Pagina 1 di 1

Quadri distribuzione e automazione

MessaggioInviato: 17 lug 2016, 5:55
da electrocompa
A livello di carpenteria e involucro possiamo distinguere 2 macro categorie di quadri elettrici:
- formato modulare solitamente usati per la distribuzione, caratterizzati da profondità solitamente ridotta, struttura a pannelli e guida omega, apparecchiature in formato modulare
- quadri di automazione, solitamente usati nell'industria, disponibili in diverse profondità, con piastra di fondo e pannello frontale cieco in cui spesso vengono posizionati pulsanti, strumenti, manovre. All'interno vengono installate apparecchiature modulari e non solo.

Perché storicamente si sono sviluppati 2 sistemi così diversi di costruzione? Non è possibile convergere verso un unico sistema? Esistono apparecchiature (interruttori protezione motore), disponibili sia nel formato modulare che non: l'adozione di u unico sistema faciliterebbe anche la ricerca dei componenti

Re: Quadri distribuzione e automazione

MessaggioInviato: 17 lug 2016, 8:58
da Candy
Per i motivi che hai detto tu. Soprattutto profondità, abitudini e compatibilità. Se mai si dovesse migrare da qualche parte, si andrebbe sulla piastra di fondo libera, con disastro per i civilisti.
Non vedo il problema. La distribuzione dell'energia è cosa diversa dal comando e controllo di potenza con condizionamento del segnale.

Re: Quadri distribuzione e automazione

MessaggioInviato: 17 lug 2016, 10:39
da MASSIMO-G
I quadri sono tutti diversi in funzione del loro utilizzo e del materiale che vi è montato, un quadro power center segregato in forma 4b non puo essere uguale a un centralino da appartamento, il quadro di automazione è caratterizzato da apparecchiature che si montano su un pannello a fondo quadro (teleruttori , plc , ect.) che sono impossibili da posizionare su guida din in pannellino con taglio per modulari. Ogni quadro è diverso e non si possono omologare apparecchiature che non hanno nessuna affinità

Poi un quadro di distribuzione puo essere molto profondo (quadro power center accesso fronte retro con interruttori attacchi posteriori) oppure poco profondo (quadro accesso solo dal fronte , addossato a parete , interruttori attacchi anteriori)

In effetti è un discorso senza senso

Re: Quadri distribuzione e automazione

MessaggioInviato: 17 lug 2016, 18:17
da MASSIMO-G
Non avevo letto l'ultima frase del primo post, le apparecchiature modulari vanno bene per prestazioni modeste e quindi non si possono omologare ad apparecchiature che hanno ben altre caratteristiche. Un teleruttore modulare va bene per i piccoli usi domestici (AC-7a / AC-7b) non per comandare dei motori in AC-3, stesso discorso per interruttori o altro. Sono cose diverse e necessitano di diversa predisposizione