Pagina 5 di 5

Re: libero professionista o dipendente della p.a. ?

MessaggioInviato: 6 set 2017, 16:44
da iosolo35
UtenteCancellato, ricordati che il mio primo progetto è datato 1989, una caserma in val di Fassa ero un povero perito iscritto all'università, non sono di primo pelo......e la legge 46/90 non era ancora scritta.

Re: libero professionista o dipendente della p.a. ?

MessaggioInviato: 6 set 2017, 16:59
da iosolo35
Me li porto bene :mrgreen: L'aria della montagna mantiene giovani....meglio del nebiun de Milan......almeno questo me lo concederai

Re: libero professionista o dipendente della p.a. ?

MessaggioInviato: 6 set 2017, 18:38
da Mike
iosolo35 ha scritto:Il pressapochismo di professionisti improvvisati (progettisti tuttologi ed installatori alle prime armi spregiudicati) degli anni '90/00 viene a galla.......

Vero in parte, è vero nel settore privato dove il consulente è visto come una risorsa e non quello che ti fa il pezzo di carta o mette il timbro per avere un permesso a costruire o un'agibilità. E' parzialmente vero quando hai a che fare con grandi realtà imprenditoriali private che però dipendono direttamente o indirettamente dal settore pubblico e/o fanno "impresa di relazione".
Non è assolutamente vero nel settore pubblico, dove conta molto la formalità e poco la sostanza, questo anche per l'incapacità e/o incompetenza del referente della stazione appaltante e/o per questioni prettamente politiche.
In 23 anni di attività professionale ho una bella serie di casistiche con tanto di nomi e cognomi.

Re: libero professionista o dipendente della p.a. ?

MessaggioInviato: 7 set 2017, 11:00
da m_dalpra
UtenteCancellato ha scritto:purtroppo l'obbligo di progetto ha due facce....

.....


Gli obblighi sono sempre visti come scocciature.
Essendo obblighi, quasi nessuno sta a riflettere sul senso.
Il direttore, l'amministratore, il "paron", vedono nell'obbligo di Progetto solo una spesa dietro la restituzione di carta.

Così la scelta del progettista (elettrico) viene delegata all'elettricista... tanto serve solo per produrre carta, per far contento lo Stato o i suoi delegati.
Tutto tempo perso.

Il manager quindi non si prende la responsabilità di scegliere il progettista perché non SEMBRA dargli nessuna contropartita. Quando la carta c'è, la legge è soddisfatta e tutto è finito.

finché il manager non si rende conto che senza un progetto ragionato e su misura per lui le cose sono inefficienti o funzionano male, il progetto resta carta inutile.
Anzi, il manager non capisce perché l'azienda funziona male, perché se i progetti sono a posto, tutto dovrebbe filare liscio.

Cioè non si rende conto che il progetto fatto per rispettare il minimo di legge è diverso dal progetto fatto per dare il massimo all'azienda.

Si potrebbe ad esempio ipotizzare un mondo con molti più controlli e molti meno obblighi : ma è un mondo troppo diverso da quello in cui viviamo, quindi sorvolo.

Re: libero professionista o dipendente della p.a. ?

MessaggioInviato: 7 set 2017, 11:37
da atomorama
A mio avviso il progetto è sì importante per rispettare la norma di legge ma dal punto del committente è fondamentale avere un computo. Questo serve per poter paragonare le diverse offerte ed avere un controllo sulla qualità dei materiali che verranno messi in opera.

Ad ogni modo gli elettricisti con i quali collaboro sempre più mi chiedono di fare progetti anche per interventi non soggetti: serve a loro per far vedere al cliente le possibilità e per non aver problemi quando è ora di fare i conti.

L'obbligo di progetto naturalmente ne oscura l'utilità pratica: questo perché siamo in Italia, paese ove lo Stato ha fatto e fa di tutto per farsi odiare.

Re: libero professionista o dipendente della p.a. ?

MessaggioInviato: 7 set 2017, 13:46
da Mike
Come tutti gli obblighi, anche l'obbligo del progetto è controproducente.

Re: libero professionista o dipendente della p.a. ?

MessaggioInviato: 7 set 2017, 14:04
da blusol
Il problema non è l'obbligo del progetto bensì l'esistenza delle "corporazioni" che lo posso produrre nonostante il medioevo sia fino da un pezzo.