Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

impianti condominiali

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] impianti condominiali

Messaggioda Foto Utentedavidex1914 » 2 mar 2016, 21:24

Salve,
mi sto interessando agli impianti elettrici di un fabbricato condominiale e devo innanzitutto valutare la corretteza di quelli esistenti.
Ho rilevato alcune cose che giudico scorrette o non perfettamente realizzate, come quelle di seguito indicate:

- derivazioni monofase da contatori trifase (di ascensore o autoclave)
- cavetteria dei quadri elettrici priva di tubetti terminali isolati
- portafrutti dei comandi e delle prese a parete metallici
- canaline e cassette esterne plastiche poste all'aperto e in ambienti scantinati, autorimessa, locale autoclave, locale caldaia, sala motore ascensore, prive dei raccordi a serarre
- lampade "appese" a soffitto o parete ai cavi di alimentazione (assenza di lampadari/applique)
- legature di cavi realizzate a mano attorcigliando i conduttori e rifinendo con nastro isolante
- cassette incassate con all'interno impianti a bassa tensione e a bassissima tensione non separati
- assenza di collegamento equipotenziale delle tubazioni metalliche
- più dispersori infissi in pozzetti diversi e non collegati fra di loro.

Le prescrizioni sulla corretta realizzazione, manutenzione e verifiche di tutti i diversi impianti a servizio del condomminio dove le posso trovare?
Grazie, attendo consigli, saluti.
Avatar utente
Foto Utentedavidex1914
0 4
 
Messaggi: 26
Iscritto il: 6 nov 2014, 13:59

0
voti

[2] Re: impianti condominiali

Messaggioda Foto Utenteandreandrea » 2 mar 2016, 21:49

Hai provato a guardare la guida CEI 64/100-1, oppure la guida CEI 64/14, la guida CEI 64/50, la norma CEI 64/8?
Scusa, non so essere più preciso e sicuramente qualcosa mi è sfuggito.
non è crollato solo un ponte, sta crollando una città
Avatar utente
Foto Utenteandreandrea
1.409 1 4 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 678
Iscritto il: 21 apr 2008, 13:26
Località: Genova

0
voti

[3] Re: impianti condominiali

Messaggioda Foto UtenteMike » 2 mar 2016, 22:53

- derivazioni monofase da contatori trifase (di ascensore o autoclave)

Può significare tutto e nulla. C'è una linea trifase derivata dal contatore trifase e in parallelo è stata derivata una derivazione monofase? Ci sono le protezioni in partenza? Il contatore trifase ha un dispositivo limitatore?

- cavetteria dei quadri elettrici priva di tubetti terminali isolati

Anche qui non si capisce. I cavi sono uipolari o cavi con guaina?

- portafrutti dei comandi e delle prese a parete metallici

I supporti vanno collegati a terra o ancora meglio sostituiti con analoghi in materiale plastico.

- canaline e cassette esterne plastiche poste all'aperto e in ambienti scantinati, autorimessa, locale autoclave, locale caldaia, sala motore ascensore, prive dei raccordi a serarre

Che tipo di cavi sono posati? L'autorimessa è soggetta al controllo dei VV.F.?

- lampade "appese" a soffitto o parete ai cavi di alimentazione (assenza di lampadari/applique)

Dove? Nell'autorimessa o nel vano scale?

- legature di cavi realizzate a mano attorcigliando i conduttori e rifinendo con nastro isolante

A vista o in scatola di derivazione?

- cassette incassate con all'interno impianti a bassa tensione e a bassissima tensione non separati

Che tensione di isolamento hanno i cavi?

- assenza di collegamento equipotenziale delle tubazioni metalliche

Quali tubazioni metalliche?

- più dispersori infissi in pozzetti diversi e non collegati fra di loro.

Il collettore di terra generale condominiale a quale di questi dispersori fa capo?

Le prescrizioni sulla corretta realizzazione, manutenzione e verifiche di tutti i diversi impianti a servizio del condomminio dove le posso trovare?

Se studi la norma CEI 64-8 trovi tutte le risposte.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,7k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14232
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[4] Re: impianti condominiali

Messaggioda Foto Utentedavidex1914 » 3 mar 2016, 21:25

Grazie per la risposta.
Vedo di precisare quanto possibile:

1) derivazioni monofase da contatori trifase (di ascensore o autoclave)

Può significare tutto e nulla. C'è una linea trifase derivata dal contatore trifase e in parallelo è stata derivata una derivazione monofase? Ci sono le protezioni in partenza? Il contatore trifase ha un dispositivo limitatore?

una linea trifase derivata dal contatore trifase e in parallelo è stata derivata una derivazione monofase, la linea trifase ha una protezione posta a più di tre metri. La monofase alimentava un quadretto per le illuminazioni condominiali posto a meno di tre metri. Il contatore ha il suo limitatore.


2) cavetteria dei quadri elettrici priva di tubetti terminali isolati

Anche qui non si capisce. I cavi sono uipolari o cavi con guaina?

I cavi sono unipolari. Io mi riferisco all'assenza dei tubetti terminali metallici per la connessione dei cavi ai morsetti degli interruttori.


3) canaline e cassette esterne plastiche poste all'aperto e in ambienti scantinati, autorimessa, locale autoclave, locale caldaia, sala motore ascensore, prive dei raccordi a serarre

Che tipo di cavi sono posati? L'autorimessa è soggetta al controllo dei VV.F.?

I cavi sono tutti unipolari. L'autorimessa è soggetta ai controlli dei VVF.


4) lampade "appese" a soffitto o parete ai cavi di alimentazione (assenza di lampadari/applique)

Dove? Nell'autorimessa o nel vano scale?

in alcuni locali tecnici, in magazzini, in vani scale che scendono nei seminterrati.


5) legature di cavi realizzate a mano attorcigliando i conduttori e rifinendo con nastro isolante

A vista o in scatola di derivazione?

Sia a vista nell'armadio contatori, sia nelle cassette.


6) cassette incassate con all'interno impianti a bassa tensione e a bassissima tensione non separati

Che tensione di isolamento hanno i cavi?

Non sono riuscito a verificarlo


7) assenza di collegamento equipotenziale delle tubazioni metalliche

Quali tubazioni metalliche?

Gas, acqua, antincendio


8) più dispersori infissi in pozzetti diversi e non collegati fra di loro.

Il collettore di terra generale condominiale a quale di questi dispersori fa capo?

Ho riscontrato che era realizzato un pozzetto/dispersonre per ogni corpo scala.

Grazie, saluti
Avatar utente
Foto Utentedavidex1914
0 4
 
Messaggi: 26
Iscritto il: 6 nov 2014, 13:59

2
voti

[5] Re: impianti condominiali

Messaggioda Foto UtenteMike » 4 mar 2016, 10:45

1) una linea trifase derivata dal contatore trifase e in parallelo è stata derivata una derivazione monofase, la linea trifase ha una protezione posta a più di tre metri. La monofase alimentava un quadretto per le illuminazioni condominiali posto a meno di tre metri. Il contatore ha il suo limitatore.

Se applico la norma in vigore CEI 0-21 deve esserci un unico circuito di collegamento tra il punto di consegna (contatore) e il Dispositivo Generale e il suo collegamento deve essere ridotto il più possibile, entro i 3 m.

2) I cavi sono unipolari. Io mi riferisco all'assenza dei tubetti terminali metallici per la connessione dei cavi ai morsetti degli interruttori.

Ah! Quelli che volgarmente vengono detti: puntali. Se non ci sono meglio, l'importante è che la connessione del conduttore al morsetto del interruttore sia opportunamente serrato e che il terminale del conduttore non abbia riduzioni di sezione.


3) I cavi sono tutti unipolari. L'autorimessa è soggetta ai controlli dei VVF.


Trattandosi di ambiente a maggior rischio in caso d'incendio le condutture e relative protezioni devono essere idonee per questi ambienti. Oltre a questo, i cavi unipolari possono essere posati solo su tubazioni/canalizzazioni chiuse, se metalliche devono essere collegate a terra e garantita la continuità.

4) in alcuni locali tecnici, in magazzini, in vani scale che scendono nei seminterrati.

Non devono essere presenti nell'autorimessa e nei magazzini, si possono tollerare nei locali non classificabili a maggior rischio in caso d'incendio.


5) Sia a vista nell'armadio contatori, sia nelle cassette.


Da rifare completamente con appositi morsetti e solo all'interno di scatole di derivazione.


6) Non sono riuscito a verificarlo

Se non è possibile verificare le tensione di isolamento e/o è inferiore a 300/500V vanno sostituiti o separati.

7) Gas, acqua, antincendio

Tubazione adduzione gas e da acquedotto (se metallici) sono masse estranee e vanno collegate a terra.

8)Ho riscontrato che era realizzato un pozzetto/dispersonre per ogni corpo scala.


Deve esserci un unico impianto di terra per tutto il fabbricato.

Consiglio:
- verifica straordinaria dell'impianto elettrico esistente da parte di professionista iscritto all'albo e competente
- farsi rilasciare relazione di verifica con riportate le difformità riscontrate e le priorità d'intervento
- se l'impianto verificato dovesse risultare idoneo senza interventi, se non di manutenzione ordinaria, vi fate rilasciare dal professionista la Dichiarazione di rispondenza ai sensi art. 7 comma 6 DM 37/08, oppure
- se l'impianto verificato ha necessità di interventi di manutenzione straordinaria, incaricate ditta qualificata che al termine dei lavori vi rilascia la Dichiarazione di Conformità che sarà un allegato della DIRI di cui sopra
- se l'impianto ha necessità di interventi di adeguamento non assimilabili a manutenzione straordinaria, fate redigere al professionista il progetto di adeguamento (trasformazione), a seguire incaricate ditta qualificata per l'esecuzione dei lavori e al termine vi rilascia la DICO.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,7k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14232
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[6] Re: impianti condominiali

Messaggioda Foto Utentedavidex1914 » 4 mar 2016, 18:07

Grazie mille.
I miei dubbi sulla bontà degli impianti sono stati confermati.
Ora apro la 64-8 e approfondisco.
Saluti
Avatar utente
Foto Utentedavidex1914
0 4
 
Messaggi: 26
Iscritto il: 6 nov 2014, 13:59

0
voti

[7] Re: impianti condominiali

Messaggioda Foto Utentedavidex1914 » 4 mar 2016, 22:22

Allora,
1) la distanza è abbastanza superiore a tre meteri, non ho potuto prendere misure, ma, verosimilmente, saranno approssimativamente 5 m

5) nell'armadio contattori ci sono contatori i cui cavi ammorsati, (anche di impianti connessi in parallelo fra loro), sono abbastanza corti e allacciati alla "montante" con attorcigliamenti effettuati a mano e rivestiti con nastro isolante. In alcune cassette murarie gli allacci erano realizzati in tal modo

Saluti
Allegati
DSC08017.jpg
Avatar utente
Foto Utentedavidex1914
0 4
 
Messaggi: 26
Iscritto il: 6 nov 2014, 13:59


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 31 ospiti