Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

come rendere a norma una lampada artigianale

L'iter relativo alla marcatura CE e problemi connessi.

Moderatore: Foto UtenteGuerra

0
voti

[11] Re: come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto Utentecaba » 14 dic 2017, 18:47

Buonasera a tutti,
restando in argomento, vi propongo questa domanda:

- ho progettato una lampada destinata ad essere prodotta in una preserie iniziale di 20 pezzi;

è composta dai seguenti elementi:
-corpo in vetro
-lampadina 2W (fornita ancora imballata nel packaging della lampada)
-assemblaggio del kit spina-cavo-interruttore con il portalampada E14 (materiale italiano acquistato dal produttore e certificato CE) ad opera di un elettricista qualificato, che mi rilascia un documento sul lavoro eseguito;

-mi chiedo se, al fine di redigere una certificazione CE da parte mia come produttrice, sia per legge necessario e imprescindibile svolgere i test di laboratorio con costi da 1500 euro in sù per LVD ed eventuale EMC.


Ovviamente la spesa per i test supera sia i ricavi del quantitativo di preserie, sia il costo sostenuto per creare la lampada, quindi, nonostante io voglia fornire le dovute garanzie nell'utilizzo all'utente finale, questo costo di laboratorio mi metterebbe in serie difficoltà, al momento.

Sono un tecnico e mi occupo Architettura e Design, quindi chiedo a voi un consiglio per chiarirmi le idee, grazie!

Carlotta
Avatar utente
Foto Utentecaba
0 1
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 12 dic 2017, 16:09

1
voti

[12] Re: come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 14 dic 2017, 19:31

Purtroppo non mi reputo competente, rispondo per proseguire la discussione

La spina-cavo-interruttore con il portalampada E14 di per sè non genera EMI.
Se il montaggio è certificato dall'elettricista OK.
Se la lampadina da 2W è certificata CEI, non dovrebbe emettere disturbi condotti e irradiati superiori alla normativa prevista. Non dovrebbe essere necessario condurre prove sulla lampada completa.
Oppure potresti vendere la lampada senza lampadina, o con una lampadina alogena che intrinsecamente (essendo a incandescenza) non può generare disturbi.

Attendo di leggere i pareri di altri più competenti di me. O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
5.066 2 6 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1701
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[13] Re: come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto Utentecaba » 14 dic 2017, 19:53

Grazie!
Perdonami, ma essendo io meno competente di te, ti chiedo cosa significa: "La spina-cavo-interruttore con il portalampada E14 di per sè non genera EMI"
Avatar utente
Foto Utentecaba
0 1
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 12 dic 2017, 16:09

1
voti

[14] Re: come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 14 dic 2017, 20:00

"La spina-cavo-interruttore con il portalampada E14 di per sè non genera EMI" sono dei componenti passivi,
non generano i disturbi, al più li conducono (anche se il cavo in condizioni di dissimmetria potrebbe fare da antenna).
I disturbi li può generare l'alimentatore a commutazione posto all'interno della lampadina a LED con attacco E14.
Ma se la lampadina è progettata bene, ed è certificata, i disturbi condotti che escono fra i due poli sono inferiori al valore prescritto....ma attendi altri pareri...
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
5.066 2 6 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1701
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[15] Re: come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto Utentecaba » 14 dic 2017, 20:48

Ok!
Nel frattempo, ti ringrazio molto per le spiegazioni O_/
Avatar utente
Foto Utentecaba
0 1
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 12 dic 2017, 16:09

Precedente

Torna a Direttiva Macchine

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti