Pagina 1 di 30

Vintage... che passione!

MessaggioInviato: 22 giu 2013, 17:40
da attilio
Apro questa discussione nella sezione "Impianti elettrici e quadristica", tuttavia mi riservo di spostarla altrove, magari nella sezione "Annunci/prodotti" o in "Off Topic".

E' un argomento forse un po' insolito, non si tratta infatti di ricercare prodotti commercializzabili per ricreare quelle atmosfere "vintage", degli impianti elettrici di una volta; si tratta piuttosto di vedere cosa riusciamo a condividere dei dispositivi impiantistici, ad uso residenziale e non, penso infatti anche al settore industriale, agli apparati delle cabine di trasformazione e quant' altro, che abbiano ormai fatto il loro tempo.

Spesso capita, in rifacimenti e ristrutturazioni o semplicemente in manutenzioni straordinarie, di imbattersi i componentistica demodè.
Non sempre purtroppo, i dispositivi si presentano in buono stato, ma questo è più che normale.
Per questo motivo, di tanto materiale smontato, raramente ho mai conservato nulla.
Di recente però, ho modificato questa filosofia, del resto l'usura del tempo ha il fascino che assumono le rughe in una donna quarantenne o più :mrgreen:

Preciso, che "vintage" è un aggettivo molto soggettivo, si fa quel che si può, o meglio, si fa quel che si trova... Non sono tipo che gira per le fiere in cerca di pezzi rari.
Oggetti quasi privi di parti plastiche, dove ad isolare le parti attive ci pensava ancora la porcellana o altri materiali simili.

Lo scopo della discussione, tuttavia, era di coinvolgere eventuali altri utenti, che condividano questa "ammirazione" [*] verso filosofie costruttive degli anni passati, ora improponibili, e di coinvolgerli, se vogliono e se possono, ad inserire in coda, anche i loro contributi.
Segnalo quindi quanto scritto a chi credo possa essere interessato, Foto Utente6367, Foto Utentemagoxax, Foto Utenteelettrodomus, Foto UtenteMassimoB, Foto UtentePierluigi2002, Foto Utenteelettro, Foto Utentemaxxy, Foto UtenteElectro, Foto UtenteCandy, Foto UtenteCGIUSEPPE61, Foto Utentesebago, Foto Utentenunziato, Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentemir... e ovviamente a tanti altri ancora che in questo momento mi sfuggono ;-)

Purtroppo posso iniziare solo con due esempi, smontati la settimana scorsa in un box, con impianto risalente a circa 30/35 anni fa.

Interruttore unipolare a parete, Molveno, 10 A - 380 V.

DSC04662_800x600.JPG
DSC04662_800x600.JPG (62.85 KiB) Osservato 11347 volte

Nella sua calotta di protezione esterna

DSC04664_800x600.JPG
DSC04664_800x600.JPG (74.42 KiB) Osservato 11347 volte

Collegamento elettrico in doppio filo di rame, fra il contatto di chiusura e il morsetto di collegamento.

DSC04665_800x600.JPG
DSC04665_800x600.JPG (67.88 KiB) Osservato 11347 volte


DSC04666_800x600.JPG
DSC04666_800x600.JPG (68.11 KiB) Osservato 11347 volte

Il tasto è vincolato ai profilati metallici che fungono anche da ancoraggio delle viti della calotta, lo stesso è realizzato con un dentello che agisce su un bilanciere in rame che apre o chiude il contatto elettrico, con distanza di separazione superiore ai 5mm.

Interruttore/Deviatore unipolare in supporto con graffe AVE, 6 A - 250 V

DSC04661_800x600.JPG
DSC04661_800x600.JPG (61.29 KiB) Osservato 11347 volte

Interruttore con placca con graffe di fissaggio

DSC04669_800x600.JPG
DSC04669_800x600.JPG (74.06 KiB) Osservato 11347 volte

Particolare del frutto, con il polo centrale comune alle due uscite

DSC04670_800x600.JPG
DSC04670_800x600.JPG (57.97 KiB) Osservato 11347 volte

Particolare del bilanciere

DSC04673_800x600.JPG
DSC04673_800x600.JPG (65.97 KiB) Osservato 11347 volte

Isolamento in porcellana


Personalmente, degli interruttori sopra inseriti, apprezzo i dettagli costruttivi e la semplicità della meccanica.
Ovviamente, il numero di manovre meccaniche, ha il suo collo di bottiglia nelle parti più delicate, come le saldature sul bilanciere ad esempio (deviatore AVE).

[*] Ovviamente è possibile che determinati oggenti vintage, siano delle ciofeche a livello costruttivo, quindi ogni eventuale commento è ben gradito.

Saluti

Re: Vintage... che passione!

MessaggioInviato: 22 giu 2013, 18:56
da elettro
>>> Bello..hai fatto bene a postare...l'isolamento in porcellana lo vorrei vedere anche in apparati moderni come i megakiter o megabreaker...

Re: Vintage... che passione!

MessaggioInviato: 22 giu 2013, 19:55
da nunziato
Ho un paio di vecchi interruttori da quadro, appena ho qualche minuto di tempo faccio le foto e le posto

Re: Vintage... che passione!

MessaggioInviato: 22 giu 2013, 21:16
da MassimoB
Sarà mia premura il prima possibile postare qualche foto che credo interessante, grazie Foto Utenteattilio

Re: Vintage... che passione!

MessaggioInviato: 23 giu 2013, 10:12
da mir
Attilio ha scritto:a chi credo possa essere interessato, ... Foto Utentemir...

centro ... :D ... complimenti Foto Utenteattilio per l'interessante idea, dai testi tecnici ai dispositivi in genere ho sempre provato interesse e curiosità per il vintage. :ok:
le tue immagini mostrano dipositivi in buono stato, pertanto conservali bene ;-)
guardando in giro ho trovato anch'io qualcosina di vintage, e la posto nel suo pieno splendore .... :mrgreen:

lampada ad incandescenza.JPG
lampada ad incandescenza.JPG (12.23 KiB) Osservato 11247 volte


scherzi a parte,al momento posto un'immagine di una "massiccia" presa monofase, da esterno by palazzoli sufficientemente datata (anche se credo di averl agià postat tempo fa..)

presa palazzoli 1.JPG
presa palazzoli 1.JPG (14.11 KiB) Osservato 11247 volte

presa palazzoli 2.JPG
presa palazzoli 2.JPG (14.82 KiB) Osservato 11247 volte

presa palazzoli 3.JPG
presa palazzoli 3.JPG (18.5 KiB) Osservato 11247 volte

presa palazzoli 4.JPG
presa palazzoli 4.JPG (15.62 KiB) Osservato 11247 volte

frutto int.presa palazzoli 4.JPG
frutto int.presa palazzoli 4.JPG (15.68 KiB) Osservato 11247 volte

presa palazzoli 5.JPG
presa palazzoli 5.JPG (22.49 KiB) Osservato 11247 volte


..bei tempi quelli della "porcellana" ... :mrgreen:

Re: Vintage... che passione!

MessaggioInviato: 23 giu 2013, 12:02
da StefanoSunda
100_0399 (800x600).jpg
Fotografia scattate oggi, forse la marca è vimar - c'era poco spazio, se no l'avrei pulita dalla pittura.
100_0399 (800x600).jpg (195.79 KiB) Osservato 11216 volte

Re: Vintage... che passione!

MessaggioInviato: 23 giu 2013, 12:17
da lillo
foto di quadri di alta potenza, quelli in marmo per intenderci

http://www.electroyou.it/m_dalpra/wiki/ ... i-dinamici

Re: Vintage... che passione!

MessaggioInviato: 23 giu 2013, 17:38
da StefanoSunda
oggi una speciale tecnologia che usa quadri in marmo (in marmo granitico ad alto spessore per la precisione), io l'ho vista chi altro la conosce ???

Il sottoscritto! Sul pannello di marmo vi erano montati degli interruttori di potenza Ticino con cartucce a tappo, calotte bachelite nera, on off verde rosso. E ancora: Sezionatori a leva, grossolani, con protezione cartone presman. Gli avevo visto nell’ospedale civile di Cagliari.

Re: Vintage... che passione!

MessaggioInviato: 23 giu 2013, 19:51
da DarwinNE
Io uso quasi tutti i giorni dei tavoli ottici in marmo, per allineare lenti e cose del genere. In realtà stanno andando un po' in disuso perché esistono soluzioni più leggere. Ricordo una volta che abbiamo spostato praticamente a mano un tavolo di questo tipo: scivolandoci di mano, ha spezzato di netto un gradino di una rampa di scale. Per fortuna, non c'era nessuno con il piede sotto!

Bella questa discussione, guardo sempre molto volentieri le foto dei componenti storici! :ok:

Re: Vintage... che passione!

MessaggioInviato: 24 giu 2013, 22:05
da nunziato
Primo esemplare di interruttore magnetotermico.
Dovrebbe eesere fina anni '60 ma non ne sono sicuro.
Quando è stato sostituito circa cinque anni fa funzionava ancora.
1 fronte.jpg
1 fronte.jpg (56.65 KiB) Osservato 7462 volte
2 retro.jpg
2 retro.jpg (51.55 KiB) Osservato 7462 volte
2a particolare retro.jpg
2a particolare retro.jpg (38.22 KiB) Osservato 7462 volte
3 interno.jpg
3 interno.jpg (52.27 KiB) Osservato 7462 volte


Si noti sul retro la possibilità di inserire degli shunt e il morsetto per il collegamanto "a terra", la carcassa infatti è metallica; all'interno la rotellina per tarare la corrente nominale ed infine l'utilizzo della ceramica come isolante.