Pagina 1 di 3

Centro estetico

MessaggioInviato: 11 ott 2012, 16:20
da Corsari
Un centro estetico esistente, ma sprovvista della necessaria documentazione di progetto, ha ridotto i propri clienti e quindi ha dismesso il macchinario trifase presente all'interno della struttura.
Per quanto sopra ha richiesto il cambio di contatore da trifase a monofase.
Ora io mi chiedo:
- corrente di corto circuito da considerare sarà quella riferita alla CEI 0-21?
- il quadro generale ha un generale differenziale e a valle 2 magnetotermici per luci e prese. Come ogni cliente vuole spendere il meno possibile...mi chiedevo se invece di cambiare iL magnetotermico a protezione delle prese con interruttore di tipo A posso cambiare direttamente il differenziale generale.
Grazie

Re: Centro estetico

MessaggioInviato: 11 ott 2012, 17:21
da Mike
Corsari ha scritto::
- corrente di corto circuito da considerare sarà quella riferita alla CEI 0-21?


Si.

Corsari ha scritto:- il quadro generale ha un generale differenziale e a valle 2 magnetotermici per luci e prese. Come ogni cliente vuole spendere il meno possibile...mi chiedevo se invece di cambiare iL magnetotermico a protezione delle prese con interruttore di tipo A posso cambiare direttamente il differenziale generale.
Grazie


Si.

Re: Centro estetico

MessaggioInviato: 12 ott 2012, 11:06
da Corsari
Grazie

Re: Centro estetico

MessaggioInviato: 12 ott 2012, 15:09
da marco61
Corsari ha scritto: il quadro generale ha un generale differenziale e a valle 2 magnetotermici per luci e prese. ........mi chiedevo se invece di cambiare iL magnetotermico a protezione delle prese con interruttore di tipo A posso cambiare direttamente il differenziale generale.

Presumo che il vecchio differenziale sia del tipo AC e quindi (anche se non c'è documentazione) classificato come vecchio "Ambulatorio tipo A".
Se cambi il differenziale e lo metti di classe A significa che riclassifichi il locale di Gruppo 1.
Al nodo del locale arrivano, oltre ai conduttori PE che collegano le masse estranee, anche i conduttori PE che collegano le masse e i poli centrali delle prese a spina?

Re: Centro estetico

MessaggioInviato: 12 ott 2012, 18:27
da CGIUSEPPE61
Scusate , sono state fatte domande da Foto UtenteCorsari , risposte sono state date in merito da Foto UtenteMike.

Il fatto che non ci sia documentazione ( progetto o altro ) sono cavoli loro , anche perché la domanda non era posta su questa questione, ma che mi si venga a dire che la sostituzione di un differenziale riclassifichi il locale non lo capisco #-o #-o .

Che a mè risulti, la classificazione del locale avviene mediante le seguenti informazioni:

1) Il locale è ordinario se non si fa uso di alcun apparecchio estetico con parti applicate. In questo caso non si tratta di un locale ad uso estetico.

2) Il locale è ad uso estetico di gruppo 0 se si fa uso di apparecchi estetici senza parti applicate (come da elenco Legge 1/90).

3) Il locale è ad uso estetico di gruppo 1 se si fa uso di apparecchi estetici con parti applicate (come da elenco Legge 1/90).

Se il locale è classificato come ordinario non si tratta di un locale ad uso estetico e quindi si applica la norma generale impianti. Se il locale è del gruppo 0, si tratta di locale ad uso medico ma non esistono particolari accorgimenti da adottare e si applicano le norme elettriche generali come per gli ambienti ordinari. Diverse, rispetto a quelli del gruppo 0, sono le attenzioni da dedicare ai locali del gruppo 1 dove si rende necessario adottare alcuni accorgimenti impiantistici particolari. Spesso i locali ad uso estetico sono inseriti all'interno di strutture con destinazioni d'uso anche diverse da quelle di uso estetico (ad esempio un appartamento di civile abitazione in cui sono ricavati alcuni locali adibiti a centro estetico); in questi casi è bene ricordare che tutta l'unità immobiliare che ospita questi locali, quando la potenza impegnata è superiore a 1,5 kW, è soggetta all'obbligo di progetto (DPR 447/91 art.4) anche se non tutti i locali della struttura sono del gruppo 1 o del gruppo 0.

Saluti

Re: Centro estetico

MessaggioInviato: 12 ott 2012, 18:31
da Mike
Tutto corretto Foto UtenteCGIUSEPPE61, eccetto il riferimento al DPR 447/91, si applica il DM 37/08 e in ogni caso l'obbligo di progetto permane se è un ambulatorio estetico.

Re: Centro estetico

MessaggioInviato: 12 ott 2012, 18:55
da CGIUSEPPE61
Mike ha scritto:Tutto corretto Foto UtenteCGIUSEPPE61, eccetto il riferimento al DPR 447/91, si applica il DM 37/08 e in ogni caso l'obbligo di progetto permane se è un ambulatorio estetico.


Hai ragione sull'applicazione del DM 37/08. L'obbligo di progetto nel caso in cui rientrasse < locale ad uso estetico > era per mè scontato , ma hai fatto bene a menzionarlo . :ok:

Re: Centro estetico

MessaggioInviato: 12 ott 2012, 18:56
da marco61
CGIUSEPPE61 ha scritto:ma che mi si venga a dire che la sostituzione di un differenziale riclassifichi il locale nonlo capisco

Su che base viene sostituito un differenziale da classe AC a classe A?
A questo punto se era un locale uso estetico senza apparecchiature con parti applicate perché deve essere sostituito il differenziale? un classe AC va più che bene

Re: Centro estetico

MessaggioInviato: 12 ott 2012, 19:24
da CGIUSEPPE61
A questo punto se era un locale uso estetico senza apparecchiature con parti applicate perché deve essere sostituito il differenziale? un classe AC va più che bene


Scusa Foto Utentemarco61 , ribadisco sul fatto che la sostituzione del differenziale non comporta la riclassificazione del locale, il differenziale con quella caratteristica ( classe A ) poteva anche essere installato in un locale di tipo 0 con apparecchiature elettroniche in uso come PC, UPS o altro.

Saluti.

Re: Centro estetico

MessaggioInviato: 12 ott 2012, 20:00
da marco61
Ok, c'è però da vedere che tipo di intervento esegue e come si diceva prima, l'impianto è sottoposto ad obbligo di progetto.