Pagina 1 di 1

Un CTS rinnovato, ma in quale ottica ?

MessaggioInviato: 18 mar 2021, 16:07
da WALTERmwp
Il CTS è il riferimento Tecnico/Scientifico dell'esecutivo.
Quest'ultimo decide, o dovrebbe, anche e soprattutto considerando i pareri espressi dal CTS.
In questi giorni il CTS è stato rinnovato: cambiato il coordinatore, sostituiti componenti privilegiando palesemente chi nel tempo s'è dichiarato propenso alla riduzione di vincoli ad aperture e circolazione, ridotto il numero dei membri da 26 a 12.

Il CTS di "prima" era, per qualcuno, discutibile e migliorabile ?
Non so, può darsi, ma se cambi, si deve andare a vedere come e perché hai cambiato.
E qui già non esistono motivazioni.
Ma, tra le nomine, per spontanea evidenza, emerge quella d'un ingegnere gestionale che, mi pare, d'epidemiologie e di studi afferenti ne sappia poco o nulla occupandosi, bene o male non so, di tutt'altro.

Ora, assurto agli onori della cronaca per questa "convocazione", divenuto componente d'una istituzione pubblica, oltretutto di rilevanza strategica, ne cito nome e cognome: trattasi del sig.(ing.)Alberto Gerli.
In quest'anno di pandemia s'è prodigato(sono fatti, non mia opinione) per acquisire popolarità autoreferenziandosi presso diversi soggetti istituzionali e popolari, propagandicizzando le proprie previsioni.

Stando ai fatti, pare non ne abbia azzeccate, affermazione eufemistica considerando scenari che davano per bianche regioni divenute rosse in men che non si dica a breve distanza temporale dall'ottimistico vaticinio.
Chi davvero maneggia strumenti di analisi, studia fenomeni pandemici, conosce la complessità di queste dinamiche e della microbiologia, ha già espresso il proprio dissenso rispetto al "modello matematico" utilizzato dal sig.Gerli; immagino lo stupore per l'inserimento della persona nel CTS.

Personalmente non mi interessa nulla del soggetto, mi interessa invece che il CTS abbia e mantenga un profilo quanto meno degno del ruolo che è chiamato ad assolvere: per quanto sopra, non posso nascondere qualche preoccupazione.
Nemmeno i giornali, sino ad ora più propensi ad incensare il nuovo Primo Ministro Draghi(suo malgrado, va scritto) hanno saputo trattenersi dall'esternare perplessità e sconcerto per la scelta.
D'accordo, si tratta di nomine partitiche strumentali alla propaganda delle relative rappresentanze ma, mi chiedo, quando e se il diretto interessato prenderà coscienza d'una presunta inadeguatezza per il ruolo assegnatogli.

A mio parere, questo, insieme ad altri, è un passaggio che dice molto di più di quello che il nuovo esecutivo è pronto a dichiarare o ad ammettere.

Saluti

Re: Un CTS rinnovato, ma in quale ottica ?

MessaggioInviato: 18 mar 2021, 18:08
da fairyvilje
È tipico guardare agli altri che sbagliano e dire "io avrei fatto un lavoro migliore". Perché siamo tutti un po' allenatori, medici e giudici.

La cosa triste è che io lo avrei fatto per davvero un lavoro migliore e come me varie persone che conosco, ma nessuno di noi è sull'elenco telefonico di chi opera le nomine per quel tipo di posizioni.

Quindi niente, continua così Italia che va tutto benissimo.

Scusate, è che dopo un anno di "interessanti" eventi, qualcosa mi esce per forza. Nonostante la discendenza veneta non sono bestemmie, perché sono una persona educata e rispettosa del credo altrui, ma qualche espressione non proprio elevata mi viene in mente.
Il prossimo messaggio sarà meno mesto, promesso.

Re: Un CTS rinnovato, ma in quale ottica ?

MessaggioInviato: 18 mar 2021, 18:31
da Danielex
WALTERmwp ha scritto:Stando ai fatti, pare non ne abbia azzeccate


Tipico esempio di meritocrazia italiana.

E ciò mi rende triste.

Re: Un CTS rinnovato, ma in quale ottica ?

MessaggioInviato: 18 mar 2021, 18:41
da lemure64
Più che altro è un segnale che si sta disgregando il Deep State anche da noi, ovvero quell'insieme di persone poco note ma di altissimo profilo tecnico (basta pensare al n. 20 di Banca Italia chiunque sia e comunque si possa stabilire una graduatoria: ecco, intendo quel genere di figure) cha ha sempre tenuto in piedi la macchina malgrado lo strato sovrastante di politici generalmente inadeguati. La selezione è sempre stata automatica, per meriti e concorsi ma certo anche per sgambetti e gomitate che non conosceremo mai, ma più o meno ha funzionato. Nomine di quel genere vogliono dire che lo strato impermeabile che separa i due mondi sta cedendo in misura che sta raggiungendo il limite oltre il quale il collasso diventa rapido.

Onestamente spero che chi può farlo non dico siluri ma almeno metta a margine figure inadeguate al ruolo. Arrivare a una posizione quasi apicale essenzialmente per essersi fatti pubblicità è qualcosa di grave, a prescindere da chi sia e che ruolo ricopra. Almeno un presidente di sezione di Cassazione un concorso (e che concorso...) l'ha fatto, ma questi personaggi?

Re: Un CTS rinnovato, ma in quale ottica ?

MessaggioInviato: 18 mar 2021, 20:05
da WALTERmwp
Ultimo aggiornamento.
Il "ragazzo" si ritira
il Fatto quotidiano(Andre Tundo) il 18/03/21 ha scritto:(...) rinuncia all’incarico nel Comitato tecnico scientifico. Dopo le polemiche seguite alla sua scelta nel board di 12 esperti che consigliano al governo le strategie di contrasto alla pandemia, l’imprenditore padovano, 40 anni, ha fatto un passo indietro. La scelta dell’ingegnere, ex consigliere delegato di Confindustria Giovani di Padova, nel nuovo Cts, chiesto dalla Lega, nelle 48 ore successive aveva portato a galla tutte le ‘falle’ del suo sistema predittivo. E in molti si sono chiesti se non esistessero figure più autorevoli nel “mondo statistico, matematico-previsionale” da inserire nel Comitato, che si riunirà per la prima volta venerdì.(...)
e auspico venga accettata e confermata la fuoriuscita.

Resta il fatto che è stata inserita una figura ritenuta da molti inadeguata alla funzione, soprattutto da chi ha competenza nello specifico ambito scientifico.
Ora mi piacerebbe sapere(nomi e cognomi) da chi era stato sponsorizzato.

Saluti

Re: Un CTS rinnovato, ma in quale ottica ?

MessaggioInviato: 18 mar 2021, 20:12
da lemure64
Devo dire che è una cosa che gli fa onore, ci sono politici che di fronte a figure ben peggiori si guardano bene dal dimettersi e anzi passano al contrattacco. Chapeau e "come non detto"; spero che abbia occasione di fare un buon lavoro in ambiti in cui è competente.

Re: Un CTS rinnovato, ma in quale ottica ?

MessaggioInviato: 18 mar 2021, 22:44
da WALTERmwp
@lemure64, nel rispetto della tua opinione
lemure64 ha scritto:Devo dire che è una cosa che gli fa onore (...)
ma l'ingegnere s'è ritirato solo dopo tutte le polemiche che han fatto seguito, lasciando nel frattempo passare sulla stampa aneddoti e ricostruzioni con attendibilità da verificare.
Possibile che qualcuno abbia creduto che quella nomina fosse consona o che, in difetto, passasse inosservata malgrado la visibilità e l'importanza del Comitato ?
In ogni caso c'è stata una clamorosa sottovalutazione, ad essere indulgenti.

A mio parere, non c'è onore nell'accettare un incarico per il quale, stando ai fatti e non alle opinioni, non si hanno le competenze specifiche: se io so guidare un trattore, non significa sappia pilotare anche un Boing 747 solo per il fatto che anche quello va a motore.

Non mi stupisco delle eventuali lottizzazioni partitiche, riuscite o tentate, ma chi ha proposto la persona dovrebbe dare spiegazioni.

Saluti

Re: Un CTS rinnovato, ma in quale ottica ?

MessaggioInviato: 18 mar 2021, 23:30
da fpalone
lemure64 ha scritto:Nomine di quel genere vogliono dire che lo strato impermeabile che separa i due mondi sta cedendo in misura che sta raggiungendo il limite oltre il quale il collasso diventa rapido.

Foto Utentelemure64, condivido in pieno questa tua riflessione.
In un contesto in cui, per la gestione della cosa pubblica, il fallimento diventa un biglietto da visita per futuri (e più alti) incarichi, è inevitabile che anche i ruoli decisionali meno vistosi finiscano per essere lottizzati ed assegnati a personaggi più o meno discutibili.

Del resto è piuttosto deprimente il ricorso a sempre più numerosi "comitati" e "commissari", nomi evocativi di una burocrazia sovietica, come ad ammettere che nei vari organismi statali (ministeri in primis) non ci siano strutture in grado di supportare le decisioni dell'esecutivo.

P.S. è un peccato per la persona individuata, ma una figura professionale con competenze gestionali (leggi: teoria delle decisioni) non sarebbe stata una cattiva acquisizione per il CTS.

Re: Un CTS rinnovato, ma in quale ottica ?

MessaggioInviato: 19 mar 2021, 11:23
da WALTERmwp
Avevo aperto il thread con la percezione dello scempio che della scienza previsionale e delle vere competenze necessarie all'assolvimento del ruolo si stava compiendo, senza afflati politico/partitici.
Così vorrei che fosse.

Il fatto è che lo sconcerto su alcune nomine rimane, e alimenta dubbi sulle competenze di chi avrebbe scelto chi sarebbe stato chiamato ad esprimersi per competenza ...
Sembra uno scherzo, ma non è così.

Rimanendo sul caso particolare, nome e cognome di chi avrebbe sponsorizzato l'ingegnere gestionale ancora non è noto ma pare, a meno di clamorosa smentita, e nell'eventualità sarebbe cosa strana considerata l'afasica comunicazione istituzionale, sia attribuibile agli uffici del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Son convinto che Draghi non abbia a che fare con la vicenda, se non altro perché avrà altre priorità in agenda, ma la vicenda, purtroppo, è sintomatica, anche se non del Covid-19.

Saluti