Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Dinamo(alternatore in realtà) bicicletta con batterie e led

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds

0
voti

[11] Re: Dinamo(alternatore in realtà) bicicletta con batterie e

Messaggioda Foto Utenteplatinumdj » 28 giu 2012, 10:28

solderman ha scritto:Se leggi bene l'introduzione dell'autore dell'articolo di N.E., (l'ideatore del circuito), dice che ha provato a mettere un raddrizzatore a ponte intero, ma con scarsi risultati per il suo scopo. Questo è presto spiegato: la lampadine delle bici hanno una tensione nominale di 6 volt, quindi la dinamo, durante una pedalata normale e magari un po' sostenuta, dovrebbe produrre una tensione attorno a questo valore. Mettendo un ponte intero si ha gìà una riduzione di tensione di circa 1,4 volt per semionda, qundi se si pedala per "produrre" 6 volt, in realtà si avranno 4,6 volt (questo idealmente). L'autore ha previsto di caricare 4 batterie da 1,2 volt, per un totale di 4,8 volt: raggiungere una tensione del genere sicuramente comporta pedelare molto, o meglio a velocità sostenuta, e le cadute del raddrrizzatore intero peggiora le cose... Se non erro il circuito in oggetto duplica la tensione proveniente dalla dinamo, quindi per esempio pedalando ad una velocità non sostenutissima vi sarà tensione a suffucienza per le batterie. Le batteri Ni-Cd o Ni-MH dovrebbero essere caricate a corrente costante (qualche decimo di C - gli Ampere/ora - , moltiplicato per una costante ma ora non ricordo bene...), ma questo circuito è un po' posticcio, di sicuro non garantisce una corrente molto costante, ma se lo vendono vuol dire che funziona. Se voui usare un LM317 configurato in corrente costante, ricorda che esso per funzionare correttamente deve avere una tensione in ingresso maggiore di 3 volt circa rispetto a quella di uscita (anche se configurato in corrente costante, la tensione in ingresso deve essere maggiore alla somma delle celle da caricare). Supponendo di levare una batteria, avremo 3,6 volt, ma in ingresso all'LM317 ci devono essere 6,6 volt e siamo al punto di partenza, senza contare il raddrizzatore... a meno di usare un LOW-drop out, ma mi sa che si è un po' risicati lo stesso. E poi c'è da considerare la potenza della resistenza di regolazione dell'LM317....


non vorrei sbagliarmi ma la dinamo produce tensioni a velocità sostenute maggiori di 6 volt, superando di poco anche la decina di volt, quindi in questo caso riuscirei nel mio intento ma solo con pedalata molto sostenuta (appena possibile verifico a bicicletta rovesciata e col tester connesso come varia la tensione in funzione del pedalare).
Però, mi vien da pensare una cosa, se invece di 3 batterie ne usassi una sola o due, in modo da avere sempre e comunque la differenza minima di potenziale di 3 volt per lm317 e dunque caricare la o le due batterie in modo totalmente sottocontrollo, e sfruttassi poi dopo le batterie un sistemino che mi aumenti la tensione che poi arriva ai led in modo da alimentarli alla giusta tensione nominale?
Sul web ho trovato questa "soluzione" che in caso potrei accorpare al circuito per renderlo perfettamente funzionante,ovvero:
alla dinamo collego il ponte di diodi per raddrizzare la tensione e sfruttare le due semionde raddrizzate, dopodichè collego il diodo zener con apposita resistenza e condensatore in parallelo, successivamente LM 317 (non so però come collegarlo),una batteria da 1,2 volt o due ricaricabile,un diodo che non permetta alla corrente della batteria di procedere a ritroso verso il generatore, e il sistemino di cui parlavo pocanzi,(a questo link,chiedo scusa se posto qualcosa di altri siti ma è per farvi capire ciò che ho trovato sul web http://primaelettronica.forumfree.it/?t=43349581) tramite il quale posso sfruttare una sola batteria, amplificandone la tensione e avere così i 3 volt per il corretto funzionamento del LM317, e avere comunque una tensione adeguata sui led (naturalmente devo modificare il numero di avvolgimenti poiché la batteria in uso nel video è da 1,5 volt mentre quelle ricaricabili sono da 1,2).
Credete possa andare così? se gentilmente potresti dirmi come realizzare nel circuito il collegamento del LM317 (ammesso che così possa andare) proverei a realizzare il tutto per un collaudo il prima possibile ;)
Sarebbe davvero bello avere luce a led sulla mia bici e soprattutto averla anche ad un semaforo o in strade non illuminate periferiche al paese ! :ok:

P.S. ci tengo a precisare che non confido molto nel titolo del link che ho postato, ovvero accendere un led con una batteria anche scarica, ma è Gagliarda l'idea da adottare per alimentare i led e caricare la batteria ;)
Ultima modifica di Foto Utenteplatinumdj il 28 giu 2012, 10:41, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Foto Utenteplatinumdj
0 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 116
Iscritto il: 25 mar 2009, 23:21

0
voti

[12] Re: Dinamo(alternatore in realtà) bicicletta con batterie e

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 28 giu 2012, 10:40

Vedo che insisti nel complicarti la vita. Auguri.
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
53,8k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16243
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[13] Re: Dinamo(alternatore in realtà) bicicletta con batterie e

Messaggioda Foto Utenteplatinumdj » 28 giu 2012, 10:51

g.schgor ha scritto:Vedo che insisti nel complicarti la vita. Auguri.

Probabilmente sarà così, probabilmente prendere delle batterie e collegare dei led con approrpiate resistenze sarebbe + facile, come sarebbe più semplice portare la macchina dal meccanico per evitare di smanettare per risolvere dei problemini e via dicendo ;) la mia non è vena polemica, anzi, so bene la sua preparazione e non mi permetterei mai di dubitare su un suo consiglio, ma purtroppo fa parte di me il cercare, seppur la strada più difficile, ma quella che comunque mi porti alla miglior soddisfazione e risultato. Poi so anche bene che le mie scarse nozioni di queste materia rendono per chi mi aiuta stressante il mio complicarmi la vita, ma naturalmente il vostro prezioso aiuto è un qualcosa che sta alla vostra volontà e capisco perfettamente se comunque il complicarmi la strada possa portarvi a non ritener giusto perder tempo per aiutarmi, lo capisco davvero ;)
Ringrazio comuqnue per l'aiuto e per chi continuerà ad aiutarmi in questa realizzazione.
GRAZIE! :ok:
Avatar utente
Foto Utenteplatinumdj
0 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 116
Iscritto il: 25 mar 2009, 23:21

0
voti

[14] Re: Dinamo(alternatore in realtà) bicicletta con batterie e

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 28 giu 2012, 11:46

Anche la mia non è polemica ma una semplice constatazione
di un approccio che ritengo inconcludente.
Non è che complicando la soluzione si ottengono sempre
risultati migliori: diminuire il numero di batterie significa
diminuire la possibilità di accumulo di energia ed abbassare
la tensione per poi doverla rialzare è una complicazione inutile
(ed uno spreco della già diminuita energia disponibile)
Comunque se ti diverti così, ne prendo atto.
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
53,8k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16243
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[15] Re: Dinamo(alternatore in realtà) bicicletta con batterie e

Messaggioda Foto Utenteplatinumdj » 2 lug 2012, 3:24

g.schgor ha scritto:Anche la mia non è polemica ma una semplice constatazione
di un approccio che ritengo inconcludente.
Non è che complicando la soluzione si ottengono sempre
risultati migliori: diminuire il numero di batterie significa
diminuire la possibilità di accumulo di energia ed abbassare
la tensione per poi doverla rialzare è una complicazione inutile
(ed uno spreco della già diminuita energia disponibile)
Comunque se ti diverti così, ne prendo atto.

Cercavo solamente di farvi esaminare una "soluzione" che credevo di aver trovato sul web, comunque a quanto pare abbandono quella via ;) se invece per risolvere del tutto il problema, realizzo un circuito che con un semplice diodo zener e ponte raddrizzatore mi garantisca tensione stabile per alimentare i soli led con opportune resistenze il tutto funziona in modo tale che se la tensione prodotta è superiore a quella che il diodo mi stabilizza si acendono i led e in caso contrario no giusto? almeno per avere sempre la stessa emissione luminosa (e in caso inferiore il tensione avere i led spenti e al massimo, per quando mi fermo, con un interruttore, alimento i led dalle batterie,+ semplice direi e funzionale, tanto,bastano un paio di mesi che non uso la bici e le ricaricabili inizio a deteriorararsi dunque non conviene anche per questo, in + perché non posso stabilizzare la corrente per ricaricarle) ;) servono comunque condensatori in parallelo al carico? O_/
P.S. scusa G.Schgor se sono sembrato scortese ma non era assolutamente mio intento ;) un saluto e grazie ancora!
Avatar utente
Foto Utenteplatinumdj
0 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 116
Iscritto il: 25 mar 2009, 23:21

0
voti

[16] Re: Dinamo(alternatore in realtà) bicicletta con batterie e

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 2 lug 2012, 7:26

I LED dovrebbero essere connessi alla batteria con un interruttore.
In tal modo la loro accensione è assicurata finché la batteria è carica.
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
53,8k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16243
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[17] Re: Dinamo(alternatore in realtà) bicicletta con batterie e

Messaggioda Foto Utenteplatinumdj » 2 lug 2012, 15:53

e come circuito basta semplicemente quello postato da lei inizialmente senza connettere le batterie ma direttamente i led?
Avatar utente
Foto Utenteplatinumdj
0 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 116
Iscritto il: 25 mar 2009, 23:21

1
voti

[18] Re: Dinamo(alternatore in realtà) bicicletta con batterie e

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 2 lug 2012, 16:04

No, il circuito prevede una batteria e i LED vanno
connessi a questa.
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
53,8k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16243
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[19] Re: Dinamo(alternatore in realtà) bicicletta con batterie e

Messaggioda Foto Utenteplatinumdj » 3 lug 2012, 3:12

..allora non credo di aver capito come debba essere realizzato, per accendere i led tramite la batteria basta con un interruttore e il gioco è fatto, per alimentarli dalla dinamo necessito di ponte, diodo zener con resistenza e condensatore, cosa c'è che è diverso perché non ho capito, grazie mille.
Avatar utente
Foto Utenteplatinumdj
0 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 116
Iscritto il: 25 mar 2009, 23:21

1
voti

[20] Re: Dinamo(alternatore in realtà) bicicletta con batterie e

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 3 lug 2012, 7:00

Per alimentare i soli LED, i valori dei componenti vanno cambiati
un base all'assorbimento di questi.
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
53,8k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16243
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

PrecedenteProssimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 32 ospiti