Pagina 2 di 2

Re: DI.CO.

MessaggioInviato: 12 giu 2013, 20:24
da serting
Pierluigi2002 ha scritto:Allora "ragazzi" se nella mia risposta vi è un po' di confusione, non ve la prendete con me, scrivete alla GEWISS, ho solo fatto il copia incolla della nota che appare, andando con il mouse sopra la voce"Altro" del software GW37/08.

Scusa, ma i porgrammi non vanno utilizzati in modo automatico , quando progettiamo o realizziamo gli impianti non possiamo e dobbiamo essere in "balia" dei vari software.

Re: DI.CO.

MessaggioInviato: 12 giu 2013, 20:29
da Pierluigi2002
Serting ha scritto:
Scusa, ma i porgrammi non vanno utilizzati in modo automatico , quando progettiamo o realizziamo gli impianti non possiamo e dobbiamo essere in "balia" dei vari software.


Infatti io non lo uso, ripeto ho fatto il copia incolla.

Re: DI.CO.

MessaggioInviato: 12 giu 2013, 20:43
da Pierluigi2002
Rileggendo con calma e attenzione il mio post N. 8,
Altro: tale opzione tratta tutta una serie di operazioni non rientranti nelle altre casistiche previste


Questo mi sembra ok

ma che sono comunque regolate dal DM 37/08.

Anche questo OK


intesa come installazione di un elettrodomestico effettuata direttamente sull’impianto senza l’interposizione di una presa a spina.

Analizzando questo passaggio mi sembra OK, pensateci bene.

è anche il caso della manutenzione ordinaria, la quale è da intendersi come la sostituzione di un componente di impianto (avariato, danneggiato, ecc.) con un altro di identiche caratteristiche elettriche.


Che la M.O. non necessiti di rilasciare la DI.CO. non mi vieta neppure a rilasciarla per il lavoro che vado a eseguire


Tutto sommato mi sembra ok

Re: DI.CO.

MessaggioInviato: 12 giu 2013, 20:43
da angus
L'installazione di un MTD (se non è manutenzione ordinaria o straordinaria) rientra in "trasformazione".
Cito la norma CEI 0-3
Per trasformazione di un impianto si intende la realizzazione di sue modifiche
dovute ad uno, o più, dei seguenti motivi:
...
applicazione di prescrizioni di sicurezza (per quanto non rientra negli interventi
di manutenzione ordinaria e straordinaria), quali ad esempio la realizzazione
dell’impianto di terra o l’installazione di dispositivi di protezione (interruttori
differenziali, interruttori automatici o fusibili) coordinati con l’impianto di terra;


Sempre la stessa norma riporta un "chiarimento":
Per adeguamento di un impianto si intendono gli interventi, finalizzati al rispetto
delle prescrizioni della Legge n.46 del 12 marzo 1990, sugli impianti già realizzati
alla data della sua entrata in vigore; essi si devono intendere, secondo i casi,
come interventi di nuovo impianto, di trasformazione, di ampliamento o di ma-
nutenzione straordinaria.
Con il termine “altro” riportato nella 12a riga del modello predisposto dal
M.I.C.A. si intende l’adeguamento, alle prescrizioni indicate nell’ultimo paragrafo
del comma 8 dell’articolo 5 del DPR 447/91, degli impianti già realizzati alla data
di entrata in vigore della Legge 46/90.

Per completezza incollo anche l'ultimo paragrafo dell'art. 5 comma 8 del DPR 447/91 (abrogato dalla 37/08)
Si considerano comunque adeguati gli impianti elettrici
preesistenti che presentino i seguenti requisiti: sezionamento e protezione contro le sovracorrenti, posti
all'origine dell'impianto, protezione contro i contatti diretti, protezione contro i contatti indiretti o
protezione con interruttore differenziale avente corrente differenziale nominale non superiore a 30 mA.


Saluti

Re: DI.CO.

MessaggioInviato: 12 giu 2013, 20:52
da serting
L'installazione di un interruttore automatico differenziale rientra in una trasformazione solo se installato a protezione di un circuito a seguito di un incremento di potenza, se installato a seguito di un nuovo circuito ci troviamo di fronte ad un ampliamento , vi invito a leggere il mio primo post sull'argomento , a mio avviso è esaustivo.

Re: DI.CO.

MessaggioInviato: 12 giu 2013, 20:56
da angus
serting ha scritto:L'installazione di un interruttore automatico differenziale rientra in una trasformazione solo se installato a protezione di un circuito a seguito di un incremento di potenza

Giusto. ma toglierei quel "solo". Ci sono altri casi. Ti invito a leggere la definizione di "Trasformazione" (ne ho incollato un pezzo sopra)
serting ha scritto:se installato a seguito di un nuovo circuito ci troviamo di fronte ad un ampliamento , vi invito a leggere il mio primo post sull'argomento , a mio avviso è esaustivo.

Corretto.

Re: DI.CO.

MessaggioInviato: 12 giu 2013, 21:05
da serting
angus ha scritto:
serting ha scritto:L'installazione di un interruttore automatico differenziale rientra in una trasformazione solo se installato a protezione di un circuito a seguito di un incremento di potenza

Giusto. ma toglierei quel "solo". Ci sono altri casi. Ti invito a leggere la definizione di "Trasformazione" (ne ho incollato un pezzo sopra)
serting ha scritto:se installato a seguito di un nuovo circuito ci troviamo di fronte ad un ampliamento , vi invito a leggere il mio primo post sull'argomento , a mio avviso è esaustivo.

Corretto.

:ok: