Pagina 1 di 1

Tensione 230 V concatenata

MessaggioInviato: 8 apr 2014, 20:23
da mrossi
Buonasera

avrei un paio di domande

1) negli impianti di distribuzione a 230 V concatenata si applicano gli stessi concetti dell'impianto di terra validi per la classica distribuzione fase - neutro a 230V?

2) ho letto su questo forum che in passato esisteva (almeno qui in Italia) solo la distribuzione bifase a 220 V, quindi due fasi con tensione verso terra pari a circa 127 V... però siccome esistevano due circuiti, 220 V per la forza e 127 V per le luci (e alcune prese per apparecchi a 127 V), come facevano a ottenere 127 V? dovevano per forza prevedere un cavo di neutro, da portare alle prese assieme ad una delle fasi?

Re: tensione 230 V concatenata

MessaggioInviato: 8 apr 2014, 20:41
da attilio
1) Sì
2) Sì

Re: tensione 230 V concatenata

MessaggioInviato: 8 apr 2014, 21:06
da mrossi
ok grazie Foto Utenteattilio, era come pensavo... :ok:

un'altra cosa volevo chiedere già che ci siamo: dopo che ci fu il passaggio da 230V bifase a 230 V monofase come sono stati adattati i vecchi impianti?

ti dico la mia ipotesi, non so se poi corrisponda o meno alla realtà:

- per il vecchio circuito bifase, un cavo è rimasto fase e l'altro è stato portato a neutro
- per il vecchio circuito luci - prese 127 V, cablaggio invariato rispetto a prima

Re: Tensione 230 V concatenata

MessaggioInviato: 8 apr 2014, 21:52
da soltec
mrossi ha scritto:ok grazie Foto Utenteattilio, era come pensavo... :ok:

un'altra cosa volevo chiedere già che ci siamo: dopo che ci fu il passaggio da 230V bifase a 230 V monofase come sono stati adattati i vecchi impianti?

ti dico la mia ipotesi, non so se poi corrisponda o meno alla realtà:

- per il vecchio circuito bifase, un cavo è rimasto fase e l'altro è stato portato a neutro
- per il vecchio circuito luci - prese 127 V, cablaggio invariato rispetto a prima


Allora i casi sono due:

1)Trasformazione degli impianti da distribuzione trifase 220 V + neutro in distribuzione trifase 380 + neutro quindi unico contatore Fase Neutro

2) Eliminazione della 125 V collegando unico contatore a due fasi , quindi rimane solo la bifase a 220 V.

Qui a Roma ha funzionato così da mia esperienza

Re: Tensione 230 V concatenata

MessaggioInviato: 9 apr 2014, 20:55
da mrossi
grazie Foto Utentesoltec, per la parte fino al contatore mi torna, ma più che altro quello che mi domando è questo: a prescindere dai casi che hai citato, come è stato collegato un vecchio impianto a due circuiti (220 V e 127V) al contatore unico a seguito della modifica?

Re: Tensione 230 V concatenata

MessaggioInviato: 9 apr 2014, 22:04
da soltec
Non riesco a capire il tuo dubbio. Al tempo a casa mia per esempio vi erano i due contatori sotto sportello con vetro in apposita nicchia . Sotto vi erano i due automatici (quelli con bottone rosso e nero bollati nella parte superiore).
Quando fecero il cambio eliminarlo il contatore della 125 e il relativo automatico e le due linee le attaccarono sotto l'unico automatico rimasto.

Re: Tensione 230 V concatenata

MessaggioInviato: 10 apr 2014, 20:24
da mrossi
soltec ha scritto:Quando fecero il cambio eliminarlo il contatore della 125 e il relativo automatico e le due linee le attaccarono sotto l'unico automatico rimasto.


ok adesso che hai detto così mi torna tutto, il circuito a 220 V è rimasto tale mentre il 125 V è diventato anch'esso 220 V.

L'unica cosa è che non si potevano più usare le vecchie lampadine a 125 V :D