Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Germania e "phase out carbone"

Fonti energetiche e produzione e fornitura dell'energia elettrica.

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentemario_maggi

1
voti

[21] Re: Germania e "phase out carbone"

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 26 apr 2021, 11:42

Visto che qui in Europa siamo tutti ciarlatani provate a vedere come la patria della democrazia si sta organizzando per gestire questo piccolo problema.
Provate a cercare progetto Youcca Mountain.
Ci hanno scritto anche dei libri.
Un articolo generico per incuriosire sul tema.
https://www.google.it/amp/s/www.giornal ... mp/?espv=1

Ciao
600 Elettra
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
6.507 3 8 12
Master
Master
 
Messaggi: 2182
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

0
voti

[22] Re: Germania e "phase out carbone"

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 26 apr 2021, 12:12

Per chi conosce bene l'inglese penso che il materiale non manchi su questo tema volendo documentarsi meglio.

Durante le ricerche mi sono imbattuto in questo articolo.
Lo cito se a qualcuno dovesse interessare.
Da una sguardo complessivo sul tema.

https://www.nogeoingegneria.com/tecnolo ... e-e-umano/
Ciao
600 Elettra
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
6.507 3 8 12
Master
Master
 
Messaggi: 2182
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

5
voti

[23] Re: Germania e "phase out carbone"

Messaggioda Foto Utenteboiler » 27 apr 2021, 10:24

Quando non si sa piú cosa tirare in ballo, le fonti da TV Sorrisi&Canzoni tirano in ballo i costi.
Non c'è cosa piú difficile da stimare dei costi totali di un sistema così complesso.
Ed è quindi facile giungere alla conclusione che si vuole senza che il lettore possa verificarne la veridicità.

Se prendo il costo stimato di solo 5 dei peggiori tornado abbattutisi sugli Stati Uniti arrivo a 487 miliardi di dollari (fonte attendibile: https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_costliest_Atlantic_hurricanes)

Se prendo invece una fonte di parte (per essere sicuri di non sottostimare), il costo complessivo finale dell'incidente di Fukushima è stimato a 800 miliardi. Ma arrotondiamo a 1000, non che si dica che distorco i numeri a mio favore.

Ormai è fatto comprovato che questi uragani sono causati cambiamento climatico, causato in buona parte da emissioni di CO2. Nel paragonare i costi totali si sono messi 487 miliardi sul piatto della bilancia opposto a quello sui cui si sono messi i 1000 di Fukushima?
Perché se così fosse sarebbero bastati 5 (!) uragani in un limitato (!) lasso di tempo in una sola (!) nazione per compensare la metà dei costi totali di uno dei pochissimi incidenti nucleari di vasta portata.

A questi uragani potremmo aggiungere la siccità e conseguenti carestie in Africa centrale... buon divertimento nel cercare di quantificarle... ma ignorarle è essere disonesti.

Sono due esempi (uragani e siccità), ma in totale parliamo di centinaia e centinaia di fattori che vanno considerati.

Cosa voglio dire con questo?
Che il nucleare è in fin dei conti (nel vero senso della parola) piú economico?
Potrei farlo e la mia affermazione avrebbe tanta affidabilità quanta ne hanno molte boiate che si trovano in internet. Ma non è quello che voglio e non è mia abitudine scrivere di cose che non so (e sinceramente non lo so... non ho abbastanza informazioni né per un sì, né per un no).

Quello che voglio che si capisca è che anche chi pubblica su nogeoingegneria non le sa e non è qualificato per considerare tutti i risvolti della faccenda. Il problema è che si atteggia come se in realtà lo fosse.

Tante parole per dire una cosa: leggete in modo critico le vostre fonti.

Boiler
Avatar utente
Foto Utenteboiler
20,0k 5 7 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3926
Iscritto il: 9 nov 2011, 12:27

1
voti

[24] Re: Germania e "phase out carbone"

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 27 apr 2021, 11:27

boiler ha scritto:Ormai è fatto comprovato che questi uragani sono causati cambiamento climatico, causato in buona parte da emissioni di CO2
sono d'accordo su tutto!

Ma ppunto perché si deve leggere e farsi una opinione, la mia, e non solo la mia, molti sutudiosi la pensano allo stesso modo, ma non fanno notizia,

siamo certi che sia tutto dovuto alla CO2?

siamo certi che la insolita attività solare non sia una altra causa?

Sembra che il campo magnetico terrestre stia mutando, sappiamo che questo non comporti riscaldamento maggiore del pianeta?

Sappiamo che nelle epoche passate abbiamo avuto glaciazioni e riscaldamenti, mi risulta fino a 3/5°C in più di ora, e non c'eravamo noi a fare CO2?

A me risulta che 50 anni di rilevamento delle temperature, non dia nessuna certezza di sapere cosa e come stia cambiando, tutto cio che "dovrebbero dire" è "il mio parere è che sia la CO2....."

saluti. :D
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
3.177 3 7 9
Master
Master
 
Messaggi: 3635
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

2
voti

[25] Re: Germania e "phase out carbone"

Messaggioda Foto UtentePoirot » 27 apr 2021, 12:33

lelerelele ha scritto:
Sappiamo che nelle epoche passate abbiamo avuto glaciazioni e riscaldamenti, mi risulta fino a 3/5°C in più di ora, e non c'eravamo noi a fare CO2?

A me risulta che 50 anni di rilevamento delle temperature, non dia nessuna certezza di sapere cosa e come stia cambiando, tutto cio che "dovrebbero dire" è "il mio parere è che sia la CO2....."



1) Penso che la differenza fra quello che è successo in epoche passate e quello che sta succedendo adesso, stia nel numero di anni che sono occorsi perché i cambiamenti climatici si verificassero.

2) Ridurre emissioni di CO2 di solito comporta anche riduzione di sostanze inquinanti.

3) Se aspettiamo di avere una probabilità alta degli effetti dell'uomo sul cambiamento climatico, lo scopriremmo comunque troppo tardi.
Avatar utente
Foto UtentePoirot
3.542 1 3 4
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 927
Iscritto il: 1 ott 2008, 15:08

2
voti

[26] Re: Germania e "phase out carbone"

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 27 apr 2021, 13:02

Il problema in sintesi è questo, bisogna produrre corrente elettrica.
Bene cominciamo a ridurre gli sprechi e a risparmiare.
Per la produzione per me sostituire i combustibili fossili con il nucleare è sconveniente e soprattutto pericoloso.
Gestire le scorie altamente radioattive anche solo per 500 (sarebbero oltre 10000) anni che costi avrà?
In termini di soldi e in termini di contaminazione dell'ambiente?
Se il pensiero è "cosa mi interessa di quel che succede tra qualche centinaia di anni" il ragionamento è già finito.
Non parliamo poi dei risvolti militari del nucleare.
Per dirla in maniera comprensibile" dalla padella nella brace ".
Poi ognuno ha la sua opinione.
Ciao
600 Elettra
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
6.507 3 8 12
Master
Master
 
Messaggi: 2182
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

0
voti

[27] Re: Germania e "phase out carbone"

Messaggioda Foto UtenteMeiko » 27 apr 2021, 13:52

Sapete che vi dico: torniamo a vivere nei boschi vestendoci con le pelli degli animali e sfamandoci con la caccia.
Il problema è uno, la tecnologia è ingorda di energia e senza quella, tutto ciò che abbiamo oggi non esisterebbe!
Il come produrre energia tale da, mantenere la vita? La natura ha scelto il nucleare (vedi il SOLE) perciò o mangiar di questa minestra, o morir di fame.
Il vero problema qui è la serietà di chi gestisce il nucleare. Ci sono impianti in funzione da dopo la seconda guerra mondiale, che funzionano senza guai, se gestiti con serietà.
E non ditemi che il micro-particolato PM-0,3 dei motori Diesel e Benziana catalitici è meno pericoloso della radioattività.
E poi domanda, ma... tutto il Rodio delle marmitte catalitiche delle ecologiche auto a Benzina, dove viene messo?
Avatar utente
Foto UtenteMeiko
177 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 110
Iscritto il: 14 dic 2020, 20:20

2
voti

[28] Re: Germania e "phase out carbone"

Messaggioda Foto Utenteboiler » 27 apr 2021, 14:35

Meiko ha scritto:Il come produrre energia tale da, mantenere la vita? La natura ha scelto il nucleare (vedi il SOLE)

Questo è un po' come confrontare patate e pere: cominciano ambedue con la lettera P.

Meiko ha scritto:E poi domanda, ma... tutto il Rodio delle marmitte catalitiche delle ecologiche auto a Benzina, dove viene messo?

Viene riciclato, ma cosa c'entra con le scorie radioattive? Rodio e radio non sono la stessa cosa.

stefanopc ha scritto:Per la produzione per me sostituire i combustibili fossili con il nucleare è sconveniente e soprattutto pericoloso.

D'accordo, è un'opinione. Però non puoi solo dire "questo io non lo voglio". Devi anche fare una proposta alternativa. E la proposta alternativa deve essere in grado di coprire il fabbisogno energetico sempre: di notte, quando non c'è vento, eccetera...

E deve essere una soluzione che permetta questa notte al ragazzo in qualche posto rurale del Sudamerica di caricare il suo telefonino, non storie del tipo "stiamo facendo dei progressi nell'immagazzinamento di energia tramite aria compressa e nel 2025 ci saranno i primi prototipi". Sarà sicuramente un'ottima soluzione a partire dal 2030. Ma a noi serve una soluzione adesso.

Quindi cosa usiamo per coprire i picchi di assorbimento e le fasce orarie che non sono coperte dalle energie rinnovabili?
I combustibili fossili li abbiamo scartati, il nucleare non lo vuoi. Che prendiamo?

Boiler
Avatar utente
Foto Utenteboiler
20,0k 5 7 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3926
Iscritto il: 9 nov 2011, 12:27

0
voti

[29] Re: Germania e "phase out carbone"

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 27 apr 2021, 16:14

Vuoi dire che se veramente si volesse trovare una soluzione non l'avremmo già trovata?
Mandiamo le sonde su Marte che è un bel posto vicino e accessibile , facciamo passare i neutrini in una galleria da Ginevra al Gran Sasso , stiamo cercando le onde gravitazionali, stiamo valutando lo spin dei muoni ma per produrre energia c'è solo il carbone o la fissione nucleare vecchia di 80 anni e i gruppi elettrogeni a gasolio.
Francamente mi rifiuto di credere che non si possa fare di meglio con tutte le risorse in campo.
Forse le lobby dei petrolieri e degli altri grandi gruppi in campo energetico non avranno tutelato un minimo i loro interessi?
Io un dubbio ce l'ho.
Se si facesse un nuovo progetto Manattan per avere una fonte di energia pulita invece che una sporca bomba non sarebbe una bella cosa?
Perché non si è già fatto?
Ciao
600 Elettra
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
6.507 3 8 12
Master
Master
 
Messaggi: 2182
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

1
voti

[30] Re: Germania e "phase out carbone"

Messaggioda Foto Utenteboiler » 27 apr 2021, 16:28

stefanopc ha scritto:Francamente mi rifiuto di credere che non si possa fare di meglio con tutte le risorse in campo.

Peccato, mi sembravi una persona intelligente.
Avatar utente
Foto Utenteboiler
20,0k 5 7 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3926
Iscritto il: 9 nov 2011, 12:27

PrecedenteProssimo

Torna a Energia e qualità dell'energia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti