Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

circuito vespa

Circuiti, campi elettromagnetici e teoria delle linee di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteEdmondDantes

2
voti

[21] Re: circuito vespa

Messaggioda Foto UtenteLelettrico » 18 ago 2012, 15:57

Foto Utentecarloc Infine offro una birra vitruale a chi mi sappia togliere la curiosità: Ma ci sarà un perché ad una soluzione tecnica così inconsueta come un impianto serie


I fili dalla cassettina anteriore alla devioguida subiscono uno stress molto forte. Con questa soluzione anche tagliandoli tutti la Vespa andrebbe in moto e con le luci accese :!: Il monofilo impiega anche la meta' del rame :oops:
Filosofia Piaggio abbandonata a partire dagli Arcobaleno, gia nella PX qualcosa e' finalmente in serie (ma solo qualcosa) :roll:
Avatar utente
Foto UtenteLelettrico
2.458 1 4 6
Master
Master
 
Messaggi: 1108
Iscritto il: 13 set 2010, 12:24

5
voti

[22] Re: circuito vespa

Messaggioda Foto Utentecarloc » 18 ago 2012, 16:44

Lelettrico ha scritto:[...] Il monofilo impiega anche la meta' del rame [...]


non ne sarei tanto convinto...

Se consideri la posizione fisica dei vari componenti rispetto al devioguida ti accorgi che:

* il filo verde dal generatore ai comandi quello è in tutti e due i casi
* il filo grigio alla lampada posteriore quello è...
* i fili marrone e viola ai fari anteriori idem...
* i fili al clacson quelli sono pure loro
* infine il nero 0V potrebbe anche non servire ai comandi nel caso di impianto classico... beh diciamo comunque servirebbe per il pulsante di spegnimento quindi diciamo "pari e patta" :D ... ma c'è mancato poco che fosse più conveniente il circuito "classico"
* i vari neri 0V ai vari utilizzatori e/o collegamenti al telaio ancora sono uguali...

Insomma, la storia del "meno rame" l'avevo già sentita ma sinceramente non mi convince molto.. ma sono ovviamente aperto ad ogni argomento a favore di questa tesi :D

Poi ci sono anche gli svantaggi... se si brucia una lampada tra davanti e dietro l'altra si prende tutta la corrente e probabilmente la segue immediatamente... e da un guasto singolo ci troviamo magicamente al buio completo.. :(
Se ti serve il valore di beta: hai sbagliato il progetto!
Avatar utente
Foto Utentecarloc
33,7k 6 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2145
Iscritto il: 7 set 2010, 19:23

4
voti

[23] Re: circuito vespa

Messaggioda Foto UtenteRenzoDF » 19 ago 2012, 9:31

Nella Vespa 50 poi la lampada del fanalino posteriore (chissà perché) era collegata in un modo ancora più strano :-)

"Il circuito ha sempre ragione" (Luigi Malesani)
Avatar utente
Foto UtenteRenzoDF
55,4k 8 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 13097
Iscritto il: 4 ott 2008, 9:55

0
voti

[24] Re: circuito vespa

Messaggioda Foto Utentescan » 22 ago 2012, 19:55

Eccomi ,scusate ma ho avuto da fare.
Vi ringrazio per i vari interventi, un'ultima cosa
se posso chiderlo qua, cose' "la storia del meno rame"?.
Ciao grazie.
Avatar utente
Foto Utentescan
10 3
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 13 ago 2012, 21:28

Precedente

Torna a Elettrotecnica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 52 ospiti