Pagina 3 di 4

Re: Generatore stabilizzato di tensione negativa variabile

MessaggioInviato: 12 ott 2019, 19:31
da lelerelele
Damn87 ha scritto:In effetti mi era balenata l'idea di usare una coppia darlington di due transistor PNP, ma anche li non sapevo poi come regolare la corrente di base per gestire la tensione in uscita. Se hai dei consigli imparo volentieri.
In questa applicazione devi comunque usare una configurazione ad inseguitore di emettitore, detta anche collettore comune, non dovrai dargli una corrente di base, bensì una tensione...tipo questo

https://electronics.stackexchange.com/questions/77680/alternative-to-emitter-follower-for-simple-bjt-voltage-regulator

cerca --bjt voltage stabilizer-- e ne trovi una marea.


saluti

Re: Generatore stabilizzato di tensione negativa variabile

MessaggioInviato: 12 ott 2019, 20:25
da edgar
L'intramontabile 723 può essere usato in configurazione floating per tensioni regolabili positive o negative anche oltre i 100 V. Dai un'occhiata al datasheet

Re: Generatore stabilizzato di tensione negativa variabile

MessaggioInviato: 16 ott 2019, 1:05
da Damn87
lelerelele ha scritto:In questa applicazione devi comunque usare una configurazione ad inseguitore di emettitore, detta anche collettore comune, non dovrai dargli una corrente di base, bensì una tensione...tipo questo

https://electronics.stackexchange.com/questions/77680/alternative-to-emitter-follower-for-simple-bjt-voltage-regulator

cerca --bjt voltage stabilizer-- e ne trovi una marea.




Ok, dici possa andare una cosa del genere?



Se funzionasse potrebbe essere un inizio, anche se non saprei come regolare la tensione di uscita.

edgar ha scritto:L'intramontabile 723 può essere usato in configurazione floating per tensioni regolabili positive o negative anche oltre i 100 V. Dai un'occhiata al datasheet


L'idea sarebbe interessante, ma vedo già troppi pin sull'integrato rispetto alle mie competenze... Mi servirebbe qualche spiegazione extra. Innanzi tutto cosa si intende con configurazione floating?

Damiano

Re: Generatore stabilizzato di tensione negativa variabile

MessaggioInviato: 16 ott 2019, 1:23
da claudiocedrone
Flottante, non riferito agli 0 V (ovviamente altirmenti "solita storia" si supera la tensione di isolamento del dispositivo che poverino tira le cuoia... ) ma è un componente che non conosco... infatti ti è stato detto di consultarne il datasheet poiché ci saranno note applicative al riguardo che mostrano come fare.

Re: Generatore stabilizzato di tensione negativa variabile

MessaggioInviato: 16 ott 2019, 7:28
da Kagliostro
Ma ...... Il 723 non è fuori produzione ???

K

Re: Generatore stabilizzato di tensione negativa variabile

MessaggioInviato: 16 ott 2019, 8:11
da edgar
Kagliostro ha scritto:Ma ...... Il 723 non è fuori produzione ???

Gode tuttora di ottima salute commerciale :D

Re: Generatore stabilizzato di tensione negativa variabile

MessaggioInviato: 16 ott 2019, 9:00
da edgar
Damn87 ha scritto:
edgar ha scritto:L'intramontabile 723 può essere usato in configurazione floating per tensioni regolabili positive o negative anche oltre i 100 V. Dai un'occhiata al datasheet


L'idea sarebbe interessante, ma vedo già troppi pin sull'integrato rispetto alle mie competenze... Mi servirebbe qualche spiegazione extra. Innanzi tutto cosa si intende con configurazione floating?

Ad integrazione di quanto già detto da Foto Utenteclaudiocedrone, la configurazione floating fa si che si possano stabilizzare tensioni anche maggiori di quelle normalmente consentite dai limiti del circuito in configurazione classica.
In pratica si limita la tensione di alimentazione del circuito stesso tramite uno zener (in questo caso da 24 V) come da datasheet ST.
Float 723.jpg

Il circuito integrato lavora quindi entro i suoi limiti di sicurezza, mentre il lavoro di regolazione della tensione di uscita, anche di centinaia di volt, viene svolto dal transistor esterno.
ST ci fornisce poi la formula per il calcolo della tensione di uscita:
Formula.jpg
Formula.jpg (34.11 KiB) Osservato 1594 volte

Dalla formula puoi dedurre che la tensione varia in funzione del rapporto tra R1 e R2. Usando un potenziometro è possibile rendere variabile il rapporto e di conseguenza la tensione di uscita.
Il 723 è un mulo che è sul mercato da 50 anni o giù di li, è una garanzia.

Re: Generatore stabilizzato di tensione negativa variabile

MessaggioInviato: 16 ott 2019, 9:49
da lelerelele
Damn87 ha scritto:Ok, dici possa andare una cosa del genere?



Se funzionasse potrebbe essere un inizio, anche se non saprei come regolare la tensione di uscita.
Direi che sarebbe un buon inizio. Certo che avrà i suoi limiti.

Per regolare la tensione le cose si complicano, guarda questo esempio.

http://www.circuitstoday.com/controlled-transistor-series-regulator

va bene per te, sempre con i dovuti limiti.

saluti.

Re: Generatore stabilizzato di tensione negativa variabile

MessaggioInviato: 17 ott 2019, 23:37
da Damn87
Grazie mille ragazzi, mi avete dato un sacco di spunti interessanti. Ho già ordinato un po' di componentistica, appena mi arriva inizio a fare qualche prova e vi aggiorno!
Damiano

Re: Generatore stabilizzato di tensione negativa variabile

MessaggioInviato: 12 nov 2019, 20:05
da Damn87
Ciao a tutti. Finalmente ho avuto un po' di tempo libero per potermi nuovamente dedicare a questo tema. Alla fine ho deciso di ispirarmi allo schema proposto da Foto Utentelelerelele nel post #28 e ho realizzato questo circuito di prova su breadboard:



Come già anticipato ho fatto ricorso a dei BJT 2N6520 che hanno un ottima versatilità. Il risultato (testato su carico resistivo da 10k) è stato piuttosto incoraggiante: tensione variabile tra -10V e -60V e ripple residuo (a forma di dente di sega) compreso rispettivamente tra i 5 mVpp e i 50 mVpp. Direi che questo schema assolve perfettamente allo scopo che mi ero prefissato, ovvero quello di funzionare come circuito di test dei vari punti di lavoro della maggior parte delle valvole.

Già che ci siamo vi chiedo comunque altri suggerimenti per incrementarne le performance, diciamo da un punto di vista esclusivamente didattico.

Damiano