Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

6
voti

Sogni infranti

Scusate l' O.T., ma talvolta non è facile non trattare certi argomenti, perché non si può non pensare a quanti desideri, quanti sogni, quanti programmi vengono infranti.


Tante volte ci si chiede perché la vita non ci sorride, o perché sia così difficile o complessa da portare avanti.


Tante volte sogniamo un futuro migliore e programmi e progetti si susseguono nelle nostre menti.


Anche loro avevano sogni e progetti, speranze e prospettive.

Ma l’estrema nostra fragilità ancora una volta ci ricorda che siamo qua per vivere le nostre vite per come ci vengono date e con la maggiore dignità e soddisfazione possibile, perché è questo ciò che ci è stato dato, concesso in comodato d’uso gratuito: la nostra vita.


Perché la nostra stessa fragilità, "come un ladro nella notte, ci ghermisce", e in un rapido sussulto ci porta via tutti i sogni e tutte le speranze, lasciando solo lacrime che scorrono lente sulle nostre guance e la speranza, con tutte le nostre forze, che non ve ne siano altre ancora da scorrere.


La terra ha tremato, oggi, abbiamo tutti qualcosa di meno.

7

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

Sono passati 10 anni e sono ancora quì! Che dire, mi reputo "estremamente" fortunato. Ho vissuto in prima persona anche il terremoto di Amatrice del 2016...

Rispondi

di ,

Sono passati 10 anni e sono ancora quì! Che dire, mi reputo "estremamente" fortunato. Ho vissuto in prima persona anche il terremoto di Amatrice del 2016...

Rispondi

di ,

Anche chi Avrebbe Dovuto Sorvegliare, pur avendo Informazioni storiche e aggiornate non è stato in Grado di Valutare, pur essendo a conoscenza dell'entità sismica della zona, come chi Avrebbe dovuto controllare/verificare la realizzazione delle strutture recenti, non è stato in grado; come al solito la colpa è dell'Uomo e non della Natura, tant'è che in controtendenza si pensa addirittura di costruire Centrali Nucleari in un paese come il Nostro ad Alto Rischio Sismico , e ancora una Volta la Natura centra poco in queste scelte.

Rispondi

di ,

Impedire che la natura funzioni com’è nelle sue leggi fisiche non possiamo. E di fronte alle sue imperscrutabili “decisioni” non si può che restare in silenzio a riflettere sul senso che può avere la nostra esistenza, come ha fatto Davide.
Però si può cercare di fare in modo che le sue "decisioni" siano meno drammatiche per noi.
Se piove e vogliamo bagnarci poco, c’è l’ombrello; per difenderci, almeno in parte, dai fulmini ci sono regole e norme da seguire; per difenderci dai terremoti non si può far altro che costruire meglio.
La pretesa di controllare a nostro piacere la natura non possiamo averla. Ma non si può ignorarne potenza e leggi e risparmiare o peggio speculare su una costruzione nuova in zona sismica.

Rispondi

di ,

Di fronte a questi Eventi Naturali, purtroppo Catastrofici per l'Uomo, si delinea la Nostra Fragilità e Impotenza, e Rabbia molta Rabbia per le Vite Umane Perse per il Sapere che Conosciamo di questi Fenomeni e per quel Poco che si fa in Ricerca non ci si Vuole Credere di piu' si Preferisce inVestire in "altro",se non che Rincuora la Grande Partecipazione delle Strutture di Soccorso Civili e Militari che Valgono di Piu' di Ogni Parola Spesa.

Rispondi

di ,

Si lo so: le parole non tolgono il dolore, non ricostruiscono le case, non eliminano le colpe.
Ma quando una catastrofe ci ricorda cosa siamo, abbiamo solo quelle.
Si dovrebbe almeno imparare molto, ma facilmente si dimentica.
Ora la solidarietà è una parola gigantesca, ma non tarderà a tornare minuscola, schiacciata dall’avidità che sa gonfiare il costo di costruzioni pur privandole della resistenza ai terremoti. Di sicuro potrebbe essere almeno ridotto il numero dei sogni che la natura, che ci ignora, può comunque spezzare.

Rispondi

di ,

Incredulo ed addolorato per questa spaventosa tragedia esprimo il mio più sentito cordoglio ed un affettuoso abbraccio ai genitori di quei poveri bimbi scomparsi, confidando che la fede li aiuti a superare con estremo coraggio questa dura prova. Un sentito pensiero a tutti coloro che sono rimasti feriti e a coloro che non hanno + niente. A tutti gli operatori della P.Civile e ai volontari un anticipato ringraziamento per quello che stanno facendo. Gian_Alfa91

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.