Pagina 1 di 1

503/504 che fungono da scatola di derivazione

MessaggioInviato: 8 mag 2015, 1:36
da bluefsun
Ciao amici,-

come alcuni sanno sono alla prese con un impiantino nuovo e pagato dai tanti problemi che sta finalmente "rientrando un po' in riga". La DICO è in arrivo, il margine per far riparare ad altre schifezze compiute è ormai strozzatissimo, ma restano comunque ancora alcune perplessità soggettive per le quali avere un confronto con professionisti mi è lo stesso molto utile (ed è a prescindere interessante!).

Come già discusso altrove, l'impiano (pur trattandosi di un piccolo trilocale) è in alcuni punti sottodimensionato (tubi e scatiole di derivazione), in particolare in cucina, che in sostanza è raggiunta da poco più di due tubi da 20. Ciò che ho ritrovato, sono alcune scatole portafrutti occupate da morsetti tipici delle scatole di dervizaione. In particolare in un 504 ci sono tre bipolari, una presa, tre morsetti più F/N/T passanti che escono altrove. La tubazione è ben demensionata (l'ho rifatta) ma il cassetto è davvero compresso, anche perché, per avere un minimo di mobilità, i cavi son stati tenuti un poco larghi.

A precindere dalla "buona pratica" che immagino sia ben diversa, è' così comune usare i cassetti come surrogati delle scatole di derivazione?
Fino a che punto una pratica del genere può ragionevolmente pregiudicare la sicurezza (chessò: un 503 con 8 morsetti e deviatore, presa, bipolare :lol: )?
Che soluzioni pratiche potrei adottare per dimagrire i due o tre 503/504 così compressi? (in punti non visibili potrei aggiungere un 504 subito sopra che funga da scatola di derivazione per contenere i morsetti, per esempio... ?

Grazie! O_/

Re: 503/504 che fungono da scatola di derivazione

MessaggioInviato: 8 mag 2015, 11:47
da ivano
ti conviene rompere il muro e mettere una scatola standard al posto delle 503.
eventualmente metti da parte anche una 503 nuova per le prese