente. C' e` infatti la meccanica, soprattutto quella di precisione, la fluidodinamica, la pneumatica ed altro ancora. Esistono molti punti di approccio al tema dell'automazione industriale, in questo portale la maggior parte di questi, riguarda la progettazione e la realizzazione di sistemi di varia natura, piu` o meno complessi. [...]

pubblicato 7 anni fa, 2.749 visualizzazioni

Sul web italiano, di Hugo Stotz non si trovano molte informazioni. A qualcuno, il suo cognome ricorda sicuramente qualcosa, probabilmente per averlo visto serigrafato su ormai non piu` recentissimi interruttori magnetotermici. Di fatto questo signore e` l'inventore del magnetotermico compatto. Siamo nella Germania degi primi anni '20 e il signor Stotz fu il primo ad ideare e realizzare un dispositivo miniaturizzato che integrasse alla protezione magnetica anche quella termica. Ovviamente, i primi magnetotermici, non erano per nulla somiglianti a quelli che siamo abituati a vedere al giorno d'oggi.

Questo qui sotto e` uno dei primi MCB (Miniature Circuit Breaker) realizzato per potere essere facilmente inserito nelle basi porta fusibili dell'epoca.

[...]

pubblicato 7 anni fa, 24.682 visualizzazioni

A distanza di qualche anno ho voluto revisionare un vecchio articolo che descriveva sinteticamente le modalità di posa delle condutture elettriche negli edifici residenziali.

Si tratta di una guida illustrata più che altro, perché come detto, le foto più significative relative a tipi di posa in contesti particolari, e quindi più interessanti, sono purtroppo andate perse (es: posa in intercapedini di sistemi di isolamento a cappotto, etc.)

Tralasciando il sistema di tubi rigidi a vista e canalizzazioni di vario tipo, poco amate dalla clientela "residenziale", mi soffermerò soprattutto sulle modalità di posa più comuni, che non sono necessariamente l'una alternativa all'altra ma che possono coesistere nella realizzazione dello scheletro di un impianto elettrico. La modalità di posa in opera dei sistemi di tubazioni di collegamento tra le varie cassette e scatole di derivazione dell'impianto, dipendono fortemente dal tipo di lavoro strutturale di cui l'unità immobiliare sarà oggetto, e sostanzialmente si dividono in tre categorie:

[...]

pubblicato 7 anni fa, 39.623 visualizzazioni

L' idea di scrivere un articolo a riguardo, mi e` venuta oggi, leggendo questa discussione.

Quella relativa al distacco dell'interruttore del contatore di energia e` una domanda che si presenta sul forum con una certa frequenza. Possiamo dire che suddetta frequenza e` direttamente proporzionale alla sostituzione dei vecchi contatori elettromeccanici ormai dismessi, con i più recenti elettronici a display lcd.

Tralasciando di trattare il sistema di misura della potenza attiva (e di riflesso dell' energia) tra i due diversi apparecchi, il punto saliente e` dato dalla "logica" di distacco (sgancio) dell' attuatore, ovvero dell' interruttore/sezionatore.

Nei vecchi contatori elettromeccanici, la regolazione dello sganciatore era di tipo termico/amperometrico, avveniva cioè sull' immagine termica di una data corrente (effetto Joule). In soldoni, il limitatore del contatore elettromeccanico, altro non era che un interruttore magneto termico.

[...]

pubblicato 7 anni fa, 1.180 visualizzazioni

E` una delle cause principali che determinano, nella peggiore delle ipotesi, il collasso dell'isolamento superficiale tra due o piu` conduttori, con le conseguenze che potete bene immaginare.

Quando si parla di isolamento strutturale, si considerano i tre aspetti fondamentali cui esso e` composto:

Isolamento solido Isolamento superficiale Isolamento in aria

Riguardo all'apetto "solido", e` evidente che l'efficienza dell'elemento e` consequenziale alla robustezza e alle caratteristiche di resistenza meccanica, nonche` al grado di invecchiamento e al deterioramento delle caratteristiche dell'elemento stesso.

L'isolamento "in aria" e` rappresentato dalla minima distanza in aria tra le parti in tensione (a diverso potenziale).

[...]

pubblicato 7 anni fa, 495 visualizzazioni

Non ho dei ricordi precisi e non li ho nemmeno a carattere vago per dire il vero, quello che è certo è che come tutti gli anni, quello era periodo di festa e di regali. Così in quei giorni arrivò anche quello della ditta dove lavorava mio padre, forse sarebbe meglio dire che andammo insieme a ritirarlo, come usanza voleva, ma come detto... non mi ricordo.

Per farla breve, sul mio comodino, accanto alla lampada rossa, adesso trovava posto una piccola pila di libri di un certo Peter Spier. Poco meno di una decina di libri in tutto, dalla copertina rigida e con meravigliose illustrazioni all'interno.

Chi ha avuto modo di sfogliare i libri di Peter Spier, forse capirà il motivo del mio attaccamento a quei libri, che senza troppi giri di parole mi verrebbe da chiamare... capolavori!.

[...]

pubblicato 7 anni fa, 9.848 visualizzazioni

La muffola, può essere intesa come il ripristino dell'isolamento originario di uno o più cavi collegati tra loro in determinate condizioni di posa e funzionalmente alla tensione di esercizio e di isolamento degli stessi.

La definizione, data in questo modo così generico, non dice granché. E' sufficiente però, pensare ad un qualsiasi cavo interrato, magari quello per l'illuminazione di un giardino o di un parco, per capire che lungo la tratta di alimentazione dei vari corpi illuminanti, è probabile si prospetti la necessità di eseguire diverse derivazioni come pure delle semplici giunzioni.

Di sistemi atti al ripristino dell'isolamento del cavo e delle connessioni, ne esistono molteplici, in questo articolo, mi limiterò ad illustrare come eseguire una giunzione B.T. (Bassa Tensione), con la tecnologia della resina colata bicomponente a base poliuretanica.

[...]

pubblicato 7 anni fa, 799 visualizzazioni

Letteralmente si tratta della capacità di affrontare e risolvere i problemi che si pongono in un processo, nel mio caso industriale. Trattandosi di lavorazione e produzione a ciclo continuo, il Problem solving è un'attività che va affrontata nel momento in cui il problema ha inizio, o meglio, nel momento in cui viene rilevato.

Un problema, può riguardare un qualsiasi processo o sotto processo dell'attività di fabbricazione. Ovviamente, non tutti i problemi hanno lo stesso indice di priorità. Ci sono dei problemi (che d'ora in poi, chiamerò anche "guasti") che mettono in crisi la produzione, qualitativamente e quantitativamente, che rischiano il fermo linea del cliente. Da diversi anni, in molti settori non si lavora più a magazzino, ma con programmazione mensile, settimanale, giornaliera.

[...]

Chi sono

attilio - profilo

Nome: Attilio Fiocco

Reputation: 59.779 8 12 13

I miei ultimi post dal forum

Vai al Forum


Cerca nel blog di attilio