Pagina 1 di 3

progetto esecutivo, definitivo e preliminare

MessaggioInviato: 13 gen 2014, 14:08
da etec83
Prima di procedere con i lavori, in un contesto in cui è ovviamente obbligatoria la redazione di un progetto, è sempre necessario redarre un progetto esecutivo, o si può procedere anche con un progetto definitivo o preliminare?
Nel senso la scelta di redarre uan tipologia di progetto piuttosto che un'altra deriva da qualche norma o deriva unicamente da scelte personali?
Mi riferisco più specicatamente a lavori privati, non pubblici.

Re: progetto esecutivo, definitivo e preliminare

MessaggioInviato: 13 gen 2014, 14:19
da rosino
Direi dalla lettera di incarico.

Re: progetto esecutivo, definitivo e preliminare

MessaggioInviato: 13 gen 2014, 15:01
da nollo
Il progetto elettrico non è obbligatorio per qualsiasi tipo di impianto.
La necessità o meno di seguire tutte e tre le fasi di progetto variano dal tipo e dal valore del progetto e del relativo impianto.
Credo che il Decreto Ministeriale 37 del 2008 dia più o meno tutte le informazioni a riguardo.

Re: progetto esecutivo, definitivo e preliminare

MessaggioInviato: 13 gen 2014, 15:41
da paolo a m
nollo ha scritto:Il progetto elettrico non è obbligatorio per qualsiasi tipo di impianto.

Non è corretto. Il progetto è sempre obbligatorio (DM 37/08 comma 1 dell'art. 5). La discriminate riguarda chi deve redigere il progetto: da un professionista iscritto negli albi professionali secondo la
specifica competenza tecnica per i casi indicati al successivo comma 2, mentre, negli altri casi, il
progetto è redatto dal responsabile tecnico dell'impresa installatrice.
nollo ha scritto:La necessità o meno di seguire tutte e tre le fasi di progetto variano dal tipo e dal valore del progetto e del relativo impianto.Credo che il Decreto Ministeriale 37 del 2008 dia più o meno tutte le informazioni a riguardo.

Il DM 37/08 dice solo che i progetti sono elaborati secondo la regola dell'arte e rimanda allo scopo alle norme UNI e CEI. Nello specifico, per quanto riguarda il progetto degli impianti elettrici, vale la Guida CEI 0-2 "Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici"

Re: progetto esecutivo, definitivo e preliminare

MessaggioInviato: 13 gen 2014, 15:48
da carlone
Sono in accordo con Paolo sull'obbligo della redazione di elaborati individuati con la parola "Progetto" (che prima del DM 37 quando non ci stava l'obbligo di redazione da parte di un professionista si chiamava "Schema"), per quanto riguarda il livello del progetto invece (preliminare, definitivo, esecutivo), concordo 100% con Rosino, dipende dalle richieste dell'incarico (chiaramente in ambito privato).

Re: progetto esecutivo, definitivo e preliminare

MessaggioInviato: 13 gen 2014, 15:50
da rosino
Anche in ambito pubblico.
A noi in tal senso sono stati commissionati progetti sia in fase preliminare che esecutiva e/o definitiva.

Re: progetto esecutivo, definitivo e preliminare

MessaggioInviato: 13 gen 2014, 17:29
da Mike
Nel pubblico c'è una legge ad hoc (ex Merloni) per cui è tutto definito e i passaggi sono:
- preliminare
- definitivo
- esecutivo

Nel privato non c'è una legge ad hoc ma il DM 37/08 rimanda il tutto alle norme e GUIDE CEI, di conseguenza la CEI 0-2 diventa requisito di legge.
Dopo di che il committente può incaricarti solo del preliminare, del definitivo, dell'esecutivo, della DLL, del collaudo, ecc., il tutto viene stabilito nella lettera d'incarico.

Re: progetto esecutivo, definitivo e preliminare

MessaggioInviato: 13 gen 2014, 18:21
da ferri
Normalmente il progetto preliminare serve a:
- definire la fattibilità dell'opera (esempio banale; ho 100 forniture in BT da 3 kW... in una palazzina e non mi interfaccio con ente fornitore... non è scontato che al momento della realizzazione abbia disponibili le forniture stesse..dato che Enel o chi per lei non ha disponibile tale potenza. Mi serve zona per realizzare apposito vano da cedere ad Enel, per la cabina di trasformazione;)
- definire un costo "grossolano" dell'opera
- attivare i vari ITER con la pubblica amministrazione (permessi di costruire ed altro)
- definire i limiti di batteria e le caratteristiche degli impianti con il committente
- cominciare a combattere con l'architettonico per gli spazi tecnici, i cavedi e le soluzioni impiantistiche che impatteranno poi sulla struttura dell'edificio (ho visto casi assurdi, esempio impianti previsti in c/soffitto in strutture in acciaio/laterizio; peccato che fra travi - travetti - traverse e varie lo spazio utile nello stesso era di 30 cm e si aveva la pretesa di realizzare impianto con aria primaria
- definire quantomeno un albero delle potenze in modo da capire che sistema di distribuzione e la tipologia della stessa (anche a w/m² in via preliminare), reperendo nel contempo i dati di progetto da altri professionisti (quanti kW per impianto cdz, che tipologia di produzione del calore) che impatteranno in maniera importante sull'impianto elettrico


Fare un costruttivo o definitivo allo scopo di cui sopra è buttare soldi e risorse, magari poi l'edificio non si realizza nemmeno.

Realizzare impianti con un progetto preliminare senza incaricare professionista o lasciare tutto in mano all'installatore dell'opera che chiama il suo professionista di fiducia a opere quasi concluse.. "ho finito l'infilaggio vieni che vediamo lo schema del quadro") è, secondo me ad oggi da pazzi.
Poi si chiama il post-gettista, o timbrificatore che forse sistema tutto, ma:
a) i costi dell'opera sono variabili alla 3a potenza
b) le prestazioni dell'impianto saranno forse già scarse
c) l'installatore si trova in torto in caso di contestazione (vedi caratteristiche del progetto definitivo o esecutivo nella CEI 0-2)

che poi alcuni progetti "spacciati come definitivi" sono molto simili ad un preliminare.. questa è un'altra questione

Re: progetto esecutivo, definitivo e preliminare

MessaggioInviato: 13 gen 2014, 19:00
da Mike
ferri ha scritto:Fare un costruttivo o definitivo allo scopo di cui sopra è buttare soldi e risorse, magari poi l'edificio non si realizza nemmeno.

che poi alcuni progetti "spacciati come definitivi" sono molto simili ad un preliminare.. questa è un'altra questione


:ok:

Re: progetto esecutivo, definitivo e preliminare

MessaggioInviato: 13 gen 2014, 19:55
da etec83
Credo di essermi spiegato male io, il punto della mia domanda era fondamentalmente un altro.

Un progetto preliminare o definitivo può bastare al fine di eseguire dei lavori?
O è sempre necessario per forza un progetto esecutivo?

Sarei propenso per il "no, ovviamente è sempre necessario un progetto esecutivo".

Ma volevo sapere se in ambito privato, ciò fosse regolato da qualche legge.