Pagina 1 di 1

Cos'è l'induttanza di magnetizzazione?

MessaggioInviato: 29 gen 2016, 13:21
da Vibia
Salve,
Avrei un dubbio inerente alla definizione dell'induttanza di magnetizzazione in una generica macchina cilindrica isotropa.
Se dovessi provare a dare una definizione, mi verrebbe in mente la definizione generale di induttanza che è il rapporto tra il flusso e la corrente che lo sostiene.
In una macchina cilindrica isotropa, l'induttanza di magnetizzazione esce fuori quando si calcola il flusso che concatena la generica matassa di una generica fase ed è definito in questo modo

L_m= DL\mu_0\frac{4}{\pi}\frac{z_s^2q_s^2|\xi_s|^2(m_s/2)}{2\delta}

Quindi, se dovessi provare a dare una definizione di tale coefficiente, mi viene in mentre che esso quantifica il flusso che concatena matassa \nu-esima di una generica fase k-esima sostenuto dalle correnti di statore e di rotore.

Re: Cos'è l'induttanza di magnetizzazione?

MessaggioInviato: 29 gen 2016, 14:30
da mir
Vibia ha scritto:...l'induttanza di magnetizzazione...

A tal proposito credo possa interessarti questo thread a partire dal topic [13] by Foto UtenteRenzoDF ... oppure provare con la funzione cerca... ;-)

Re: Cos'è l'induttanza di magnetizzazione?

MessaggioInviato: 29 gen 2016, 18:17
da Vibia
Ti ringrazio per la risposta. Però il mio dubbio non è legato al perché della presenza dell'induttanza di magnetizzazione bensì proprio alla sua definizione che non riesco a trovare sui libri di macchine sul quale sto studiando.

Se mi devo attenere alla definizione di induttanza posso dire che è semplicemente il rapporto tra flusso concatenato e la corrente che lo so sostiene, ma non sono sicuro che sia una risposta corretta o quanto meno cerco un riscontro con voi che ne sapete sicuramente di più di me

Re: Cos'è l'induttanza di magnetizzazione?

MessaggioInviato: 29 gen 2016, 18:58
da EcoTan
Facciamo il caso semplice di un trasformatore.
Abbiamo due auto induzioni e una mutua induzione, questo è rigoroso.
Abbiamo due correnti a vuoto e due tensioni di corto circuito, anche questo credo sia rigoroso.
Poi abbiamo uno schema equivalente in cui c'è un trasformatore ideale, due induttanze in serie e una o due induttanze in parallelo, queste ultime credo siano le induttanze di magnetizzazione.
Ma non so quanto questo concetto sia rigoroso, al diminuire dell'accoppiamento si vanifica un po' e nel caso limite di accoppiamento nullo abbiamo due semplici induttanze e basta.

Re: Cos'è l'induttanza di magnetizzazione?

MessaggioInviato: 29 gen 2016, 19:14
da Vibia
Io ho capito che, indipendentemente dal tipo di macchina che consideriamo che sia un trasformatore o una qualsiasi macchina rotante, si ha quest'induttanza di magnetizzazione.

Io ora sono giunto alla conclusione che è la forza controelettromotrice che si ha negli avvolgimenti di statore per effetto delle correnti di rotore e di statore

Re: Cos'è l'induttanza di magnetizzazione?

MessaggioInviato: 30 gen 2016, 1:25
da admin
Induttanza di un circuito è il rapporto tra il flusso magnetico concatenato con il circuito e la corrente che lo produce circolando in esso.
Nelle macchine elettriche il flusso totale concatenato con un avvolgimento è, per comodità, suddiviso in flusso utile e flusso disperso.
Il flusso utile è il flusso che l’avvolgimento induttore e l’avvolgimento indotto hanno in comune.
Il flusso disperso è quello che si concatena con il solo avvolgimento induttore.
Il rapporto tra il flusso utile concatenato con l’avvolgimento induttore e la corrente circolante nell’avvolgimento stesso, quando l’avvolgimento indotto è aperto, è l’induttanza di magnetizzazione.

Re: Cos'è l'induttanza di magnetizzazione?

MessaggioInviato: 30 gen 2016, 20:47
da Vibia
admin ha scritto:Il rapporto tra il flusso utile concatenato con l’avvolgimento induttore e la corrente circolante nell’avvolgimento stesso, quando l’avvolgimento indotto è aperto, è l’induttanza di magnetizzazione.



Faccio una domanda perché forse, anzi probabilmente non ho capito. Il rapporto tra il flusso utile concatenato con l’avvolgimento induttore e la corrente circolante nell’avvolgimento stesso, quando l’avvolgimento indotto è aperto, non dovrebbe essere il coefficiente di auto-induzione perché a quel punto è il flusso che si ha per mezzo della corrente che circola nell'avvolgimento e che egli stesso concatena.

Re: Cos'è l'induttanza di magnetizzazione?

MessaggioInviato: 30 gen 2016, 22:17
da admin
E' il coefficiente di autoinduzione che è anche l'induttanza di magnetizzazione