Pagina 10 di 11

Re: Una curiosità sulla programmazione oggi.

MessaggioInviato: 9 nov 2018, 22:19
da Piercarlo
arkeo2001 ha scritto: Cerco sempre di ricordarmi di quell'episodio quando penso ai modelli e al fatto di saper usare i programmi! Uno bravo cava davvero il sangue da una rapa di software.


Io non sono così bravo, pazienza... D'altra parte il tuo esempio, se ci pensi bene, ti smentisce in pieno: il tuo professore se l'è cavata non perché fosse bravo con i programmi ma perché la sapeva molto più lunga del programma! Non trovi? Anche con spice è lo stesso.

Re: Una curiosità sulla programmazione oggi.

MessaggioInviato: 9 nov 2018, 23:14
da venexian
Spice in se non è un campo minato. Come visto in altri thread, anche altri simulatori vanno presi un po' con le pinze su questioni quali gli intervalli minimi, le condizioni iniziali e pochi altri punti che possono rivelarsi critici.

Ciò che rende il 99 % delle simulazioni Spice totalmente inutile è la scelta dei modelli. I modelli vengono scelti come gli sketch di Arduino: scaricati con atteggiamento bovino sperando solo che funzionino senza dare errore.

Poi ci si stupisce se le giunzioni BE dei transistor non vanno in breakdown per tensione inversa o perché nella realtà i transistor amplificano anche con l'emettitore e il collettore invertiti, mentre nella simulazione questo non si vedeva.

Se poi ci sono veterani dell'elettronica (e di questo sito) che progettano circuiti a transistor al simulatore, adattando i valori dei componenti a contorno fino a quando l'uscita ricalca quello che si vorrebbe avere, senza considerare che si sta utilizzando il guadagno di corrente come fulcro di tutto il progetto... allora è un altro discorso.

Re: Una curiosità sulla programmazione oggi.

MessaggioInviato: 10 nov 2018, 10:46
da speedyant
I problemi dei simulatori sono i modelli. Che poi chi usa i simulatori sia "poco pratico" peggiora la situazione.

Sul discorso simulatori si potrebbe aprire un discorso "filosofico", molto personale, che astrae da quelli puramente elettronici o elettrotecnici o comunque "professionali", ma comprenderebbe anche quelli "ludici", ma "lasciamo stare"!

Re: Una curiosità sulla programmazione oggi.

MessaggioInviato: 11 nov 2018, 8:58
da sebago
Piercarlo ha scritto:Allora dillo esplicitamente prima: la telepatia non esiste
...
Per me incidente chiuso.

Non ci hai proprio capito una mazza.
Citavo una tua frase, che tu riportavi come esempio negativo, per aggiungerci, sempre in negativo, un mio commento.
Bastava rileggere il tutto per capirlo.
Mah...
Incidente chiuso. E pure le notifiche. Adieu.

Re: Una curiosità sulla programmazione oggi.

MessaggioInviato: 11 nov 2018, 12:21
da venexian
Resta il fatto che i simulatori sono una necessità assoluta. Senza Spice o senza i vari FEM in meccanica, non saremmo certo qui su internet.

In un altro thread un utente mi ha messo un dubbio su un mio lavoro passato che ora sto verificando proprio con Spice. Sarebbe praticamente impossibile fare lo stesso lavoro 'in vivo'.

Spice, FEM, i compilatori, un motoscafo o una levigatrice angolare sono strumenti. Se si usano in modo corretto danno i risultati previsti. Se si utilizzano a caso non si ottiene nulla, si fanno danni o magari ci si lascia pure la pelle (propria o di qualcun altro).

Per guidare un'auto portare una barca ci vuole la patente, per la levigatrice o per Spice non serve. Sta a chi li adopera farlo con la giusta quantità di sale.

Re: Una curiosità sulla programmazione oggi.

MessaggioInviato: 11 nov 2018, 12:58
da EdmondDantes
Sono d'accordo con Foto Utentevenexian, anche se a volte fa finta di non capire :mrgreen:

Senza Spice o senza i vari FEM in meccanica, non saremmo certo qui su internet.

Direi per qualsiasi disciplina moderna. Oserei dire anche per questioni puramente matematiche moderne.

In un altro thread un utente mi ha messo un dubbio su un mio lavoro passato che ora sto verificando proprio con Spice. Sarebbe praticamente impossibile fare lo stesso lavoro 'in vivo'.


Difficilmente riuscirai a trovarlo in fallo, quell'utente. :D

Questo 3D era interessante ma ormai sta scadendo nella banalità e nelle ovvietà. Come Foto Utentesebago, togliero' la sottoscrizione.
Voglio aggiungere solo una cosa.
Negli anni '60-'80 andavano di moda le varie riviste di elettronica note a tutti noi. Schiere di hobbisty che si credevano progettisti solo perche' costruivano schede elettroniche, calcolando qualche resistenza del cosiddetto. Non si rendevano conto e non si rendono ancora conto, che erano solo saldatori. Senza offesa per i saldatori veri: per fare quel lavoro in modo professionale servono corsi di preparazione teorica e pratica, addestramento e qualche annetto di esperienza, oltre alla certificazione. Quindi non erano e non sono neanche saldatori.
Con la programmazione e' la stessa cosa. Ai tempi un calcolatore costava milioni di lire e pertanto solo i professionisti che lavorano nelle università o nei centri di ricerca erano in grado di lavorarci e creare del vero codice.
Oggi, tutti noi abbiamo un computer in tasca. Lo strumento e' disponibile anche per il primo babbeo di turno. Mettono insieme qualche decina di blocchi gia' scritti e fanno un programma. Ma lo hanno progettato? No, hanno solo battuto qualche carattere sulla tastiera.
Purtroppo in questo 3D si stanno scontrando opinioni diverse che derivano da esperienze diverse. Come sempre non posso che essere d'accordo con chi ha studiato sui testi veri, che magari costano 300-400 euro e pertanto non alla portata di tutti.
Per gli altri e' sufficiente il testo da 20$ con altre 200 pagine disponibili online sul sito dell'autore. O_/ O_/

Re: Una curiosità sulla programmazione oggi.

MessaggioInviato: 11 nov 2018, 19:33
da banjoman
widescreen-programming.jpg


Io programmo cosi'..... :mrgreen:

Re: Una curiosità sulla programmazione oggi.

MessaggioInviato: 11 nov 2018, 22:56
da venexian
banjo, guarda bene sullo schermo 2, seconda finestra, settima riga, terza istruzione: manca un punto e virgola...

Re: Una curiosità sulla programmazione oggi.

MessaggioInviato: 11 nov 2018, 23:53
da arkeo2001
Ma come diavolo fanno, io già dopo 50 linee in un banale editor mi perdo... :/ Credo che a parte gli aficionados di vi nessuno sia più arcaico di me :(

Re: Una curiosità sulla programmazione oggi.

MessaggioInviato: 12 nov 2018, 1:42
da banjoman
Se vi dicessi che sto finendo di sistemare un programmino in FORTRAN?
Poi ci scrivo un articoletto per EY. Riguarda Risposta in frequenza, poli, zeri e luogo delle radici.
L'eseguibile e' di soli 200 kbyte. Interfaccia utente:zero. E' tutto in modalita' console. :mrgreen: