Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Azionamento motore cc

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[11] Re: Azionamento motore cc

Messaggioda Foto UtenteSte994 » 2 set 2019, 16:33

Stavo pensando ad una protezione di tipo termica con termistore ptc/ntc per creare una sorta di fusibile autoripristinante cosicché l’aumento di corrente dovuto al blocco meccanico del motore faccia tagliare l’alimentazione, ma mi viene il dubbio sulla velocita di raffreddamento del transistor stesso. (In stile avvitatore elettrico insomma). E per quanto riguarda la temporizzazione dell’ impulso usare un condensatore come serbatoio da caricare e scaricare in modo da dare sempre lo stesso impulsò di tempo controllato dalla capacità del condessntore.
Potrebbe essere una soluzione secondo voi? Nel caso come dovrei fare queste modifiche?
Avatar utente
Foto UtenteSte994
0 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 25 ago 2019, 13:29

0
voti

[12] Re: Azionamento motore cc

Messaggioda Foto Utentebrabus » 2 set 2019, 16:52

La soluzione a PTC o a condensatore introduce tolleranze enormi, io mi fiderei di più di un relè temporizzato. Puoi cavartela con un relè a due scambi e un solo relè temporizzato.
Alberto.
Avatar utente
Foto Utentebrabus
18,6k 3 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2606
Iscritto il: 26 gen 2009, 15:16

0
voti

[13] Re: Azionamento motore cc

Messaggioda Foto UtenteSte994 » 2 set 2019, 16:55

brabus ha scritto:La soluzione a PTC o a condensatore introduce tolleranze enormi, io mi fiderei di più di un relè temporizzato. Puoi cavartela con un relè a due scambi e un solo relè temporizzato.


È difficile trovare relè temporizzatori che arrivino a questo livello di definizione, parliamo di impulsi da 0.1-0.2 secondi circa
Avatar utente
Foto UtenteSte994
0 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 25 ago 2019, 13:29

0
voti

[14] Re: Azionamento motore cc

Messaggioda Foto Utentebrabus » 2 set 2019, 17:03

Lo scopo del temporizzatore non è la regolazione dell'intervallo di lavoro del motore, ma la limitazione del tempo massimo di applicazione della corrente.

Se devi generare un impulso ogni 4 secondi, puoi regolare la durata massima del temporizzatore a 1 secondo e consentire al motore di raffreddarsi per 3 secondi, non so se mi spiego.
Alberto.
Avatar utente
Foto Utentebrabus
18,6k 3 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2606
Iscritto il: 26 gen 2009, 15:16

0
voti

[15] Re: Azionamento motore cc

Messaggioda Foto Utentebrabus » 2 set 2019, 17:11

Leggendo meglio vedo che il motore può muoversi anche 4 volte al secondo; non è un problema, il relè temporizzato salva comunque la situazione impedendo l'applicazione di una corrente elevata per tempi prolungati. Un relè retriggerabile da 500ms potrebbe fare al caso tuo: se avvengono più azionamenti in successione, lui tiene il motore alimentato; allo scadere dei 500ms stacca tutto.

Senti invece questa soluzione: una lampadina al tungsteno, di potenza adeguatamente calibrata, in serie al motore. A filamento freddo si comporta come un cortocircuito: hai piena coppia e il motore non si accorge della sua presenza.
Appena il rotore viene bloccato meccanicamente, la corrente nella lampadina ne provoca il rapido aumento di resistenza, che limita la corrente nel motore.

La lampadina funziona come un PTC, ma a differenza di quest'ultimo essa può sopportare un'infinità di cicli di riscaldamento/raffreddamento senza rovinarsi.
Anche con lampadina calda, ti resta coppia a sufficienza da poter muovere il motore senza problemi.

Altermativa ulteriore: banalissimo convertitore DC/DC fra batteria e relè, con limitazione della Corrente. Superati i 5A (ad esempio), inizia a ridurre la tensione per non bruciare il motore.

Quanto consuma il motore in condizioni di carico normali (ossia a rotore non bloccato)?
Alberto.
Avatar utente
Foto Utentebrabus
18,6k 3 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2606
Iscritto il: 26 gen 2009, 15:16

0
voti

[16] Re: Azionamento motore cc

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 3 set 2019, 9:16

Preciso: i relè sono comuni relè 30A 12v a 5 pin come quelli che si possono trovare nelle moto/auto.

Se dalla tabellina dei dati dei motori, per il motore a 12 V risulta una corrente di stallo di 84 A (se leggo bene),
i contatti da 30 A sono poco adeguati.

12 V x 84 A = circa 1000 W : quando bloccato, scalderà come una stufetta elettrica !!!!
Condivido Foto Utentebrabus, metterei una lampadina da 50 -60 W 12 V in serie al motore.
Farei la prova con due lampade per auto " indicatrici di frenata" 20 W 12 V in parallelo,
Magari, per le prove, saldandole con dei cavetti fra loro, senza usare portalampade.
Se la velocità del motore è insufficiente, aggiungerne una terza in parallelo.

Ho cercato di esaminare lo schema dei relè, ma faccio troppa difficoltà per le linee sottili e i percorsi
tortuosi, servirebbe uno schema di principio disegnato in fidocadj; swervirebbe verificare se possono crearsi inconvenienti se i relè non commutano contemporaneamente e se si azionano contemporaneamente i due pulsanti.
Ho letto di 4 azionamenti al secondo ? azionando i pulsanti a mano? Confermate?

O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.332 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2531
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[17] Re: Azionamento motore cc

Messaggioda Foto UtenteSte994 » 4 set 2019, 10:07

MarcoD ha scritto:Condivido Foto Utentebrabus, metterei una lampadina da 50 -60 W 12 V in serie al motore.
Farei la prova con due lampade per auto " indicatrici di frenata" 20 W 12 V in parallelo,


Mi potreste spiegare meglio la storia delle lampadine in serie/parallelo sul circuito?
Confermo che si può arrivare fino a 4 azionamenti al secondo eseguiti manualmente da un operatore(con la scarsa precisione che lo stesso può avere in termini di durata dell’impulso)
La pressione di entrambi i pulsanti è solo una casistica dovuta ad un errore che però può presentarsi. In tale senso ieri ho aggiunto un fusibile di protezione sul circuito che mancava, e lo stesso ora salta se il pulsante viene premuto troppo a lungo(più del minimo necessario)
Ultima modifica di Foto Utenteadmin il 4 set 2019, 12:33, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: eliminata quotatura totale. Citare solo la parte che serve
Avatar utente
Foto UtenteSte994
0 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 25 ago 2019, 13:29

0
voti

[18] Re: Azionamento motore cc

Messaggioda Foto UtenteSte994 » 4 set 2019, 10:09

Il fusibile è da 20A rimane integro se la durata degli impulsi è corretta se il pulsante viene premuto più di X tempo si brucia a protezione dell’impianto
Avatar utente
Foto UtenteSte994
0 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 25 ago 2019, 13:29

1
voti

[19] Re: Azionamento motore cc

Messaggioda Foto Utentebrabus » 4 set 2019, 10:27

Ste994 ha scritto:Mi potreste spiegare meglio la storia delle lampadine in serie/parallelo sul circuito?
(...)


Il filamento di una lampadina fredda offre una resistenza elettrica molto minore rispetto a quando si scalda. In condizioni di funzionamento normale rimane sempre piuttosto freddo, mentre in caso di cortocircuito o sovraccarico provvede a limitare la corrente a un valore massimo. Qui servono prove empiriche, è difficile dire a priori quale lampadina andrà bene.

Dalle mie esperienze in merito, una lampadina automobilistica per abbaglianti ha una curva piuttosto ripida e impiega circa mezzo secondo a scaldarsi.

Costa poco e potrebbe risolvere la situazione.
Alberto.
Avatar utente
Foto Utentebrabus
18,6k 3 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2606
Iscritto il: 26 gen 2009, 15:16

Precedente

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Feedfetcher e 31 ospiti