Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Vintage... che passione!

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

1
voti

[181] Re: Vintage... che passione!

Messaggioda Foto Utenteelettroigor » 25 set 2015, 20:48

O_/
rps20150925_204132.jpg
rps20150925_204301.jpg
Avatar utente
Foto Utenteelettroigor
2.038 5 12
Expert free
 
Messaggi: 736
Iscritto il: 22 gen 2011, 0:02

0
voti

[182] Re: Vintage... che passione!

Messaggioda Foto Utentespeedyant » 25 set 2015, 21:17

Sembrano dei "centralini"...
Valgono anche torni e simili funzionanti ed operativi?
Son quello delle domande strane!
Avatar utente
Foto Utentespeedyant
3.591 3 6 8
Master
Master
 
Messaggi: 2494
Iscritto il: 9 lug 2013, 18:29
Località: Torino

4
voti

[183] Re: Vintage... che passione!

Messaggioda Foto UtenteGuidoB » 2 ott 2015, 0:49

Ecco il Supertester ICE 680E, uscito nel 1966, che fu di mio Padre, che conservo e ogni tanto uso tuttora.

È uno strumento costruito per durare. Infatti dopo 49 anni funziona ancora benissimo.

Tanti anni fa, credo per un colpo, si era stortato l'indice, che così andava a strisciare a metà scala e non permetteva più di fare misure affidabili.
Allora io, ancora ragazzo, di nascosto da Papà avevo aperto il tester, e a rischio di romperlo avevo raddrizzato l'indice. Era tornato a funzionare perfettamente.

IMGP0065o.JPG
Il tester di Papà nel suo astuccio

Ecco la pubblicità, dalla seconda pagina di questa rivista del 1967, con le sue caratteristiche e il prezzo (10500 lire di allora).

Pubblicita.png
Pubblicità del Supertester ICE 680E - 1966 (clic per ingrandire e leggere)

All'interno ho sostituito la pila "torcetta" zinco-carbone da 3 V, per lungo tempo irreperibile (ora invece si trova), necessaria per misurare le resistenze, con una pila ER14505 al litio-cloruro di tionile da 3,6 V.
La maggiore tensione non dà alcun fastidio. Basta regolare il fondo scala con l'apposito potenziometro, come si deve fare sempre prima di misurare una resistenza.
Ho collegato i terminali saldabili della pila alle saldature delle molle originali in bronzo fosforoso (materiale specificato sul manuale).
Si potrebbe utilizzare anche la versione senza terminali saldabili, predisponendo un portapile formato stilo (AA) nell'abbondante spazio disponibile.
Questa pila al litio-cloruro dura almeno dieci anni, dà una tensione molto più stabile e non perde elettrolita.

Si può costruire anche un adattatore per pile al litio CR123A, oppure inserire nello spazio prima occupato dalla pila da 3 V un portapile a 2 posti per pile alcaline ministilo (AAA), più facili da reperire, e collegarlo con due fili alle saldature delle molle portapila originali.

Si notano all'interno le resistenze di precisione allo 0,5% e 1%, saldate a mano, ancora senza circuito stampato.

IMGP0063o.JPG
L'interno del tester

IMGP0064o.JPG
I puntali

IMGP0066o.JPG
Il manuale

Qui la risposta che avevo dato in altro thread a Foto Utentemicter, che ha lo stesso tester, anch'esso appartenuto a suo padre, e che desidera restaurarlo.
In quella risposta ho inserito qualche informazione in più riguardo alla riparazione.
Big fan of ƎlectroYou!
Avatar utente
Foto UtenteGuidoB
14,6k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2261
Iscritto il: 3 mar 2011, 16:48
Località: Madrid

1
voti

[184] Re: Vintage... che passione!

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 7 ott 2015, 0:14

Questo specie di portafusibile è sicuramente "vintage", ma non so cosa sia in realtà. Si trova all'interno di una scatola di derivazione, protetta da uno sportellino metallico. I fili dei cavi sono metallici, piuttosto spessi, e ricoperti da una guaina in tela (o roba del genere). E' situato nel corridoio di un condominio, a piano terra, in corrispondenza dell'accesso ad uno degli appartamenti. L'edificio è stato costruito nel 1950 circa.
Quando avrò tempo, proverò a controllare se nei contatti c'è tensione elettrica, e di che tipo.
Allegati
portafusibile 02.jpg
Potrebbe essere un portafusibile?
portafusibile 01.jpg
Potrebbe essere un portafusibile?
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
2.833 2 3 6
Master
Master
 
Messaggi: 1209
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

1
voti

[185] Re: Vintage... che passione!

