Pagina 1 di 1

retroazione alimentatore digitale

MessaggioInviato: 21 mag 2020, 16:01
da dadduni
Salve a tutti,
l'idea era quella di realizzare un alimentatore digitale come progetto didattico per hobby. L'idea era di usare un DSP (un STM32 probabilmente), uscire in tensione con un DAC, amplificare questa uscita in tensione per ottenere i range desiderati e bufferarlo in corrente.
La domanda spinta dalla mia profonda ignoranza in controlli è questa: se uso una resistenza di Shunt che campiono con l'ADC per vedere quanta corrente scorre in uscita, che tipo di controllo devo far fare al DSP per impostare un limite di corrente? Basta un PID? Devo fare controlli più sofisticati per provare a fare una previsione e vedere se la corrente supererà quella limite?

Davide

Re: retroazione alimentatore digitale

MessaggioInviato: 21 mag 2020, 16:45
da IsidoroKZ
Forse anche un PI potrebbe bastare. Il problema è con che frequenza riesci a fare i campioninamenti e i conti per la regolazione. Si rischia che in caso di cortocircuito vada in fumo qualcosa e poi la limitazione intervenga.

Re: retroazione alimentatore digitale

MessaggioInviato: 21 mag 2020, 16:55
da dadduni
Altre domande da puro inesperto:
- In che tempistiche bisogna intervenire, indicativamente in un prodotto pseudo reale?
- Ha senso amplificare e bufferare un DAC, o ci si dirige necessariamente sullo switching?
- Nel calcolo di una rete di feedback devo compensare il polo dominante introdotto dal buffer+operazionali (so che si dovrebbe fare ma non so nemmeno bene cosa voglia dire)

Davide

Re: retroazione alimentatore digitale

MessaggioInviato: 21 mag 2020, 23:00
da elfo