Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Abilitazione elettricista

Aggiornamenti, orientamento, lavoro, attività professionali, riviste, libri, strumenti EY, Tips and tricks, consigli e pareri generici

Moderatori: Foto Utenteadmin, Foto UtenteSjuanez

0
voti

[1] Abilitazione elettricista

Messaggioda Foto Utentedemonio78 » 10 lug 2019, 17:36

Buonasera,

di domande simili il forum sarà pieno, ma il mio è un caso un po' particolare, vorrei chiedere un aiuto a chi può.

Ho un diploma da perito elettronico conseguito nel 97 e ho lavorato diversi anni in un ingrosso di materiale elettrico; ora vorrei iniziare il lavoro di elettricista, con l'appoggio di un amico.

Il problema è che lui ha una ditta individuale e non può assumermi come dipendente perché andrebbe fuori dai suoi parametri economici.

Vorrei cercare una soluzione alternativa, dove io sarei anche disponibile a prendere la partita IVA, ma non so quale sarebbe la formula giusta per "collaborare" con lui e poter avere successivamente l'abilitazione a poter "certificare" per conto mio.

Chiaramente stiamo cercando la soluzione più indolore per lui... non potendo essere un collaboratore familiare, quali altre prospettive mi si presentano? Fare una SAS con me accomandatario e lui accomandante? Posso risultare come collaboratore, con partita IVA? Io, aprendo partita IVA, avrei il grosso vantaggio di poter sfruttare i soldi della disoccupazione per investirli nell'attività.

Grazie in anticipo. O_/
Avatar utente
Foto Utentedemonio78
0 2
 
Messaggi: 1
Iscritto il: 10 lug 2019, 14:00

0
voti

[2] Re: Abilitazione elettricista

Messaggioda Foto Utentealbertagort » 10 lug 2019, 20:03

Puoi sempre creare tu un impresa in cui assumi un responsabile tecnico. Tu, come titolare, non sei tenuto ad avere la qualifica. Ma devi designare un responsabile tecnico.

In ogni caso, ecco quanto dice la camera di commercio. Allo stato attuale non vedo possibile per te apre una ditta senza appoggiarti a un responsabile tecnico...a meno che non ti laurei (per esempio in archietettura :D :D )

"Diploma di laurea in materia tecnica specifica conseguito presso una università statale o legalmente riconosciuta.
Diploma o Qualifica conseguita al termine di scuola secondaria del secondo ciclo, con specializzazione relativa al settore delle attività, presso un istituto statale o legalmente riconosciuto, seguiti da un periodo di inserimento di almeno due anni consecutivi, alle dirette dipendenze di una impresa del settore; il periodo di inserimento si riduce ad un anno per l'attività relativa agli impianti di cui alla lettera d).
Titolo o attestato conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale, previo un periodo di inserimento di almeno quattro anni consecutivi, alle dirette dipendenze di una impresa del settore; il periodo di inserimento si riduce a due anni per l'attività relativa agli impianti di cui alla lettera d).
Iscrizione Albo dei soggetti in possesso dei requisiti professionali di cui all'art. 109 del D.P.R. 06/06/2001, N. 380.
Esperienza lavorativa come di seguito specificata:
Prestazione lavorativa svolta alle dirette dipendenze di un'impresa abilitata nel ramo di attività cui si riferisce la prestazione dell'operaio installatore per un periodo non inferiore ai tre anni, anche non continuativi, in qualità di operaio specializzato nelle attività di installazione, trasformazione, ampliamento e manutenzione degli impianti. Sono da considerarsi operai specializzati coloro che sono inquadrati al 4°, 5° livello e superiori del settore industria, oppure al 4°, 3° livello e inferiori del settore artigianato. I periodi di inserimento lavorativo e le prestazioni lavorative sopra indicate possono svolgersi anche in forma di collaborazione tecnica continuativa nell'ambito dell'impresa da parte del titolare, dei soci, e dei collaboratori familiari. Si considerano, altresì, in possesso dei requisiti tecnico professionali il titolare, i soci ed i collaboratori familiari che hanno svolto attività di collaborazione tecnica continuativa nell'ambito di imprese abilitate del settore per un periodo non inferiore ai sei anni; tale periodo si riduce a quattro anni per l'attività relativa agli impianti di cui alla lettera d)
I soci e gli amministratori di società di capitali che partecipano effettivamente all'attività dell'impresa (dovranno dimostrare il possesso dell'esperienza lavorativa prevista indicando gli estremi di iscrizione all'INAIL relativamente all'attività di impiantistica)"
Avatar utente
Foto Utentealbertagort
372 4 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 209
Iscritto il: 30 set 2013, 18:34


Torna a Informazioni varie più o meno utili

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti