Pagina 1 di 3

Reazione al fuoco dei cavi Reg.UE 305/2011

MessaggioInviato: 7 dic 2016, 11:11
da BONANG
Segnalo la presenza nel sito del CEI di n. 5 inchieste pubbliche, con scadenza 7/1/2017, (visionabili gratuitamente), preparate dal CT 20 relative ai cavi ed inerenti la reazione al fuoco (Reg. EU 305/2011).
L'intento è di recepire nelle specifiche norme di prodotto quanto stabilito dal “Reg. CPR” in modo da aggiornare la CEI 20-13 (C. 1182) la 20-14 (C. 1183) e la 20-38 (C. 1184) nonché la tabella CEI UNEL 35011 (C.1185). Si attende ora l’indispensabile aggiornamento anche della Norma Impianti bt (CEI 64-8) soprattutto della sezione 527 e 751.
Ricordo che dal 1/7/2017 sarà obbligatorio utilizzare cavi marchiati CE e con la Dichiarazione di Prestazione (Dop) per tutti i cavi per energia,controllo e comunicazioni per installazioni permanenti negli edifici e nelle altre opere di ingegneria civile (es. abitazioni, edif. industriali e commerciali, uffici, ospedali, scuole, metropolitane ecc) immessi sul mercato.
Sullo argomento oltre a conoscere le Leggi cogenti è indispensabile visionare almeno: la Norma Europea UNI EN 13501-6 (4-2014), la CEI UNEL 35016 (8-2016) e la CEI EN 50575 (11-2015).
Le euroclassi codificate per i cavi sono n.4 e precisamente definite B2ca-s1a-d1-a1 - Cca-s1b-d1-a1 - Cca-s3-d1-a3 - Eca - con prestazioni di reazione al fuoco decrescenti.

Re: Reazione al fuoco dei cavi Reg.UE 305/2011

MessaggioInviato: 7 dic 2016, 15:02
da Mike
Che poi alla fine, commercialmente parlando, per i cavi di maggior uso, i produttori li realizzeranno conformi alla classe di reazione più severa.

Re: Reazione al fuoco dei cavi Reg.UE 305/2011

MessaggioInviato: 7 dic 2016, 17:42
da BONANG
Secondo la CEI UNEL 35016 nella Nota 1 alla tab 1 si afferma testualmente che i cavi della classe B2ca-s1a,d1,a1 sono stati inseriti per rispettare i requisiti indicati nel Reg. (UE) N. 1303/2014 relativo alla specifica tecnica di interoperabilità concernente la "sicurezza nelle gallerie ferroviarie" dell'Unione Europea.
Il D.M. 3/8/2015 "Norme Tecniche di prevenzione incendi" invece prevede per i cavi le tipologie (Tab. S.1-7) B2ca-s1,d0,a1 - Cca-s1,d0,a2 ed Eca che (per quanto mi risulta) attualmente non sono di immediata realizzazione per quanto riguarda la classificazione d0 (no gocciolamento/particelle infiammate).
Non so cosa decideranno i Costruttori di cavi comunque il mio parere è che i cavi "CPR" saranno a regime gli unici commercializzati (i citati progetti ad inchiesta pubblica prevedono sia cavi normali sia CPR) anche se i cavi non marchiati CE potranno comunque essere utilizzati in applicazioni differenti dalle costruzioni e per export al di fuori dell'Unione Europea.
Nella U.E è compito del singolo Stato Membro andare a definire le classi di reazione al fuoco nazionali opportune per le proprie tipologie di installazione. Le classi devono obbligatoriamente essere scelte tra quelle definite dalla Norma EN 13501-6 ed in Italia il CEI nella Norma 35016 ha codificato le sole n.4 tipologie che avevo segnalato nel primo messaggio del forum scegliendole dalle n.192 contemplate dalla UNI EN 13501-6.

Re: Reazione al fuoco dei cavi Reg.UE 305/2011

MessaggioInviato: 3 gen 2017, 10:43
da BONANG
A completamento della mia precedente segnalazione, sul sito del CEI alla pagina http://webstore.ceinorme.it/InchiestePu ... x?Tipo=CEI sono state pubblicate ulteriori inchieste pubbliche [con scadenza 20/01/2017] classificate da C 1186 a C 1197 relative a particolari caratteristiche di reazione al fuoco di cavi rispondenti al regolamento Prodotti da Costruzione (CPR).

