Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Chimica orbitali leganti metallo

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ

0
voti

[21] Re: Chimica orbitali leganti metallo

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 18 dic 2018, 11:49

Possiamo sapere cosa stai studiando? Chimica?

All'inizio ho pensato che stessi leggendo uno dei capitoli introduttivi di elettronica, ma poi inizi a fare domande sulla molecola del benzene...

Gli orbitali sono riempiti al più da due elettroni di spin opposti.
Se l'orbitale è di tipo legante abbiamo una probabilità maggiore di trovare elettroni nel legame fra due nuclei. Questo non significa che sia zero all'esterno... discorso duale nel legame antilegante.

Ti consiglio di rivedere la delocalizzazione degli elettroni (per inciso, questo concetto è importantissimo per capire il comportamento e le proprietà del benzene).
I tuoi non sono dubbi: ti mancano alcuni concetti.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
9.682 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2885
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

0
voti

[22] Re: Chimica orbitali leganti metallo

Messaggioda Foto Utentemarcopittu » 18 dic 2018, 12:25

Sto studiando sia chimica sia elettronica. Entrambi. In ogni caso se faccio tutte queste domande è perché ci tengo a capire a fondo. Da quando ho affrontato lo studio di questa teoria degli orbitali molecolari sono andato un po' in tilt :-o :lol: :lol: :lol:


il punto è che per esempio il modello a mare di elettroni nel metallo mi è chiaro e riesco a visualizzare gli elettroni liberi...quando invece consideriamo il metallo con gli orbitali molecolari e le bande non li visualizzo più :shock: vedo solo tutti questi livelli energetici (banda) vicini degli elettroni ma non vedo dove stanno loro ....teoricamente siccome ci sono gli orbitali molecolari leganti dovrebbe esserci una probabilità non nulla di trovarli tra i nuclei...però non vedo che si muovono... non li vedo. Faccio confusione con il modello a mare di elettroni...
Inoltre adesso non riesco a capire quale modello devo usare se quello del legame covalente o modello a bande nel caso del Silicio... se considero uno ci sono i legami covalenti con i 4 atomi vicino...con l'altro ho la nebbia.XD
Avatar utente
Foto Utentemarcopittu
0 3
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 15 dic 2018, 12:41

0
voti

[23] Re: Chimica orbitali leganti metallo

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 18 dic 2018, 13:26

che libro usi?
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
77,0k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 9361
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[24] Re: Chimica orbitali leganti metallo

Messaggioda Foto Utentemarcopittu » 18 dic 2018, 13:32

Non uno in particolare ...mi documento con vari libri e internet.
Avatar utente
Foto Utentemarcopittu
0 3
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 15 dic 2018, 12:41

0
voti

[25] Re: Chimica orbitali leganti metallo

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 18 dic 2018, 13:36

Ahh... adesso capisco perché hai tutta questa confusione in testa.

Leggi l'inglese?
Vorrei consigliarti un libro da seguire, se posso.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
77,0k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 9361
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[26] Re: Chimica orbitali leganti metallo

Messaggioda Foto Utentemarcopittu » 18 dic 2018, 13:42

si molto volentieri!!! :) grazie!
Avatar utente
Foto Utentemarcopittu
0 3
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 15 dic 2018, 12:41

2
voti

[27] Re: Chimica orbitali leganti metallo

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 18 dic 2018, 13:47

E' un evergreen, che è anche un must :D

Si tratta di "Solid State Physics" by Ashcroft and Mermin

Cerca tu la casa editrice, che non ricordo.
E' un abbecedario alla fisica dello stato solido che spiega solo le cose di base, tratta poche tematiche, ma spiegate veramente molto bene. E' da avere e da studiare bene.
Quando avrai studiato questo libro non avrai più alcun dubbio su queste cose.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
77,0k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 9361
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[28] Re: Chimica orbitali leganti metallo

Messaggioda Foto Utentemarcopittu » 18 dic 2018, 13:50

speriamo! Ti ringrazio molto :):) !!
Avatar utente
Foto Utentemarcopittu
0 3
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 15 dic 2018, 12:41

0
voti

[29] Re: Chimica orbitali leganti metallo

Messaggioda Foto Utentemarcopittu » 5 gen 2019, 16:11

Salve ragazzi! Ho provato a rivedere con calma quello che mi avete scritto. Certamente non è un argomento dei più facili. Comunque ritornando a quello che aveva scritto EdmondDantes nella prima risposta , in particolare questo punto :

1)Tutto cio' cosa comporta? Promuovendo un elettrone abbiamo due livelli energetici occupati da un solo elettrone nel livello superiore a quello di Fermi e una buca positiva sotto il livello di Fermi.
Questi elettroni "superiori" e queste buche "positive" sono responsabili della conducibilità nei metalli.


Questo concetto non mi è ben chiaro o meglio lo riesco a visualizzare nel caso del Silicio infatti per me lacuna o buca significa che un elettrone è saltato nella banda di conduzione lasciando appunto una buca cioè un posto nell'orbitale legante ovvero lasciando il legame covalente. Questo posto potrà essere poi occupato da un altro elettrone che salterà dentro nella buca e cosi via...in questo modo c'è movimento di lacune. Questo mi è chiaro nei semiconduttori in cui ho legami covalenti e la rottura di un legame corrisponde ad un elettrone libero e alla formazione di una lacuna. Ma considerando invece un metallo in cui non ho legami covalenti non riesco a capire il concetto di "lacuna " qui. Non ho legami covalenti quindi non ho elettroni che fuggono via dal legame e diventano liberi creando poi delle lacune. Quindi come mai anche nei metalli si parla di lacune questo non riesco a capire.
Grazie a tutti per la pazienza.
Avatar utente
Foto Utentemarcopittu
0 3
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 15 dic 2018, 12:41

0
voti

[30] Re: Chimica orbitali leganti metallo

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 5 gen 2019, 17:27

La risposta la trovi in 18 e 19.

Non usare la teoria corpuscolare per comprendere un fatto spiegato dalla teoria della meccanica ondulatoria.
Ti abbiamo piu' volte ripetuto che non ha piu' senso parlare di posizione degli elettroni. Devi parlare di probabilità.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
9.682 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2885
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

PrecedenteProssimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 41 ospiti