Messaggioda Foto UtenteStefanoSunda » 7 ott 2015, 11:55

Potrebbe essere un porta fusibile?
Sì, sono i fusibili di protezione che si metteva dopo il contatore. Per sostituire il fusibile bisognava svitare il tappo dal supporto, poi si doveva svitare il coperchietto finale, li si trovava il filo di piombo da sostituire se lo si trovava fuso. Per togliere tensione bastava solamente svitare i tappi. In quel periodo si usavano anche i portafusibili a tabacchiera vedi post 167. :D
Avatar utente
Foto UtenteStefanoSunda
2.282 3 6 10
Master
Master
 
Messaggi: 1554
Iscritto il: 16 set 2010, 19:29

0
voti

[186] Re: Vintage... che passione!

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 7 ott 2015, 13:31

Grazie per le informazioni. Da quello che dici, i cavi dovrebbero essere quelli in uscita dal contatore condominiale (l'unico che si trova nei paraggi) e potrebbero ancora essere attivi (anche se qualcosa non quadra nei collegamenti: se i fusibili sono due, presumibilmente per la fase e per il neutro, perché ci sono solo 3 cavi, e uno dei morsetti non è collegato?). Proverò a controllare.
Ultima modifica di Foto Utentemir il 7 ott 2015, 15:39, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: eliminarto quote inutile.
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
2.833 2 3 6
Master
Master
 
Messaggi: 1209
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

1
voti

[187] Re: Vintage... che passione!

Messaggioda Foto Utentemir » 7 ott 2015, 15:42

Franco012 ha scritto:...perché ci sono solo 3 cavi, e uno dei morsetti non è collegato?

perché immagino (ammesso che siano attivi i conduttori) si è preferito utilizzare un solo fusibile per proteggere la sola fase, o meglio solo un conduttore ... ma a giudicare dallo stato dei conduttori e del protafusibili non direi siano attivi ...almeno spero ...
Avatar utente
Foto Utentemir
60,2k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20229
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

0
voti

[188] Re: Vintage... che passione!

Messaggioda Foto Utentemir » 17 ott 2015, 18:59

Rispolverando alcuni contenitori nel box,è spuntata fuori questa credo "cassettina di derivazione"telefonica, dal marchio vintage SIP ... :D
mi ha sorpreso l'ottimo stato delle due barrette di collegamento nonostante il tempo e il luogo di conservazione non proprio il massimo... :cool:
SIP.jpg
Avatar utente
Foto Utentemir
60,2k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20229
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

1
voti

[189] Re: Vintage... che passione!

Messaggioda Foto UtenteStefanoSunda » 28 ott 2015, 19:57

Impianto vintage, come si eseguiva tanto tempo fa.
Avatar utente
Foto UtenteStefanoSunda
2.282 3 6 10
Master
Master
 
Messaggi: 1554
Iscritto il: 16 set 2010, 19:29

5
voti

[190] Re: Vintage... che passione!

Messaggioda Foto Utentepoggioventoso » 30 ott 2015, 20:04

Ogni tanto qualche conoscente amico che intende disfarsi di apparecchiatura obsoleta mi contatta "rifilandomi" delle autentiche chicche.
Questa volta, in mezzo ad altri strumenti, c'era un raro dinosauro ( quanti mai ne avrà venduti la HP ) un 4191A Impedance Analyzer.
Ho il vizio di tentare sempre e comunque una riparazione e in questo caso è stato sufficiente intervenire sull'alimentatore, saldature fredde su un 7815 e sostituire le batterie della memoria, due stilo della General Electric.
Non saprei dire se il vintage sono le batterie o lo strumento stesso ... :D
Certo che certi strumenti, sotto il vestito, sono sempre uno spettacolo.

dsc_0150.jpg
Allegati
dsc_0146.jpg
Avatar utente
Foto Utentepoggioventoso
450 1 2 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 120
Iscritto il: 18 ago 2014, 18:27

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 52 ospiti