Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Il PIERIN PIC18 gratis per i microcontrollisti di EY.

Tipologie, strumenti di sviluppo, hardware e progetti

Moderatore: Foto UtentePaolino

7
voti

[471] Re: Il PIERIN PIC18 gratis per i microcontrollisti di EY.

Messaggioda Foto UtenteTardoFreak » 17 dic 2016, 2:18

Innanzi tutto ti faccio i complimenti per il lavoro e l'iniziativa. Avete fatto un lavoro encomiabile e che di sicuro avrà successo. Detto questo non posso non notare un particolare che mi lascia con una sorta di amaro in bocca:
Theremino ha scritto:... Possibilità di usarlo già programmato, per chi non ha il tempo o le capacità di scrivere il firmware.

Probabilmente sono un animale in via d'estinzione perché, da come lo vedo io, l'esperienza più emozionante è proprio il riuscire ad imparare a "parlare ai computer" e cioè scrivere i programmi che li fanno funzionare.
Quando ero bambino non esistevano i microcontrollori ed i personal computer, c'erano i "cervelli elettronici". In buona sostanza erano degli armadi enormi con bobine di nastri che funzionavano a scatti e si vedevano, di tanto in tanto, nei servizi dei telegiornali e nei film di fantascienza. Apparecchiature tanto affascinanti quanto misteriose, messe in funzione da tecnici occhialuti in camice bianco che si aggiravano fra questi armadi con fare pensieroso. Più che tecnici sembravano ai miei occhi creature quasi mitologiche dotate di conoscenze e capacità fuori dall'ordinario.
Da allora sono passati più di 40 anni ed il mio lavoro, ancora oggi, è quello di scrivere programmi. L'aspetto singolare di questa attività che sembra andare in disuso, è che c'è sempre qualcosa da imparare, c'è sempre un modo migliore per scrivere lo stesso programma.
Proprio ieri ho chiamato i miei figli ed ho fatto vedere loro cosa succede se si applicano le conoscenze ottenute studiando a fondo la matematica e le tecniche di programmazione. Tre anni fa ho scritto un modulo per una gestione particolare di una memoria esterna e che, a distanza di tre anni, ho riscritto. La parte di programma che tre anni fa ho scritto constava di 290 linee in C, quella che ho scritto oggi non arriva a 40 linee: un risultato clamoroso e, non ostante una vita passata a scrivere programmi, che mi esalta ed appassiona ancora.
Quindi Foto UtenteTheremino, ti faccio tanti auguri per la tua iniziativa che non posso non apprezzare, con la speranza che fra le tante persone che utilizzeranno il vostro sistema ce ne sia almeno una che, grazie al vostro progetto, possa trovare il gusto di impegnarsi e studiare per imparare a parlare ai computer. Se nella moltitudine di utilizzatori ce ne sarà uno o più che, stimolato dalla sperimentazione, deciderà di entrare a far parte di questa famiglia di "animali strani" che amano scrivere programmi, avrete ottenuto un gran risultato del quale sarò contento.
Buon lavoro e buona fortuna! :ok:
"La follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi".
"Parla soltanto quando sei sicuro che quello che dirai è più bello del silenzio".
Rispondere è cortesia, ma lasciare l'ultima parola ai cretini è arte.
Avatar utente
Foto UtenteTardoFreak
73,6k 8 12 13
-EY Legend-
-EY Legend-
 
Messaggi: 15763
Iscritto il: 16 dic 2009, 11:10
Località: Torino - 3° pianeta del Sistema Solare

4
voti

[472] Re: Il PIERIN PIC18 gratis per i microcontrollisti di EY.

Messaggioda Foto UtenteTheremino » 17 dic 2016, 6:14

TardoFreak ha scritto: l'esperienza più emozionante è proprio il riuscire ad imparare a "parlare ai computer" e cioè scrivere i programmi che li fanno funzionare.


L'intenzione di fondo che anima il sistema theremino è proprio di avvicinare i ragazzi (e makers di ogni età) alla programmazione, alla elettronica e alla autocostruzione. In altre parole, citando il motto del sistema theremino, "Ricongiungere il mondo digitale con il mondo reale e concreto".

Ma nel fare questo dobbiamo tener conto che oggi il mondo virtuale è talmente facile e accattivante da rappresentare una trappola. C'è il rischio reale di finire prigionieri di Facebook e YouTube, in una specie di Second Life Orwelliana, che invade tutto il tempo della First Life e non lascia spazio al saldatore e alla programmazione.

Per cui, nell'intento di "ricongiungere i due mondi", dobbiamo prima di tutto facilitare la comunicazione tra di essi, cioè l'input output. Poter leggere sensori del mondo reale e agire su di esso tramite attuatori è essenziale per suscitare interesse nello "imparare a parlare al computer". Quanto sarebbe difficile parlare al computer se non ci fossero tastiera e mouse! Ma non per questo si deve pretendere che ogni aspirante maker si costruisca da se il suo mouse e programmi il suo firmware. Certo, anche far questo sarebbe affascinante e istruttivo ma forse l'aspirante maker ha un altro sogno. Forse vorrebbe misurare una temperatura e una tensione, ed è giusto facilitarlo in questo. Viene da se che dopo aver letto i suoi sensori con successo avrà voglia di procedere nel fai da te e finirà per imparare tutto l'imparabile. Ma se pretendessimo da lui di scrivere il firmware di tastiera e mouse e magari anche di stamparsi i tastini della tastiera uno per uno, avrebbe tempo di diventare nonno prima di iniziare a leggere le sue temperature. Per cui non potendo procedere con il suo sogno e non potendo realizzare il suo esperimento, tornerebbe su YouTube a guardare video sulle cose più stupide che esistono al mondo.

"Non è quindi necessario riscoprire ogni volta "l'acqua calda", ma ci si può concentrare sulla progettazione della propria apparecchiatura elettronica e affidare al sistema Theremino i compiti banali e ripetitivi, legati alla comunicazione con il computer.". Dall'articolo "Cos'è il Theremino System?": http://www.electroyou.it/theremino/wiki ... ino-system

E, concludendo, parlare al computer non è solo scrivere firmware. Il sistema theremino permette la comunicazione diretta con i sensori e sposta la attenzione verso interfacce utente scritte in linguaggi ad alto livello. Imparare a parlare questi linguaggi (linguaggi strutturati e tipizzati che ti costringono a scrivere pulito) è altrettanto, se non più importante che imparare il "C" dei PIC. Per approfondire il concetto leggere questa pagina: http://www.theremino.com/contacts/the-theremino-mission

P.S.
Anch'io ho lavorato con i grossi armadi blu e con le schede perforate. Puoi leggere la mia storia qui: http://www.theremino.com/contacts/the-theremino-history
Avatar utente
Foto UtenteTheremino
7.711 2 8 12
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 490
Iscritto il: 10 dic 2016, 15:13
Località: Ivrea

5
voti

[473] Re: Il PIERIN PIC18 gratis per i microcontrollisti di EY.

Messaggioda Foto UtenteTardoFreak » 17 dic 2016, 12:39

Probabilmente, data l'ora, non mi sono riuscito a spiegare bene.
Intendevo dire: ma il bello della programmazione non sta proprio nel affrontare i problemi di interfacciamento, di comunicazione, di organizzazione del firmware, per arrivare al software scritto su PC ad esempio, mediante linguaggi ad alto livello, magari ad oggetti?
E' proprio necessario arrivare subito ad un risultato, oppure la soddisfazione sta nell'arrivarci dopo avere affrontato difficoltà ed averle superate?
"La follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi".
"Parla soltanto quando sei sicuro che quello che dirai è più bello del silenzio".
Rispondere è cortesia, ma lasciare l'ultima parola ai cretini è arte.
Avatar utente
Foto UtenteTardoFreak
73,6k 8 12 13
-EY Legend-
-EY Legend-
 
Messaggi: 15763
Iscritto il: 16 dic 2009, 11:10
Località: Torino - 3° pianeta del Sistema Solare

6
voti

[474] Re: Il PIERIN PIC18 gratis per i microcontrollisti di EY.

Messaggioda Foto UtenteTheremino » 17 dic 2016, 13:21

Quello che dici è molto giusto e ti si espresso benissimo. Il fai-da-te è proprio la strada migliore per imparare e diventare "uomini di conoscenza", come direbbe Castaneda. Ma ci sono dei limiti. La vita è breve e non c'è tempo per diventare specialisti in tutto. Alcuni vogliono imparare a costruire bene una casa, non a costruire chiodi.

E comunque tutti noi usiamo un mouse e una tastiera come tramite per "parlare al computer" e sicuramente non li abbiamo costruiti e programmati di persona. Infatti non ha senso perdere il proprio tempo con interminabili tabelle di simboli ASCII e ScanCodes. E' meglio impiegarlo per realizzare le proprie idee e i propri esperimenti che sono infiniti, mentre gli input output, alla fine, sono sempre i soliti dieci o quindici, Adc, PWM, DigIn, DigOut, Counter, Encoder, ecc...
Avatar utente
Foto UtenteTheremino
7.711 2 8 12
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 490
Iscritto il: 10 dic 2016, 15:13
Località: Ivrea

5
voti

[475] Re: Il PIERIN PIC18 gratis per i microcontrollisti di EY.

Messaggioda Foto UtenteTheremino » 17 dic 2016, 15:21

Vorrei spiegarlo meglio... Quello che proponiamo non è di eliminare il fai-da-te ma solo di spostare leggermente il limite. Un limite alla auto-costruzione ci deve essere per forza, i processori, tanto per fare un esempio, non si possono fare, ci vorrebbe più di una vita umana per riuscire a farne uno semplice come uno Z80. E se un limite deve esserci allora non mi sembra una grande differenza situarlo al di qua o al di la degli Adc e dei PWM.

Quello che proponiamo è di considerare normale dotazione di un PC non solo la tastiera e il mouse, ma almeno i principali tipi di In-Out. Questo non impedirebbe la sperimentazione e il fai da te ma al contrario, permetterebbe a molte più persone di progettare apparecchiature elettroniche collegate al computer. Sono molti quelli che hanno scritto nel blog del sito theremino di aver progettato e costruito con successo, apparecchiature che non avrebbero mai pensato di poter costruire da soli.

Ecco qualche esempio tra i primi che mi sono venuti sottomano:
https://www.youtube.com/watch?v=fiA7eOY ... e=youtu.be
https://www.youtube.com/watch?v=Vbp9s5E ... e=youtu.be
https://www.youtube.com/watch?v=tjPG4KdE7Mg
http://www.iw3sgt.it/IW3SGT_PRJ/IW3SGT_ ... _sismo.htm
https://www.youtube.com/watch?v=TpSISUwD8H0
https://www.youtube.com/watch?v=gCKvIrhlXwI
https://www.rcgroups.com/forums/showthr ... ot-Arduino)!

Come puoi vedere da questi esempi, c'è comunque molta sperimentazione e molto fai da te, anche se nessuno di essi ha comportato la scrittura di una sola riga di firmware.
Avatar utente
Foto UtenteTheremino
7.711 2 8 12
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 490
Iscritto il: 10 dic 2016, 15:13
Località: Ivrea

0
voti

[476] Re: Il PIERIN PIC18 gratis per i microcontrollisti di EY.

Messaggioda Foto UtenteAlieno77 » 11 gen 2017, 16:19

scusate se mi intrometto ma...io sono proprio l'utonto medio :D a cui è indiritzzato Theremino!
A chi gli piace, programmare è bello e divertente ma non è detto che tutti possano/vogliano/abbiano tempo di imparare.

Io ad esempio ho costruito 3 progetti con diversi microcontrollori, ho capito un po' cos'è la programmazione ma farmi scrivere il codice per farlo funzionare è impossibile, troppo tempo da dedicare e poche capacità mie.

Invece con i progetti già pronti, sono riuscito a costruire cose (per me) impensabili...già saldare i cavi, mettere le resistenze, comprare i materiali giusti è stata un'impresa di cui vado stra-orgoglioso...ma programmare mai! proprio non mi piace, non lo voglio fare e mai lo farò!
Avatar utente
Foto UtenteAlieno77
30 3
 
Messaggi: 15
Iscritto il: 17 gen 2016, 2:15

1
voti

[477] Re: Il PIERIN PIC18 gratis per i microcontrollisti di EY.

Messaggioda Foto UtenteTheremino » 11 gen 2017, 21:29

Visto che il sistema theremino ti piace, potresti trovare utile questo articolo:
http://www.electroyou.it/theremino/wiki ... ino-system
Sono un appassionato di elettronica da sempre, ma ho dedicato più anni al software che alle formule della elettronica analogica. Ho decenni di esperienza pratica ma non conosco a memoria tutte le formule. Se sbaglio correggetemi.
Avatar utente
Foto UtenteTheremino
7.711 2 8 12
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 490
Iscritto il: 10 dic 2016, 15:13
Località: Ivrea

1
voti

[478] Re: Il PIERIN PIC18 gratis per i microcontrollisti di EY.

Messaggioda Foto UtenteLisia01 » 6 mag 2017, 20:09

Lo spirito deve essere quello della condivisione della conoscenza.
Non ci trovo nulla di male ad iniziare con progetti preconfezionati. Serviranno come spunto di riflessione, come stimolo per provare eventuali trasformazioni e per capire eventuali errori.
Grazie.
Avatar utente
Foto UtenteLisia01
10 1
 
Messaggi: 5
Iscritto il: 26 apr 2017, 14:02

Precedente

Torna a Realizzazioni, interfacciamento e nozioni generali.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti