Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Problemi di base coi transistor : un esempio

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente

1
voti

[11] Re: Problemi di base coi transistor : un esempio

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 26 ott 2018, 7:24

Era così.

Adesso ho visto anche volumi unici di programmazione e controlli automatici (se non ricordo male)
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
9.737 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2903
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

1
voti

[12] Re: Problemi di base coi transistor : un esempio

Messaggioda Foto Utentearkeo2001 » 26 ott 2018, 8:28

Io ho preso in cartaceo le edizioni recenti dell'Impallomeni, ma il confronto con i precedenti PDF è al limite dell'impietoso. Ovviamente non è colpa degli autori (che sono gli stessi quindi non si può certo dire che non sappiano il fatto loro) ma del degrado dell'istruzione nel paese e il conseguente riflesso sui programmi ministeriali.

Il discorso si potrebbe ampliare e mostrerebbe uno scenario anche peggiore. L'unico, sottolineo l'unico libro che mi ha permesso di capire come funziona un transistor l'ha scritto un americano nei primi anni '70 e quando non capisco una cosa quasi sempre riesco a capirla con i libri americani di quel periodo. Anche se il motivo non è nobile (gli USA intrapresero un enorme programma educativo anche per avere un vivaio di cervelli da opporre all'URSS) il fine è stato raggiunto: chiarezza come se piovesse, figure fantastiche e una gran voglia di spiegarsi che supera tranquillamente i limiti di un testo scritto. Ma anche le riviste italiane degli anni '50 e '60 sono sulla stessa linea. Esistevano tante persone che volevano ampliare i propri orizzonti e l'educazione era un valore. Questo produsse la pressione selettiva sul materiale didattico, e questo oggi purtroppo non c'è quasi più: l'istruzione deve preparare il futuro "schiavo", l'offerta è superiore alla domanda quindi lo studente si arrangi.
Avatar utente
Foto Utentearkeo2001
455 3 7
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 309
Iscritto il: 1 ago 2012, 9:12

0
voti

[13] Re: Problemi di base coi transistor : un esempio

Messaggioda Foto UtenteChiara96 » 26 ott 2018, 9:18

EdmondDantes ha scritto:Riesci ad allegare l'immagine senza usare siti esterni?

Quando rispondi, vai nella scheda invia allegato, in basso. Fai sfoglia, scegli il file e poi premi aggiungi file. Poi ti spiego come scrivere le formule.


Ciao,
in allegato invio l'immagine del circuito.

Mi son dimenticata di inviarlo ieri anche per il fatto che questo stesso forum permette di inserire immagini tramite link a siti esterni e dunque, proprio per tale motivo, non avrei immaginato che il link potesse costituire un problema.

Ciao, grazie
Chiara
Allegati
npn CE.jpg
npn CE.jpg (16.78 KiB) Osservato 623 volte
Avatar utente
Foto UtenteChiara96
0 2
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 24 ott 2018, 11:35

1
voti

[14] Re: Problemi di base coi transistor : un esempio

Messaggioda Foto UtenteIlGuru » 26 ott 2018, 10:03

Quanto dici è corretto, ma anche la Vcc deve essere maggiore di Vbb più la caduta di tensione su Rc altrimenti la giunzione cb viene polarizzata direttamente.

Non vedo altre domande, per quanto riguarda l'iserimento dei pedici, su questo forum si fa in con latex:
V_{cc}, R_b, V_{bb}, V_{cc} > V_{bb} + R_c I_c ecc...
\Gamma\nu\tilde{\omega}\theta\i\ \sigma\epsilon\alpha\upsilon\tau\acute{o}\nu
Avatar utente
Foto UtenteIlGuru
4.134 1 10 13
Master
Master
 
Messaggi: 1372
Iscritto il: 31 lug 2015, 23:32

0
voti

[15] Re: Problemi di base coi transistor : un esempio

Messaggioda Foto Utentearkeo2001 » 26 ott 2018, 10:10

Fantastico, il problema della polarizzazione diretta a séguito delle FEM dei generatori è un ottimo modo per mettere un mattoncino nel piccolo edificio della mia comprensione del transistor, al momento solo agli inizi.
Avatar utente
Foto Utentearkeo2001
455 3 7
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 309
Iscritto il: 1 ago 2012, 9:12

0
voti

[16] Re: Problemi di base coi transistor : un esempio

Messaggioda Foto Utentevenexian » 26 ott 2018, 10:15

EdmondDantes ha scritto:Era così.
Adesso ho visto anche volumi unici di programmazione e controlli automatici

Ho giusto preso il caffè con il 'donatore' dei libri, sperando non si ricordasse che me li aveva 'prestati'... :mrgreen:

Mi ha confermato che elettrotecnica era divisa addirittura in due insegnamenti: elettrotecnica e macchine elettriche, poi c'era elettronica 1, elettronica 2 e tecnologia (l'equivalente di dispositivi elettronici a ingegneria). Controlli automatici era un insegnamento a parte chiamato 'elettronica industriale' suddiviso in teoria (appunto controlli), e pratica (sensori, attuatori e impianti).

Alla faccia del programma! Praticamente sovrapponibile (*) a quello del triennio di ingegneria.

Però, un dramma: non avevano ancora Arduino...


(*) Non con lo stesso approfondimento, questo è ovvio.
Immagine
Avatar utente
Foto Utentevenexian
6.249 3 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 2188
Iscritto il: 13 mag 2017, 10:07
Località: Venezia (ma va?)

2
voti

[17] Re: Problemi di base coi transistor : un esempio

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 26 ott 2018, 11:52

Ancora pochi anni e arriveremo ad avere un sussidiario elettrico, meccanico, chimico...
Che tristezza.

P.S.
e poi leggo di iscritti che desiderano sapere se lo studio della chimica è fondamentale per affrontare quell'altra materia e così via.
È solo colpa dei programmi? Non credo.

Foto UtenteChiara96 hai ricevuto un paio di risposte. Se hai ancora dei dubbi dovresti intervenire in tal senso.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
9.737 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2903
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

0
voti

[18] Re: Problemi di base coi transistor : un esempio

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 26 ott 2018, 13:25

Non sarei così pessimista. Le materie di studio si evolvono.
Una volta non c'erano i calcolatori, quindi niente informatica, protocolli di comunicazione, configurazione dei sistemi operativi, conversioni analogico -digitali e viceversa.
Integrando ci si sposta dai componenti ai sistemi, ci si allontana dalla fisica e dalla elettronica a basso livello, certo che una conoscenza di base è sempre utile/indispensabile.
Negli anni 920-30 c'erano ancora piccole ditte che costruivano in laboratorio i tubi elettronici, a partire dal filamento di tungsteno, inserendo gli elettrodi e soffiando il vetro. Ora è storia.

Per Foto UtenteChiara96 :
il primo obiettivo è studiare per superare l'esame.
Però conoscere un rudimento di elettronica pratica non guasterebbe:
- almeno acquistare un multimetro e imparare ad adoperarlo.
- leggere qualche rivista per hobbisti, per esempio RadioKit elettronica, ci sono vari livelli di articoli, si trova sempre qualcosa per principianti.

Agli aspiranti all'assunzione, alle volte si chiedeva di progettare un circuito di pilotaggio di una lampadina
a partire da un segnale 0-5V.
O di spiegare come funziona il boiler elettrico domestico (tenbsinoi ,potenze, ecc.)
Si capisce subito se hanno pratica dell'elettronica.
Poi ci sono anche persone valide in matematica/teoria che si dichiarano non interessate all'elettronica spicciola..
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.329 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2540
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[19] Re: Problemi di base coi transistor : un esempio

Messaggioda Foto Utentevenexian » 26 ott 2018, 14:46

MarcoD ha scritto:il primo obiettivo è studiare per superare l'esame.

:(
Immagine
Avatar utente
Foto Utentevenexian
6.249 3 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 2188
Iscritto il: 13 mag 2017, 10:07
Località: Venezia (ma va?)

0
voti

[20] Re: Problemi di base coi transistor : un esempio

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 26 ott 2018, 16:54

Boh, io sono più spartano...

Chiara96 ha scritto:V(AB) = Tensione tra i punti A e B

Vedo nello schema elettrico il punto B, ma non il punto A.
Chiara96 ha scritto:V(RX) = Tensione ai capi della resistenza RX

Non vedo la resistenza RX
Chiara96 ha scritto:i(K) = corrente entrante nel polo K ovvero nella resistenza K

Non vedo il "polo" K, né la resistenza K.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
77,1k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 9408
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

PrecedenteProssimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 53 ospiti