Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

domanda su elettrizzazione (banale)

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utentecarloc, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[1] domanda su elettrizzazione (banale)

Messaggioda Foto Utentegermino3 » 17 mag 2018, 1:42

Ciao ragazzi, ho cominciato a studiare un po' di fisica e già dall'inizi non mi è chiara una cosa...
Io so che grazie all'effetto triboelettrico, strofinando tra loro due materiali diversi, secondo la serie triboelettrica, un materiale acquisirà elettroni, caricandosi negativamente, mentre l'altro li perderà caricandosi positivamente.
Per esempio, se strofino l'ambra con un panno di lana, il primo si caricherà negativamente, mentre la lana lasciando gli elettroni all'ambra, si caricherà a sua volta positivamente e fino a qui tutto chiaro.
Ora non mi sono chiaro due cose:

- Non poggiando l'ambra su nessun conduttore e non facendola scaricare a terra per quale motivo essa perderà lo stesso la sua carica negativa dopo poco tempo, ri diventando neutro?

- Non poggiando il panno di lana ugualmente su nessun conduttore, perché essa riacquisirà degli elettroni e ridiventerà nuovamente neutra?

Magari sto dicendo boiate, vi prego di rispondermi e di correggermi, grazie :)
Avatar utente
Foto Utentegermino3
10 2
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 16 mag 2018, 14:45

1
voti

[2] Re: domanda su elettrizzazioe (banale)

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 17 mag 2018, 8:15

Bella domanda,,,
Provo a ipotizzare: dici isolato, ma non è nel vuoto, è immerso nell' aria, la quale è di solito continuamente in movimento.
Il vuoto poi non esiste..è percorso da luce radiazioni,,elettromagnetiche anche ionizzanti..
In quanto tempo si scarica, secondi, minuti, giorni ?
Se metti il materiale carico in un vaso di vetro, si scarica più lentamente rispetto all'aria, hai realizzato una bottiglia di Leyda, quel che ora si chiama condensatore.

Dimenticavo: BENVENUTO SUL FORUM :-)

O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
5.187 2 6 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1769
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

2
voti

[3] Re: domanda su elettrizzazioe (banale)

Messaggioda Foto Utentevenexian » 17 mag 2018, 9:14

L'aria è veicolo di particelle cariche. Non solo ioni, ma anche corpi macroscopici come granelli di polvere a loro volta carichi sia positivamente, sia negativamente.

Dato che le cariche opposte si attraggono, un corpo carico lasciato esposto all'aria attrae proprio le particelle mobili con carica opposta che, arrivando a contatto con la superficie, neutralizzeranno loro stesse e parte della carica del corpo di dimensioni maggiori.

Dopo un certo tempo, gli oggetti avranno perso la quasi totalità della propria carica, apparendo come neutri.
Immagine
Avatar utente
Foto Utentevenexian
4.973 1 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1655
Iscritto il: 13 mag 2017, 10:07
Località: Venezia (ma va?)

0
voti

[4] Re: domanda su elettrizzazione (banale)

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 17 mag 2018, 12:47

La spiegazione di Foto Utentevenexian è migliore e più precisa della mia. :ok:

Ma, anche la mia risposta non è sbagliata, ora ricordo di uno scienziato tedesco che nei primi anni del '900, ha scoperto i raggi cosmici, rilevando che un elettroscopio si scaricave più rapidamente ad alta quota, a bordo di un pallone aerostatico, che al livello del suolo.
O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
5.187 2 6 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1769
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

2
voti

[5] Re: domanda su elettrizzazione (banale)

Messaggioda Foto Utentevenexian » 17 mag 2018, 14:32

Le radiazioni ionizzanti (1) sono una delle cause della generazione di coppie ioniche libere nell'aria. Queste si ricombinano annullandosi, oppure i singoli ioni sono attratti da da particelle microscopiche (2) alle quali trasferiscono la carica, o ancora da superfici cariche opposte, come indicato nel post precedente.

Le radiazioni ionizzanti sono solo uno dei processi con i quali si vengono a separare cariche elettriche nell'atmosfera, anche se il più comune è il semplice moto dell'aria sugli spigoli acuti di mezzi isolanti in condizioni di scarsa umidità.


(1) Da cui il loro nome.
(2) Per induzione elettrostatica.
Immagine
Avatar utente
Foto Utentevenexian
4.973 1 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1655
Iscritto il: 13 mag 2017, 10:07
Località: Venezia (ma va?)


Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Majestic-12 [Bot] e 17 ospiti