Re: Reazione al fuoco dei cavi Reg.UE 305/2011

MessaggioInviato: 6 giu 2017, 18:23
da BONANG
Il CEI ha pubblicato la Norma CEI 64-8;V4 in data 2017-05 che contiene integrazioni della Sezione 527 e della Sezione 751 ai fini della realizzazione degli impianti elettrici destinati ad essere incorporati in modo permanente in opere di costruzione o in parti di esse (Regolamento UE 305/2011).
Da leggere con attenzione la nota riportata a piè pag.2 che ha dato adito a molti dubbi applicativi normativi.

Re: Reazione al fuoco dei cavi Reg.UE 305/2011

MessaggioInviato: 6 giu 2017, 19:30
da 6367
Mike ha scritto:Che poi alla fine, commercialmente parlando, per i cavi di maggior uso, i produttori li realizzeranno conformi alla classe di reazione più severa.


Non credo proprio. Le classi D ed F in Italia saranno trascurate ma non saranno tutti nelle A, B e C.
I cavi di maggior uso saranno nella E, qualcuno nella C.

Re: Reazione al fuoco dei cavi Reg.UE 305/2011

MessaggioInviato: 11 lug 2017, 10:30
da BONANG
In data 10/7/17 è stato pubblicato sulla G.U. Serie generale n. 159 il decreto legislativo 16/6/2017 n. 106 "Adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) n. 305/2011, che fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione e che abroga la direttiva 89/106/CEE".
Entra in vigore il 30/8/17.
Nel citato decreto vengono introdotte delle sanzioni per il costruttore, direttore lavori, direttore dell'esecuzione, il collaudatore ed il progettista dell'opera assai severe (ved. art. 20). Cambia inoltre completamente lo scenario sulle scadenze nell'impiego dei cavi non CPR in contrasto con la norma tecnica CEI 64-8 V4 del 2017-05.

Re: Reazione al fuoco dei cavi Reg.UE 305/2011

MessaggioInviato: 11 lug 2017, 12:57
da 6367
Resto dell'idea che il CEI sia andato oltre il suo ruolo di normatore.

Re: Reazione al fuoco dei cavi Reg.UE 305/2011

MessaggioInviato: 11 lug 2017, 13:48
da Mike
BONANG ha scritto:Cambia inoltre completamente lo scenario sulle scadenze nell'impiego dei cavi non CPR in contrasto con la norma tecnica CEI 64-8 V4 del 2017-05.


Ho letto il decreto ma non ho trovato traccia di questo, hai dei riferimenti?

Re: Reazione al fuoco dei cavi Reg.UE 305/2011

MessaggioInviato: 11 lug 2017, 17:07
da Goofy
Mike ha scritto:Ho letto il decreto ma non ho trovato traccia di questo, hai dei riferimenti?

Il decreto entra in vigore il 30/08/2017 e all'articolo 20 prevede che

1. Il costruttore, il direttore dei lavori, il direttore
dell'esecuzione o il collaudatore che, nell'ambito delle specifiche
competenze, utilizzi prodotti non conformi agli articoli 4, 5, 6, 7,
8, 9 e 10 del regolamento (UE) n. 305/2011 e all'articolo 5, comma 5,
del presente decreto e' punito con la sanzione amministrativa
pecuniaria da 4.000 euro a 24.000 euro; [...]

2. Il progettista dell'opera che prescrive prodotti non conformi a
quanto previsto dall'articolo 5, comma 5, del presente decreto o in
violazione di una delle disposizioni in materia di dichiarazione di
prestazione e marcatura CE di cui agli articoli 4, 5, 6, 7, 8, 9 e 10
del regolamento (UE) n. 305/2011 e' punito con la sanzione
amministrativa pecuniaria da 2.000 euro a 12.000 euro[...]


Quindi il 30.8.2017 e fino al 31.12.2017 in base alla 64-8 potrei installare cavi vecchi, ma il decreto mi dà la sanzione