Pagina 4 di 4

Re: Motore a spazzole con collettore eroso

MessaggioInviato: 2 giu 2015, 21:36
da adert
angel99 ha scritto:
adert ha scritto:[...] se cosi' è devi limitare la tensione in out al PWM.

Questo è l'errore di concetto.

E' necessaria una tensione elevata e la retroazione per il controllo di corrente.

La limitazione di corrente non fa altro che limitare la tensione , il sistema non è a velocità variabile , o è ferma o va al max con il contatto reed , trascurati i transitori , tanto vale abbassare la tensione.
Tieni conto che per come è usato ora è a tensione max quando chiude il reed (contatto ad ampolla) , max velo , max coppia , max corrente.
Abbassando la tensione , ha una minore velocità , ma anche una minor coppia , minore corrente , invece di dissipare 81w , ne dissipa meno , rimane sempre il problema di smaltirli.

Re: Motore a spazzole con collettore eroso

MessaggioInviato: 2 giu 2015, 22:14
da JOHNANN
Ho fatto delle prove con un amperometro in continua e il propulsore immerso in una vasca con acqua
Alla massima velocita' assorbimenti di 10 ah ....
La semplicita del circuito da me sviluppato nasce da dei motivi ben precisi:
1) un solo verso di rotazione
2) accensione a contatti reed(ampolline) della quale la prima accensione soft (pwm30%)e seconda velocita' max(PWM 95%)
3) ho cercato di avvicinarmi il piu' possibile al circuito ORIGINALE CON IL quale nasceva il propulsore dal quale ho riscontrato solo USO DI UN SINGOLO MOSFET E DIODO SCHOKTTY.....( come finali)... e avendo cercato e trovato vari schemi per controllo velocita' motori con questa configurazione ho continuato su questa strada
4) Non posso scendere in tensione, abbassare il PWM perche' altrimenti non mi muovo in mare !!
Ora secondo voi, a parte lo schema da ritoccare, i danni al collettore sono da attribuire a temperature elevate, molto elevate ?

Re: Motore a spazzole con collettore eroso

MessaggioInviato: 2 giu 2015, 22:20
da Candy
Vai da uno sfasciacarrozze, prendi in esame un motore di un modulo radiatore. Hanno più o meno la potenza di 300 W o 400 W. Sono progettati per girare tra 3000 e 3500 giri al minuto. Non 18000. Osserva come sono fatti. Comparali col tuo e trai le tue conclusioni.

18000 giri al minuti su quell'affare? E speri che duri negli anni?

Re: Motore a spazzole con collettore eroso

MessaggioInviato: 2 giu 2015, 22:33
da adert
E' sicuramente la temperatura all'interno del sistema generata dalle perdite del motore 21,3% della potenza assorbita e dalle perdite del riduttore un altro 20%.
Dai dati che mi hai dato 95% della tensione , 10A assorbiti in test vasca --> P=V*I=0,95*24*10=228W potenza elettrica assorbita dal sistema motore riduttore , di questa , il 21,3%+20%=41,3% viene convertita in calore dal motore e dal riduttore. 228*0,413=115,6w .
Non essendo raffreddato , la temperatura continua a salire all'interno del sistema.
Proposte:
1-Raffreddare il motore
2-Eliminare il riduttore , sostituendo il motore con uno diretto a minori giri.
Quanto è il rapporto di riduzione?

Re: Motore a spazzole con collettore eroso

MessaggioInviato: 2 giu 2015, 22:54
da angel99
adert ha scritto:228*0,413=115,6w

Ecco dove sbagliavo!
Grazie per avermi aperto gli occhi.

Re: Motore a spazzole con collettore eroso

MessaggioInviato: 2 giu 2015, 23:14
da adert
angel99 ha scritto:Grazie per avermi aperto gli occhi.

Il concetto non cambia , smaltire 115,6 w o 94,16w poco cambia .